Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Parco Nazionale Altai Tavan Bogd

Da Wikitravel.
Parco Nazionale Altai Tavan Bogd

Default Banner.jpg

Tavan Bogd

Il Parco Nazionale Altai Tavan Bogd è il più esteso parco nazionale della Mongolia. Si trova nella parte occidentale del paese, a sud del monte Tavan Bogd che è anche la cima già alta della Mongolia. Posizionato vicino al confine con Russia e Cina, dalle vette più alte è possibile scorgere anche il Kazakhstan.

Da sapere[Modifica sezione]

Il monte Kuiten Uul,4374 m è la più alta delle cinque cime del Tavan Bogd Mountains (letteralmente "5 Santi") che dà il nome al parco. Si estende su una superficie di 630.000 ettari e ospita tre grandi laghi d'acqua dolce e 34 ghiacciai, oltre a diverse cascate. Il più grande, il ghiacciaio Pontuninii, copre 23 km quadrati. Le Tavan Bogd Mountains sono considerate sacre per i locali kazaki, tuvani e mongoli. Il parco si estende dalla Russia lungo il confine cinese, seguendo la catena montuosa dell'Altai che divide Cina, Russia, Mongolia e Kazakistan, per oltre 200 km. Antiche tribù hanno lasciato molti manufatti, utilizzando la regione per cerimonie religiose. Oggi, decine di migliaia di petroglifi nel parco fanno parte del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO. Inoltre ci sono numerosi megaliti e tumuli di pietra.

L'alta stagione va da giugno a ottobre, quando le temperature sono più calde, la neve si è sciolta e sono in funzione campi turistici e navette. Il periodo più affollato è agosto e settembre, quando il tempo è il migliore per l'alpinismo, e anche nel periodo delle feste dell'aquila. Ma il parco è comunque accessibile tutto l'anno con attività come lo sci sulla neve e la caccia all'aquila durante i freddi mesi invernali.

Storia[Modifica sezione]

I monti Altai sono stati abitati da circa 12.000 anni. Le immagini più antiche del parco vanno dall'11.000 al 6.000 a.C. con grandi mammiferi da caccia e culture antiche. Migliaia di anni di petroglifi mostrano il passaggio dal cacciatore-raccoglitore alla pastorizia e successivamente all'attuale semi-nomade che si è sviluppato negli ultimi 3.000-4.000 anni. Circa 4.000 anni fa, l'uso dei cavalli e l'addomesticamento degli animali ha portato all'ascesa dei turchi blu (la cui lingua è la radice del kazako e del turco). Questi guerrieri hanno lasciato erette statue di pietra scolpite, note come Turkic Stone Men, che si estendono sui monti Altai.

Più tardi, nel 700 a.C., un gruppo di nomadi guerrieri a cavallo, gli Sciti, iniziarono a viaggiare dai monti Altai per conquistare una regione che si estendeva fino al Mar Nero. Sono scomparsi dopo essere stati sconfitti da Alessandro Magno nell'odierno Turkmenistan nel 329 a.C., ma non prima di aver lasciato molti tumuli di pietra nell'Altai. Questi tumuli, o Khirigsuur, sono stati progettati per conservare i corpi nel terreno ghiacciato con cavalli, armi, armature e cibo per l'aldilà. Uno di questi tumuli è stato scoperto che conteneva un guerriero sciita in piena battaglia in una spedizione di ricerca del 2005. Nel 100 d.C., gli Unni migrarono attraverso la regione dalle steppe della Mongolia per distruggere l'Europa intorno al 400 d.C.. Intorno a questo stesso periodo, le tribù di pastori di renne provenienti dalla Siberia, chiamate Tuvans, iniziarono ad espandersi a sud verso le montagne.

Le montagne e gran parte della regione circostante, compresa la prima Via della Seta a sud, cadde sotto il controllo del Khannate turco-uiguro (regno) dopo il 600 d.C. fino a quando Gengis Khan la conquistò insieme a gran parte dell'Asia dal 1260. Gli uiguri e i turchi furono incorporati nell'esercito del Khan. Dopo la morte di Gengis, l'impero fu diviso tra i suoi figli, con gli Altai che formavano il confine tra l'Orda d'Oro (Russia), Chagatai Khan (Asia Centrale) e la dinastia Yuan (Cina). La regione cambiò di mano più volte a causa delle lotte intestine e della divisione dei territori in seguito al declino dell'impero mongolo. La regione cadde sotto il controllo della dinastia Yuan fino al 1370, anno del loro declino. La regione fu poi governata dalle tribù mongole indipendenti degli Oirat fino alla conquista da parte della dinastia Qing nel XVIII secolo.

Tra il 1840 e il 1940, molti kazaki si trasferirono sulle montagne dell'Altai per sfuggire alle persecuzioni e al dominio dei russi e poi dei sovietici e dei comunisti cinesi. La Mongolia divenne stato satellite della Russia dopo una lunga e sanguinosa guerra civile dal 1911 al 1924. Per i successivi 70 anni, Tavan Bogd fu una zona di confine isolata e chiusa a tutti, ma pochi ignorarono i pastori kazakiani e le pattuglie dell'esercito.

Paesaggio[Modifica sezione]

Altai Tavan Bogd ha alcuni dei paesaggi più belli di tutta la Mongolia, con montagne bianche, ghiacciai, profonde valli lussureggianti e grandi laghi. Il parco è diviso in 2 regioni, il Tavan Bogd Mountains a nord-ovest e la regione dei laghi a sud-est. Lo scioglimento glaciale e la caduta di neve annuale fornisce 3 grandi laghi all'interno del parco che alimentano le acque del fiume Hovd.

Le Tavan Bogd Mountains sono le montagne più alte della Mongolia, con il Khuiten Uul ('Cold Peak') a 4374 m che è il più alto. Queste montagne innevate in modo permanente formano una conca attorno al ghiacciaio Pontuninii, che copre 23 km quadrati. Le altre vette sono Nairamdal ('Friendship', 4180 m), Malchin ('Herder', 4050 m), Bürged ('Eagle', 4068 m) e Olgii ('Craddle', 4050 m). Dalla cima del Kuiten Uul è possibile vedere il Kazakistan a 30 km di distanza nelle giornate limpide. Khuiten Uul è stato ribattezzato Ikh Mongol ('Grande Mongolo') dal presidente Enkhbayar quando lo ha scalato nel 2006, anche se questo nome è ampiamente ignorato. C'è ancora un monumento alla base che commemora la conquista.

La "Regione dei laghi" è una bellissima area che circonda 3 grandi laghi di acqua dolce. Khurgan Nuur e Khoten Nuur sono collegati da un piccolo canale con molte piccole insenature che scorrono nei laghi dalle montagne circostanti. Due di questi ruscelli formano cascate di 7-10 m di altezza. Un piccolo ponte attraversa il canale. Questi laghi sono pieni di pesci e di molte specie di uccelli. Dayan Nuur è un lago più piccolo a 20 km a sud dei 2 laghi più grandi.

Flora e fauna[Modifica sezione]

All'interno del parco sono presenti molte specie in via di estinzione, tra cui pecore argali, faine, stambecchi, lupi grigi, cervi, avvoltoio nero, alci, leopardi delle nevi, il tetraogallo di Altai, aquile reali e molte altre.

Come arrivare[Modifica sezione]

Lago Horgan

Altai Tavan Bogd si trova a 180 km dal capoluogo di provincia Ölgii. Si parte dalla città, a meno che non si vada con un tour operator che ottiene i permessi in anticipo. Ci vorranno 7 ore con soste (5 ore non-stop) a causa delle strade accidentate e inesistenti, dei passi di alta montagna e della mancanza di ponti, anche se si tratta di un percorso molto panoramico. La maggior parte dei visitatori del parco fanno parte di un gruppo turistico o con una guida, anche se molti di loro ne fanno a meno.

Di seguito alcune delle compagnie che offrono tour per visitare il parco.

  • Wonderful Mongolia Travel [1]
  • Western Mongolia Tour LLC [2]
  • Blue Wolf Travel [3]
  • Kazakh Tour [4]
  • Bulbul Jamak Travel [5]

Permessi[Modifica sezione]

Mappa del parco

Per entrare nel parco sono necessari due permessi, un permesso di parco e un permesso di confine. Il "permesso di parco" è disponibile presso il Centro informazioni per i visitatori di Ölgii o presso una delle stazioni dei ranger del parco vicino ai monti Tavan Bogd e sul fiume Hovd a sud di Tsengel (sulla strada per i laghi). Ognuno dovrebbe averne uno, che è di 3000T per gli stranieri e 1500T per i mongoli. Tutti i visitatori devono recarsi ad una stazione dei Ranger all'ingresso nel parco. Ce ne sono 2 vicino a Tavan Bogd in ognuna delle 2 valli che si avvicinano alla montagna, più un'altra a Syrgil tra i laghi (dopo la stazione dei Ranger del fiume Hovd).

I Permessi di confine'' sono necessari per recarsi nel raggio di 100 km da un confine internazionale della Mongolia. I permessi per la zona di frontiera cinese sono disponibili presso l'ufficio di pattuglia di frontiera di Ölgii (vicino al fiume, 1 km ad ovest del ponte). I permessi per il confine russo sono disponibili solo nel villaggio di Tsaagannuur, vicino al valico di frontiera russo e 70 km a nord di Ölgii. Il permesso di frontiera russo è necessario se si va a nord del ghiacciaio Pontuninii e verso il monte Khuiten Uul. Può anche essere richiesto se i fiumi vicino a Tsengel sono troppo alti per essere attraversati e richiedono un percorso più a nord verso le montagne. Il permesso russo non è richiesto se si entra nel parco vicino ai laghi. Sarà meglio avere una persona del luogo quando si va alla pattuglia di frontiera, perché non sempre gradiscono parlare con persone che non parlano mongolo o russo. I permessi sono 3000T per gruppo. Se pensate di entrare con un gruppo e poi separarvi nel parco, ottenete permessi multipli. Chiunque non abbia un permesso di frontiera verrà respinto a Ölgii dall'esercito a proprie spese più una grossa multa.

I permessi di pesca sono disponibili dal 15 giugno al 15 aprile. Sono disponibili presso l'Ufficio per la protezione della natura accanto alla Khaan Bank (XAAH БAHK) sulla piazza di Ölgii, o presso il governo del villaggio di Tsengel. I permessi sono 3500T e buoni per l'intero viaggio. Tuttavia, non è necessario un permesso per la pesca a mosca e il possesso solo per un pasto (anche se si dovrebbe consultare una guida per i limiti appropriati).

Da vedere[Modifica sezione]

Cosa fare[Modifica sezione]

Mangiare[Modifica sezione]

Non ci sono ristoranti nel parco. Portate con voi tutto il cibo di cui avete bisogno. I cibi kazaki locali sono generalmente a base di carne, specialmente in campagna. Capra, pecore, cavalli, cammelli e mucche. La maggior parte del cibo sarà carne, farina, forse patate, e una grande quantità di olio da cucina.

Bere[Modifica sezione]

Di nuovo, nessun ristorante nel parco. Portate con voi l'acqua in bottiglia o bollita e i mezzi per purificare o far bollire l'acqua quando siete in campeggio e in viaggio. Un sacco di acqua in giro, basta prendere le solite precauzioni. Quando si è con la gente del posto, potete provare le specialità locali: tè al latte, koumis (latte di cavallo fermentato) e vodka.

Dove alloggiare[Modifica sezione]

La maggior parte delle compagnie turistiche che viaggiano nel parco vi porteranno al proprio alloggio, sia nel proprio lodge che nel campo allestito. Ci sono alcuni campi di ger (yurta) sparsi in giro, ma dovrete controllare con l'ufficio del parco per le loro posizioni attuali.

All'interno del parco, non ci sono strutture commerciali, alberghi, ostelli, ecc. I viaggiatori indipendenti possono trovare alloggio presso i pastori Khazakh locali se vogliono vivere un'esperienza locale molto piacevole e interessante. Se lo fate, pagateli per il vostro soggiorno. Le opportunità di reddito per queste persone sono molto limitate. Due o quattro dollari a notte è attualmente accettabile e un buon rapporto qualità-prezzo per l'esperienza. Quando si viaggia più in montagna, non c'è alloggio a meno che non si porta una tenda, e questo è raccomandato.

Ci sono ora diverse comunità di pastori che si sono riunite e possono fornire alcuni servizi primitivi come l'alloggio e la guida. Verificate presso l'ufficio informazioni del parco per trovare dove sono se volete visitare una di queste comunità. Può essere una grande esperienza, ma siate preparati.

Sicurezza personale[Modifica sezione]

Animali[Modifica sezione]

Ci sono lupi, orsi, volpi e altri animali potenzialmente pericolosi all'interno del parco. La gente del posto vi avvertirà di fare attenzione ai lupi soprattutto quando si viaggia da soli. Tuttavia, gli attacchi alle persone sono molto rari e i lupi hanno paura degli esseri umani. Avete maggiori possibilità di essere morso da un cane vicino a uno degli accampamenti. Un'altra preoccupazione sono le malattie trasmesse dagli animali. La gente del posto mangia le marmotte, anche se questo può essere pericoloso, poiché portano la peste bubbonica. Per chiedere se vi viene servita la marmotta in Kazakistan dire "soor bar ma?".