Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Montegrotto Terme

Da Wikitravel.
Montegrotto Terme

Default Banner.jpg

Da sapere[Modifica sezione]

Montegrotto Terme e Abano Terme sono l'antica casa di Aponus, dio dell’acqua termale e delle virtù curative, onorato migliaia di anni fa dai Veneti e dai Romani che hanno lasciato la preziosa eredità della sapienza e della tradizione della piacevolezza delle cure e dei trattamenti termali.

Geografia[Modifica sezione]

I rilievi Euganei sono nati dal fondo dell’antico mar della Tetide attraverso complessi fenomeni magmatici. Si presentano assemblati in un gruppo centrale, con alcune cime isolate, occupando un’area di circa 340 kmq . L’altezza dei Colli Euganei non supera i 600, con il Monte Venda a 601 mentre gli altri colli raggiungono i 400-500 metri, con piccole vette che sfiorano i 100 metri.

Storia[Modifica sezione]

Montegrotto nasce in un'area ricca di sorgenti termali residue del vulcanesimo dei Colli Euganei, tra le province di Padova e Vicenza. L’importanza delle sorgenti si nota anche dall'antico nome romano di "Mons Aegrotorum", letteralmente monte dei malati. I popoli che abitarono queste zone conoscevano bene le proprietà terapeutiche delle sorgenti e ne attribuivano la loro origine agli dei: infatti le piccole sculture rappresentanti parti del corpo umano, dette "ex voto", rinvenute con gli scavi, altro non erano che offerte dei malati guariti dalle acque, che in segno di riconoscenza venivano gettate nei laghi.

Gli antichi paleoveneti avevano qui un santuario frequentato tra l’VIII ed il III secolo a.C come dimostrano le migliaia di reperti archeologici come vasetti e bronzi votivi rinvenuti.

In epoca romana, tra il I ed il II secolo d.C., la Fons Aponi (Sorgente di Apono) divenne uno dei più importanti e famosi centri termali e sede anche del misterioso culto dell’oracolo di Gerione.

Dopo l’anno Mille si riaffermò un grande interesse per la zona termale con lo sfruttamento di nuove sorgenti come quelle di San Daniele in Monte e Montirone ad Abano, i bagni della Stuva a Battaglia. I signori Da Carrara, principi di Padova per quasi tutto il Trecento, avviarono importanti studi sui fanghi poi continuati dalla scuola di Medicina dell’Università di Padova fino al Settecento quando vennero istituite due nuove cattedre dedicate allo studio del termalismo.

Oggi come allora le Terme Euganee sono un posto dove ritrovare benessere, e grazie allo sviluppo delle strutture turistiche e degl istabilimenti sono diventate una delle stazioni termali più grandi e all'avanguardia del continente.

Come arrivare[Modifica sezione]

In auto[Modifica sezione]

Per chi percorre l'autostrada A4 Torino-Trieste provenendo da Milano, l'uscita consigliata è Padova Ovest; da qui si prosegue per la Tangenziale ovest (Corso Australia) fino allo svincolo per Montegrotto. Si imbocca quindi la provinciale che da Padova porta a Montegrotto Terme e percorsi 5 km si arriva nel centro termale.

Per chi proviene in auto dall’autostrada A13 (PadovaBologna) , l’uscita consigliata è quella di Terme Euganee. Anche chi proviene percorrendo l’autostrada A4 arrivando da Mestre, può raggiungere il raccordo per l’autostrada A13 e percorrerla in direzione di Bologna uscendo sempre al casello di Terme Euganee.

Da qui dopo aver percorso la Statale Adriatica in direzione Padova per 2 km, si imbocca lo svincolo della nuova Circonvallazione e in un paio di minuti si raggiunge il centro di Montegrotto Terme.

In aereo[Modifica sezione]

L'aeroporto più vicino, è quello di Venezia (60 Km). Da qui si può arrivare a Montegrotto in taxi, o con la linea bus diretta Aeroporto-Montegrotto Terme (tempo di percorrenza 90 min). Anche gli aeroporti internazionali di Treviso (70 Km) e Verona (80 Km) sono abbastanza vicini e comodi da raggiungere.

In treno[Modifica sezione]

Arrivare a Montegrotto Terme in treno è comodissimo: infatti la stazione ferroviaria è in città e vi fermano quasi tutti i treni che percorrono la linea Padova-Bologna. In stazione è presente il servizio Taxi.

In autobus[Modifica sezione]

Da vedere[Modifica sezione]

  • L'area archeologica con i ruderi delle originarie Thermae romane
  • Casa delle Farfalle, originale parco esotico dove si ammirano migliaia di specie di farfalle che volteggiano tra piante e fiori e al Bosco delle Fate, con folletti, druidi, e fate delle leggende celtiche e paleovente
  • Chiesa dei Ss.Pietro ed Eliseo ed Oratorio della Madonna: nel centro della Montegrotto vecchia, ricostruiti nel 18° secolo sui resti di precedenti edifici di epoca medievale
  • Il Duomo di San Pietro, costruito su un colle che domina tutta la città, dove un tempo si ergeva un edificio romano
  • Villa Draghi, villa signorile del 1700, così oggi chiamata dal nome degli ultimi proprietari, immersa nel verde nei pressi del monte Ceva
  • Museo Internazionale del Vetro d’arte e delle Terme: situato sulla strada per Villa Draghi, alla fine di Via Castello. Offre una panoramica sulla lavorazione artistica del vetro. In mostra collezioni permanenti e tematiche.

Per informazioni turistiche:

  • La Città di Montegrotto Terme, [1].  edit
  • Turismo Terme Euganee, [2].  edit
  • Parco Regionale dei Colli Euganei, [3].  edit

Salute e termalismo[Modifica sezione]

Montegrotto Terme, assieme alla vicina Abano Terme, costituisce il centro termale più grande d’Europa. Ogni hotel dispone di un proprio centro termale, questo significa accedere ai trattamenti direttamente dalla propria stanza d'albergo, senza doversi spostare.

Tra i trattamenti principali di Montegrotto Terme ci sono:

  • La fangoterapia termale
  • La balneoterapia termale
  • Le terapie inalatorie
  • L'idrochinesiterapia

L’acqua termale di Montegrotto Terme è ricca di sali minerali e ha proprieta miorilassante e decontratturante. Il fango DOC che matura con quest'acqua è stato riconosciuto come Farmaco, perché come tale agisce aiutando a combattere il dolore. Migliora la sintomatologia e la situazione fisiologica di chi si sottopone ad un ciclo di fangoterapia, un trattamento completamente naturale particolarmente indicato per artrosi, reumatismi, osteoporosi e altre patologie legate alle articolazioni.

Un ciclo di fangoterapia termale di almeno 6 trattamenti consecutivi (meglio se si arriva a 10/12) produce i seguenti effetti:

  • stimola la produzione di endorfine, che aumentano la soglia del dolore (a parità di dolore lo si sopporta meglio);
  • stimola la ricostituzione della cartilagine fra le articolazioni;
  • grazie al calore che rilascia sul corpo ha effetto miorilassante e decontratturante;
  • ha effetto depurativo perché aiuta ad espellere tossine e rappresenta un leggero peeling e maschera di bellezza per la pelle di tutto il corpo.

La balneoterapia termale è indicata per stimolare la circolazione sanguigna, in associazione a trattamenti di idromassaggio.

Le terapie inalatorie sono ottime contro i disturbi dell’apparato respiratorio grazie all’acqua termale, particolarmente indicate contro sinusiti, riniti, laringiti, bronchiti, sordità rinogena.

L'idrochinesiterapia ovvero la riabilitazione in acqua termale, è indicata per riacquistare mobilità dell’apparato osteo-articolare, specialmente a seguito di interventi o fratture.

Sono quattro i maggiori benefici:

  • la quasi totale immersione del corpo in acqua termale riduce il peso corporeo di circa il 90%, con un alleggerimento della colonna vertebrale e dell’intero sistema osteo-articolare;
  • l’acqua termale salso-bromo-jodica, , ha effetto miorilassante e decontratturante;
  • la temperatura di ca. 35° C consente al paziente di non raffreddarsi;
  • l’ampiezza delle vasche e delle piscine consente al terapeuta di eseguire ampi movimenti a beneficio del paziente.

Attività ricreative[Modifica sezione]

Oltre ai trattamenti termali nella zona di Montegrotto si possono praticare diverse altre attività.

Il territorio dei Colli Euganei si può scoprire anche a piedi o in bicicletta, in particolare tra marzo e ottobre. Ci sono cinque campi da golf (di cui due a 27 buche), maneggi e centri per l’equitazione, ampia disponibilità di biciclette, diversi sentieri pedonali tra le colline con piantine che indicano i punti panoramici e di ristoro, mentre a Rocca Pendice gli amanti dell'alpinismo troveranno una vera palestra di roccia.

In costruzione (apertura prevista Dicembre 2013) la piscina più profonda del mondo: Y-40 Deep Joy. La piscina avrà una profondità massima di 40 metri e sarà riempita solamente di acqua termale, garantendo la possibilità di immergersi senza bisogno di mute.

Acquisti[Modifica sezione]

Dove mangiare[Modifica sezione]

Economici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

Prezzi elevati[Modifica sezione]

Bere[Modifica sezione]

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Economici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

  • Hotel Antoniano Terme, [4].  edit
  • Hotel Millepini Terme, Via Catajo, 42 - 35036 Montegrotto Terme (PD), (+39) 049 891 1766 (), [5].  edit

Prezzi elevati[Modifica sezione]

  • Hotel Terme Delle Nazioni Via Mezzavia 20, tel. +39 049 8911690, fax +39 049 8911783 [7]
  • Hotel Des Bains Terme, [6].  edit

Comunicazioni[Modifica sezione]

Poste[Modifica sezione]

Telefoni[Modifica sezione]

Internet[Modifica sezione]

Uscire[Modifica sezione]

Escursioni[Modifica sezione]

  • L’Abbazia Benedettina di Santa Maria Assunta di Praglia, forse la più importate realtà monumentale e religiosa del territorio, si trova nel comune di Teolo, a soli 10 minuti di macchina da Montegrotto Terme. Dal Chiostro Pensile si accede a una loggia, da cui la vista spazia sui Colli Euganei e le campagne intorno.
  • Il Castello del Catajo, sulla strada che da Padova conduce a Battaglia Terme.
  • Il giardino Barbarigo-Pizzoni Ardemani a Valsanzibio, vicino a Galzignano Terme, è uno dei più importanti e raffinati esempi di Giardino all’Italiana.
  • Arquà Petrarca: uno dei borghi più belli d’Italia, non a caso il poeta Francesco Petrarca volle trascorrere gli ultimi anni della sua vita proprio in questo borgo aggrappato alle pendici dei Colli Euganei. da visitare la casa-museo del poeta.
  • Le Città murate: Montagnana, Monselice, Este, tutte circondate da possenti mura di cinta medioevali. In queste città hanno luogo i Palio nel mese di settembre, con rievocazioni storiche che coinvolgono abitanti e turisti.