Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Differenze tra le versioni di "Ho Chi Minh (città)"

Da Wikitravel.
Ho Chi Minh (città)

Default Banner.jpg

(Come orientarsi)
(Come orientarsi)
Riga 10: Riga 10:
 
* Distretto n° 1 - Corrisponde al centro cittadino che si estende tra il fiume Saigon ad est ed il canale Ben Nghe a sud. Pressapoco al centro del distretto sta la zona del mercato "Ben Thanh" ma il cuore della città è la piazza dove si erge il palazzo della Commitato del Popolo (''municipio'') con il monumento a Ho Chi Minh.
 
* Distretto n° 1 - Corrisponde al centro cittadino che si estende tra il fiume Saigon ad est ed il canale Ben Nghe a sud. Pressapoco al centro del distretto sta la zona del mercato "Ben Thanh" ma il cuore della città è la piazza dove si erge il palazzo della Commitato del Popolo (''municipio'') con il monumento a Ho Chi Minh.
  
* Distretto n° 5 - Questo distretto corrisponde all'antico quartiere cinese noto come Cholon il cui nome significa grande Mercato. I Cinesi vi si insediarono verso la fine del XVIII secolo ma molti di loro lo abbandonarono nel 1978 in seguito allo scoppio del conflitto sino vietnamita. Durante gli anni della guerra del Vietnam finita nel 1974, solddati e disertori americani vi mantenevano un mercato nero dove vendevano soprattutto armi. Oggi il quartiere attira molti turisti, soprattutto Taiwanesi e Cinesi e parecchi di loro vi si sono installati di nuovo in cerca di affari, adesso che il clima tra Vietnam e Cina è di nuovo disteso.
+
* Distretto n° 5 - Questo distretto corrisponde all'antico quartiere cinese noto come Cholon il cui nome significa grande Mercato. I Cinesi vi si insediarono verso la fine del XVIII secolo ma molti di loro lo abbandonarono nel 1978 in seguito allo scoppio del conflitto sino vietnamita. Durante gli anni della guerra del Vietnam finita nel 1974, soldati e disertori americani vi mantenevano un mercato nero dove vendevano soprattutto armi. Oggi il quartiere attira molti turisti, soprattutto Taiwanesi e Cinesi e parecchi di loro vi si sono installati di nuovo in cerca di affari, adesso che il clima tra Vietnam e Cina è di nuovo disteso.
  
 
==Da sapere==
 
==Da sapere==

Versione delle 14:08, 13 set 2007

Bambina con un vassoio di banane in una strada di Ho Chi Minh City

Città di Ho Chi Minh è il più grande centro urbano del sud del Vietnam. Saigon era il suo nome in epoca coloniale e il nome è ancora in uso per indicare una zona del centro cittadino (1° distretto).


Come orientarsi

La città è divisa in 22 distretti ma cinque di questi, situati all'estrema periferia, non sono che aree rurali. I rimanenti 17 sono indicati con cifre eccezion fatta per cinque distretti che portano i nomi di Tan Binh, Binh Thanh, Phu Nhuan, Thu Duc e Go Vap. I distretti di maggiore interesse turistico sono:

  • Distretto n° 1 - Corrisponde al centro cittadino che si estende tra il fiume Saigon ad est ed il canale Ben Nghe a sud. Pressapoco al centro del distretto sta la zona del mercato "Ben Thanh" ma il cuore della città è la piazza dove si erge il palazzo della Commitato del Popolo (municipio) con il monumento a Ho Chi Minh.
  • Distretto n° 5 - Questo distretto corrisponde all'antico quartiere cinese noto come Cholon il cui nome significa grande Mercato. I Cinesi vi si insediarono verso la fine del XVIII secolo ma molti di loro lo abbandonarono nel 1978 in seguito allo scoppio del conflitto sino vietnamita. Durante gli anni della guerra del Vietnam finita nel 1974, soldati e disertori americani vi mantenevano un mercato nero dove vendevano soprattutto armi. Oggi il quartiere attira molti turisti, soprattutto Taiwanesi e Cinesi e parecchi di loro vi si sono installati di nuovo in cerca di affari, adesso che il clima tra Vietnam e Cina è di nuovo disteso.

Da sapere

Geografia

Storia


Come arrivare

In aereo

Il nuovo terminal dei voli internazionali all'aeroporto di Tan Son Nhat, inaugurato il 13 agosto 2007
Il vecchio terminal dell'aeroporto "Tan Son Nhat" oggi adibito ai soli voli domestici

Tan Son Nhat (Template:IATA | Template:ICAO) è il nome ufficiale dell'aeroporto cittadino. Recentemente è stato completato un secondo terminale nuovo di zecca per i voli internazionali mentre il preesistente è adesso riservato ai soli voli domestici. I controlli alla dogana sono severi e minuziosi soprattutto per quanto riguarda i documenti di viaggio così le code costituiscono la norma.

Il trasferimento da/per l'aeroporto avviene tramite l'autobus n° 152 che fa capolinea nella zona di Pham Ngu Lao o al mercato Ben Thanh. Sebbene il prezzo del biglietto sia stato portato a 3000 dong, l'autobus costituisce ancora la soluzione più economica per i trasferimenti da/per l'aeroporto.

Un taxi impiega circa mezz'ora per raggiungere il centro e il costo della corsa dovrebbe aggirarsi sui 3-5 US$. ma bisogna fare attenzione che il tassametro sia stato messo in funzione. Altrimenti per 5 US$ si può acquistare un coupon al bancone vicino l'uscita del terminal mettendosi così al riparo da disguidi e discussioni.

All'aeroporto c'è la possibilità di cambiare in valuta locale ma le commissioni sono salate ammontando a un buon 3% così chi volesse risparmiare farebbe bene a cambiare una volta giunto in centro.

Anche qui come ad Hanoi il conducente di taxi insisterà per condurvi ad un albergo di sua conoscenza e bisognerà essere fermi nel rifiutare. C'è da dire ancora che quando ripartirete il conducente tenterà con tutta probabilità di estorcervi qualche dollaro in più invocando una tassa per l'accesso alla zona dell'aeroporto che non vi compete.

Bisogna fare molta attenzione a controllare che nel costo del biglietto sia inclusa la tassa di imbarco/sbarco altrimenti avrete una brutta sorpresa allo sportello del check dove vi verrà chiesto di sganciare altri 240,000 dong.


In treno

La stazione ferroviaria principale si trova nella zona di Cach Mang Thang Tam a nord ovest del centro


Come spostarsi

Una prova lampante delle caotiche condizioni in cui versano le strade di Ho Chi Minh City


In taxi

Il taxi costituisce il mezzo più confortevole per spostarsi da un punto all'altro della città e si può anche fermarlo per strada. Purtroppo i conducenti sono spesso disonesti e smanettano il tassametro per far salire il prezzo della corsa. Le tariffe si aggirano sui 12,000 dong per i primi 2 km, 6,000 per ogni km in più. E' importante portare con se abbondanti spiccioli perché quasi sempre il conducente afferma di non avere resto da dare. I taxi più vecchi, poi non hanno l'aria condizionata.


In ciclomotore

Le motociclette con funzione di taxi (xe ôm) sono diffusissime ma a volte può essere una scelta pericolosa. Naturalmente è necessario pattuire il prezzo in anticipo e farselo scrivere su un pezzo di carta. I prezzi sono assolutamente irrisori. Un passaggio da un punto all'altro del centro non dovrebbe costare più di 10,000 dong mentre una corsa fino all'aeroporto dovrebbe aggirarsi sui 30000. Se siete sofferenti di stomaco dovreste evitare gli xe ôm perché corrono come pazzi.

Potete anche noleggiare un ciclomotore tutto vostro per spostarvi in piena libertà. La zona di Pham Ngu Lao dove si trova la maggior parte degli alberghetti a prezzi modici, pullula anche di noleggiatori. I prezzi variano dai 3 ai 7 US$ per 24 ore a seconda delle condizioni del ciclomotore. Con un po' di pazienza si dovrebbe trovare per 4 US$ un ciclomotore da 100-110cc in buone condizioni. Comunque questa è una soluzione per chi ha già un po' di pratica con il traffico locale. I ladri di motorini poi abbondano come le zanzare e lasciarlo incustodito significa non ritrovarlo più.

In cyclo

I caratteristici cyclo, ovvero i vecchi, cari rickshaw a motore sono quasi scomparsi dalle strade cittadine perché l'amministrazione locale li giudica d'intralcio al traffico. Se ne trovano ancora alcuni nella zona del mercato centrale. Il prezzo è di circa 2 $. Pattuite comunque il prezzo in anticipo e fatevelo scrivere su un pezzo di carta. Appena salirete a bordo poi, il conducente vi proporrà un giro turistico della città.

In autobus

Il sistema dei trasporti pubblici è stato notevolmente migliorato. Sono stati messi in circolazione autobus moderni di colore verde. Agli uffici del turismo statale sono disponibili dépliant con i loro percorsi.

A piedi

Strade e marciapiedi sono a disposizione dei motorini e non dei pedoni sebbene le proteste di chi cammina si facciano sempre più forti e forse a breve le autorità prenderanno qualche misura restrittiva. Il traffico non è così pazzesco come a Bangkok ma rimane pur sempre inquietante per il turista medio. A correre come pazzi per le strade cittadine sono quasi esclusivamente nugoli di motorini e spesso a bordo di una motocicletta si vede una famiglia al completo: mamma, papà e due-tre figli in mezzo. Chi è alla guida di un motorino è prepotente e se ne infischia dei pedoni e dei rari semafori. Tutto questo rende problematico attraversare la strada e il trucco consiste nell'accompagnarsi ai locali e nel non tentare mai la sorte da soli.

Anche la polizia stradale se ne infischia delle infrazioni dei motorini e il loro compito sembrerebbe limitato a controlli casuali con l'intento di spiccare multe e alimentare così le casse di qualche ente amministrativo. Se poi verrete coinvolti in qualche incidente stradale, la colpa vi verrà imputata semplicemente perché siete straniero.


Da vedere

Monumento a Ho Chi Minh e Palazzo del Commitato del Popolo (Municipio)
Pagoda dedicata a Thien Hau, dea del mare


Attività ricreative

Parco di divertimenti a tema "Suoi Tien"


Folclore e manifestazioni

Opportunità di studio

Opportunità di lavoro

Acquisti

Il mercato coperto di Thanh nella Città di Ho Chi Minh


Dove mangiare

Economici

Prezzi medi

Prezzi elevati

Bere

Vita notturna

Dove alloggiare

Economici

Prezzi medi

Prezzi elevati

Comunicazioni

Poste

Telefoni

Postazioni Internet e Wi-Fi spots

Sicurezza personale

Uscire

Escursioni

Itinerari





Questo articolo è un outline ed ha bisogno di maggiori contenuti. Ha un template, ma non è abbastanza. Per favore, buttati e aiutalo!