Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Isole Salomone

Da Wikitravel.
Isole Salomone

Default Banner.jpg

noframe
Localizzazione
noframe
Bandiera
Flag of the Solomon Islands.svg
In breve
Capitale Honiara
Governo Repubblica parlamentare
Valuta Dollaro delle Isole Salomone (SBD)
Superficie 28,450 km2
Abitanti 494,786 (luglio 2002)
Lingua ufficiale Pidgin melanesiano, Inglese (lingua ufficiale ma compresa solo dal 2% della popolazione) nota: 120 linguaggi indigeni parlati
Religione Anglicana 45%, Cattolica 18%, Unita (Metodista/Presbiteriana) 12%, Battista 9%, Avventista del Settimo Giorno 7%, Altre confessioni protestanti 5%, Credenze indigene 4%
Elettricità 240V/50Hz
Presa di tipo australiano
Prefisso +677
Internet TLD .sb
Sito web sito ufficiale del turismo


Le isole Salomone, ( In Inglese: Solomon Islands ) costituiscono un arcipelago del Pacifico meridionale situato ad Est di Papua Nuova Guinea. Le isole occupano una posizione strategica lungo le rotte tra il mar dei Coralli e l'oceano Pacifico meridionale.

Capire[Modifica sezione]

La storia[Modifica sezione]

Si ritiene che le Isole Salomone siano abitate dalla popolazione di origine melanesiana da migliaia di anni e che popoli di lingua papuense giunsero sulle isole addirittura attorno al 30.000 a.C. In seguito arrivarono altri popoli dalle isole vicine e anche dalla zona dell'Australia, ognuno dei quali portò con sé i propri elementi culturali come l'utilizzo celle canoe o le ceramiche. I primi contatti con gli Europei avvennero grazie al navigatore spagnolo Álvaro de Mendaña de Neira che arrivò dal Peru nel 1568. A quel tempo gli isolani erano conosciuti per essere cacciatori di teste e cannibali prima dell'arrivo dei missionari europei. Per lungo tempo ci furono anche massacri dovuti al fatto che molti indigeni venivano catturati e resi schiavi per essere poi deportati nelle piantagioni del Queensland australiano e delle Fiji. La situazione legata alla tratta del schiavi indusse il Regno Unito a stabilire un protettorato nel 1893. Durante la Seconda Guerra Mondiale ci furono violenti scontri tra Americani e Giapponesi tra il 1942 e il 1945 inclusa la Battaglia di Guadalcanal. Le isole ottennero l'autonomia nel 1976 e l'indipendenza nel 1978. Alla fine del XX secolo scoppiarono scontri etnici molto violenti che portarono nel 2003 all'arrivo di una forza multinazionale guidata dall'Australia con l'obiettivo di riportare la pace, porre fine alle violenze, disarmare le milizie etniche e migliorare il governo locale. The Solomon Islands is a constitutional monarchy with the Queen of the Solomon Islands, at present Elizabeth II, as the head of state.

Geografia[Modifica sezione]

Le Isole Salomone sono una nazione insulare molto estesa, dall'estremità occidentale a quella orientale sono circa 1500km. Ci sono isole remote e molto distanti tra loro, alcuni vulcani anche attivi e numerosi piccoli atolli circondati da barriera corallina. La cima più alta è il monte Makarakomburu che raggiunge i 2447 metri di altezza.

Clima[Modifica sezione]

Il clima è tropicale umido con una media di circa 27°C durante tutto l'anno. La stagione più fredda è quella che va da giugno ad agosto. Sebbene non ci sia una differenza marcata tra le stagioni, da novembre ad aprile i venti portano piogge e in alcuni casi vere e proprie tempeste e cicloni tropicali.

Isole[Modifica sezione]

Map of Solomon Islands

Choiseul
la parte settentrionale; include Treasury Islands e Shortland Islands oltre alla stessa Choiseul
Florida and Russell Islands
Guadalcanal (Honiara)
l'isola principale, con la capitale e lo scalo aeroportuale più importante
New Georgia Islands
l'isola di New Georgia più svariate isole minori e atolli
Malaita
Renell and Bellona
San Cristobal
conosciuta anche come Makira
Santa Cruz Islands
piccole e remote isole a sud-est, vicine alle Vanuatu
Santa Isabel
dove sbarcarono i primi europei






Città[Modifica sezione]


Come arrivare[Modifica sezione]

In aereo[Modifica sezione]

Ci sono 31 aeroporti sparsi su tutte le isole, ma solo due hanno una vera pista asfaltata.

Honiara International Airport - isola di Guadalacanal, è l'aeroporto principale. I collegamenti sono soprattutto con Brisbane, le Isole Fiji, Papua Nuova Guinea, Nauru, Vanuatu e le altre isole dell'arcipelago. Le compagnie aeree più importanti che operano nella regione sono Virgin Airlines e Solomon Airlines.

In nave[Modifica sezione]

Ci sono navi da crociera che occasionalmente fanno tappa ad Honiara e altre isole esterne, tuttavia è difficile utilizzare queste navi per arrivare da altre nazioni.

Come spostarsi[Modifica sezione]

In aereo[Modifica sezione]

Solomon Airlines è di fatto l'unica compagnia che offre voli interni.

In nave[Modifica sezione]

Data la conformazione del territorio, gli abitanti sono abituati a spostarsi via mare. Sebbene sia più un mezzo di trasporto più lento rispetto all'aereo, il viaggio via mare permette di ammirare zone più remote. Le imbarcazioni sono standard ma sono tutte dotate di servizi igienici e un'area dove mangiare o bere qualcosa.

Lingue parlate[Modifica sezione]

Sulle isole si parlano circa 120 lingue indigene melanesiane, la maggioranza della popolazione parla la propria lingua locale come una lingua franca. L'Inglese è la lingua ufficiale ma di fatto è parlato da una percentuale molto bassa della popolazione.

Economia[Modifica sezione]

La maggior parte della popolazione dipende dall'agricoltura, dalla pesca e dalla silvicoltura per almeno una parte del loro sostentamento. La maggior parte dei beni e dei prodotti petroliferi devono essere importati. Le isole sono ricche di risorse minerarie non sviluppate come il piombo, lo zinco, il nichel e l'oro. Il turismo è ovviamente una voce importante dell'economia dell'arcipelago ed è soprattutto un trismo legato alle immersioni subacquee. Tuttavia, a causa dei collegamenti difficili e di infrastrutture ancora un po' inadeguate, l'industria turistica non ha ancora raggiunto livelli di eccellenza.

Cosa fare[Modifica sezione]

Le isole offrono tutte le grandi attrazioni della Melanesia. Paesaggi idilliac con spiagge sabbiose perfette e splendida natura caratterizzata da foresta pluviale, lagune e cascate. Per coloro che amano fare immersioni, la vita acquatica è sorprendente come quella in superficie. C'è la natura selvaggia da scoprire e sorprendenti e colorate tradizioni culturali da vedere. Tra le mete principali va ricordato l'incantevole e immenso Lago Te'Nggano, circondato da alte falesie che una volta erano le barriere di questa vecchia laguna.

Ancora più famosa è la laguna Langa Langa di Auki. Mentre le sue acque sono di colore marrone piuttosto che azzurro, la vita qui è lenta e pacifica, con i locali che lavorano ai loro prodotti di artigianato e le classiche canoe che scivolano silenziose sull'acqua. È anche uno dei luoghi dove si possono ammirare le isole artificiali per le quali è famoso il paese. Alcune risalgono al XVI secolo, ma se ne creano di nuove ancora oggi usando pietre e coralli.

Seguite il percorso leggermente impegnativo ma bello per il fango bollente delle sorgenti termali Reoka o - per gli escursionisti seri - prendete in considerazione un'escursione di due giorni sulla cima del vulcano Kolombangara. Più facile ma bello è il sentiero delle cascate di Mataniko, con le grotte sottostanti che servivano come nascondiglio per i soldati della seconda guerra mondiale e le cascate di Tenaru. Sono entrambi vicini a Honiara, la capitale del paese, che ospita anche il Museo Nazionale e il Centro Culturale.

East Rennell nel distretto di Rennell e Bellona district è l'atollo corallino più grande del mondo ed è un bene dell'UNESCO.

Le Isole Salomone sono state il campo di battaglia tra le forze giapponesi e quelle americane durante la guerra del Pacifico. La maggior parte delle reliquie di guerra si può ancora vedere su terra e sotto l'acqua, compresi carri armati, relitti di aerei e navi e armi.

Mangiare[Modifica sezione]

Bere[Modifica sezione]

L'età per bere alcolici è 21 anni, ma non c'è un'età per la quale è vietata la vendita di bevande alcoliche.

Sicurezza personale[Modifica sezione]

Valgono sempre l normali regole di buon senso: evitate zone buie e isolate se siete da soli, non lasciate nulla di prezioso in vista.

Prevenzioni sanitarie[Modifica sezione]

La malaria è la minaccia più grave sulle isole. Chiunque sia intenzionato a visitare l'arcipelago deve assolutamente sottoporsi a profilassi antimalarico.

I coccodrilli marini sono relativamente comuni (rispetto ad altre isole del Pacifico meridionale) nelle Isole Salomone e si deve prestare molta attenzione nel vicino o in prossimità di qualsiasi specchio d'acqua. La conoscenza è la migliore difesa per chiunque ed è utile anche per proteggere i coccodrilli stessi. Sebbene non ci siano livelli di coccodrilli paragonabili all'Australia settentrionale e alla Nuova Guinea, la popolazione è ancora considerata relativamente al sicuro sulle Salomone rispetto a gran parte del sud-est asiatico.

Rimanere in contatto[Modifica sezione]