Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Québec: differenze tra le versioni

Da Wikitravel.
(Lingue parlate)
(Come arrivare)
Riga 105: Riga 105:
 
==Come arrivare==
 
==Come arrivare==
  
Per raggiungere il Québec si possono utilizzare diversi mezzi di trasporto [45] e in particolare l’aereo, il pullman, il treno e l’auto. Il Québec è collegato per via aerea alle grandi città del continente e a quelle europee e asiatiche10. Montréal si trova a soli 70 minuti  di volo da New York e a circa 7 ore da Roma, Londra o Parigi. Per quanto riguarda le province canadesi o gli stati limitrofi, i collegamenti sono garantiti anche da comode strade e linee ferroviarie. Altri mezzi di trasporto come le imbarcazioni o la motoslitta sono riservati agli spiriti più avventurosi.
+
Per raggiungere il Québec si possono utilizzare diversi mezzi di trasporto [http://www.bonjourquebec.com/it-it/serendreauquebec2.html] e in particolare l’aereo, il pullman, il treno e l’auto. Il Québec è collegato per via aerea alle grandi città del continente e a quelle europee e asiatiche10. Montréal si trova a soli 70 minuti  di volo da New York e a circa 7 ore da Roma, Londra o Parigi. Per quanto riguarda le province canadesi o gli stati limitrofi, i collegamenti sono garantiti anche da comode strade e linee ferroviarie. Altri mezzi di trasporto come le imbarcazioni o la motoslitta sono riservati agli spiriti più avventurosi.
  
 
===In aereo===
 
===In aereo===

Versione delle 19:46, 15 ago 2007

Montreal: Marchée Bonsecours
Localizzazione
Quebec-map.png
Bandiera
nofram
In breve
Capitale Quebec City
Fuso orario UTC -5 (eccetto la parte orientale della costa settentrionale, UTC -4)
noframe
Questa pagina non è conforme alle regole di stile di wikitravel e dovrà essere riformattata, Il paragrafo "idee per le vacanze" sarà proposto per la cancellazione Machado
  • Quebec [1] il nome di una provincia del Canada.
  • Il Québec [2] è la prima provincia del Canada per estensione e la seconda in termini di popolazione. È inoltre la sola provincia ad avere il francese come lingua ufficiale.
  • Seconda per estensione e popolazione subito dopo la provincia dell'Ontario, il Quebec è un territorio francofono con capitale Quebec City.
  • Il Québec si distingue dalle altre destinazioni turistiche soprattutto perché, in funzione del proprio retaggio francese, rappresenta una delle poche aree dell’America del Nord ad aver conservato una cultura francofona. Il carattere europeo, la storia, la cultura e lo spirito d’ospitalità giustificano l’imporsi del Québec come destinazione turistica di grande richiamo sia a livello nazionale che su scala internazionale.

Indice

Le regioni turistiche

Il Québec è composto da 21 regioni turistiche:


Città

I tre maggiori centri del Québec sono Montréal, la Città di Québec e Gatineau.


Capire

  • Il Québec fu originariamente una colonia francese e tale rimase per oltre due secoli, dall’arrivo di Jacques Cartier, nel 1534, alla resa del governatore Vaudreuil agli inglesi, nel 1760.
  • Il Québec è l’unica provincia del Canada ad avere il francese come unica lingua ufficiale. È anche una delle pochissime ex colonie francesi in America del Nord dove si parli ancora il francese.
  • Il francese è la lingua madre per l’82% degli abitanti, contro il 10% dell’inglese. Il restante 8% è ripartito su oltre una trentina di lingue diverse quali, in ordine d’importanza, l'italiano, lo spagnolo, l’arabo, il cinese e il greco5. Non sussistono comunque problemi a viaggiare in Québec comunicando in inglese, considerato che oltre il 40% della popolazione è bilingue. Nelle grandi città come Montréal tale percentuale sale al 64%, di cui il 16% conosce anche una terza lingua.
  • Il Québec è la seconda provincia del Canada in termini di popolazione. Conta 7 milioni di abitanti, di cui 5,6 milioni (80% ca.) sono di madrelingua francese.
  • La popolazione è concentrata soprattutto lungo il fiume San Lorenzo, a sud, ed è in larga parte urbanizzata; una percentuale del 50-60% degli abitanti del Québec vive nell’area metropolitana di Montréal.


Idee per le vacanze

Trascorrete le vostre vacanze in Québec, e vivrete un’esperienza ricca di emozioni in una destinazione che non ha eguali in Nord America. Fate la conoscenza dei Québécois, persone semplici, autentiche, con un cuore grande quanto la loro terra. Per assecondarvi nel vostro viaggio di scoperta, il Québec si propone tutto l’anno sotto quattro diverse prospettive:

Città storiche e tuttavia ben ancrate nella modernità, vibranti, festive, sicure, Montreal, Quebec e Gatineau vi presentano una sfaccettatura contrastata del Quebec urbano con il loro ricco patrimonio architetturale, il loro fermento culturale, in un decoro sempre armonizzato con la natura.

Uno dei grandi fiumi del mondo, mezzo d’accesso storico verso il cuore del continente, il Saint-Laurent (San Lorenzo) ostenta i suoi antichi villaggi costieri , le sue isole, i suoi rifugi di uccelli e di mammiferi marini, i suoi fari, il suo litorale campestre o scosceso, su 1800 km. Un universo da esplorare sui flutti o sulle rive.

Il Quebec crea la sua propria maniera di passare le vacanze, associando rilassamento, confort e accoglienza personalizzata, in siti naturali d’eccezione. Approfittate della vita così meravigliosamente in armonia con la natura, tra laghi, valli e foreste, per abbinare le gioie dell’aria aperta ai piaceri della tavola.

Il Quebec, dall’epoca dei boscaioli, è un paese d’avventure senza frontiere. In questo territorio smisurato, gli orsi, i cervi e i caribù sono spesso i soli abitanti dei luoghi. Percorretelo in canoa, in motoslitta o in idrovolante, con la natura come compagna di viaggio.

Altre destinazioni

Da sapere

Geografia

Clima

In Québec si evidenziano tre tipi di clima:

continentale umido, a sud del 50° parallelo, subartico, tra il 50° e il 58° parallelo, artico, oltre il 58° che corrispondono, rispettivamente, alle aree a prevalenza di foreste, di taiga e di tundra.

Il clima del Québec meridionale è caratterizzato da quattro stagioni ben distinte, con notevoli variazioni di temperatura. A un inverno rigido e generoso di precipitazioni nevose (più di tre metri in media ogni anno nella città di Québec) segue una primavera ritemprante; l’estate, piacevolmente calda, cede il passo a un autunno sfolgorante. Anche agli stimoli del clima si devono la vitalità e il calore che contraddistinguono gli abitanti del Québec.

  • La maggior parte delle città del Québec è caratterizzata da un clima continentale umido, con quattro stagioni ben definite e consistenti variazioni di temperatura. L'estate è calda, mentre l'inverno è contraddistinto da forti accumuli di neve. È anche da queste variazioni climatiche che i quebecchesi hanno saputo trarre la loro grande vitalità!
  • Il Grande Nord del Québec è caratterizzato da un clima artico e subartico. La terra ancestrale dei Cri e degli Inuit è famosa per gli inverni lunghi e le estati brevi. [3]

Storia

Jacques Cartier, inviato del re di Francia Francesco I, sbarca a Gaspé nel 1534 e prende possesso di un territorio popolato da millenni dai nativi e dagli Inuit. Nel 1608 Samuel de Champlain approda sulla sponda settentrionale del fiume San Lorenzo, in un luogo che gli Indiani chiamano Kébec. È a Paul Chomedey de Maisonneuve che si deve la fondazione, nel 1642, di una missione d’evangelizzazione chiamata Ville-Marie, destinata a diventare Montréal alla fine del XVIII secolo [4].

Lingue parlate

  • L’82 % della popolazione del Québec è francofona; ciò non toglie che l’inglese sia parlato abbastanza correntemente, soprattutto nelle grandi città come Montréal, dove la percentuale di chi conosce la seconda lingua raggiunge il 64 %. Il francese così come viene parlato in Québec non è comunque facilmente comprensibile per gli stranieri, per quanto bene conoscano la lingua. È giusto che il turista non dimentichi mai, però, che è lui a parlare con un forte accento, secondo i locali! Alcuni editori hanno pubblicato delle raccolte di espressioni quebecchesi che possono risultare utili, soprattutto se si prevede di fermarsi in Québec per diverse settimane.
  • Lessico quebecchese
  • Gli abitanti del Québec sono molto disponibili e di solito forniscono informazioni e si fermano a chiacchierare molto volentieri.
  • Il visitatore appassionato di storia o di genealogia potrà chiedere al suo interlocutore quebecchese di dove sia originario. Potrebbe capitargli la fortuna di veder tirar fuori da un armadio una lettera o un diario di bordo dell’immigrante che sbarcò un giorno lontano sul suolo americano con il suo fagotto in spalla.

Come arrivare

Per raggiungere il Québec si possono utilizzare diversi mezzi di trasporto [5] e in particolare l’aereo, il pullman, il treno e l’auto. Il Québec è collegato per via aerea alle grandi città del continente e a quelle europee e asiatiche10. Montréal si trova a soli 70 minuti di volo da New York e a circa 7 ore da Roma, Londra o Parigi. Per quanto riguarda le province canadesi o gli stati limitrofi, i collegamenti sono garantiti anche da comode strade e linee ferroviarie. Altri mezzi di trasporto come le imbarcazioni o la motoslitta sono riservati agli spiriti più avventurosi.

In aereo

A Montréal esistono due aeroporti internazionali: Pierre-Elliott-Trudeau, situato sull’isola, a 30 minuti dal centro, e Mirabel, che si trova sulla riva settentrionale del fiume, a 40 minuti di distanza. L’aeroporto di Mirabel non è più in uso.

Air Canada collega Montréal a numerose città americane ed europee (passaggi giornalieri per Parigi, Londra e Francoforte). Alcuni voli servono anche la città di Québec (per Parigi tutti i sabati).

Air France opera tre voli giornalieri tra Parigi e Montréal durante l’estate (due in inverno).

All’aeroporto Pierre-Elliott-Trudeau sono previsti anche voli charter, a prezzo ridotto.

È possibile arrivare direttamente alla città di Québec – di norma basta informarsi presso l’agenzia di viaggio o la compagnia aerea. Parigi è la sola città europea collegata direttamente alla città di Québec, ma esistono vari voli senza scalo da e per varie città del Nord America.

In nave

I tempi in cui gli immigranti raggiungevano il Québec via mare sono passati, ma se avete una settimana da spendere viaggiando sull’acqua sappiate che dal fiume San Lorenzo partono numerose crociere.

In treno

Montréal ha buoni collegamenti ferroviari con Toronto e New York. I treni, per di più, sono decisamente confortevoli.

In auto

Partendo da Toronto l’unica scelta possibile è l'autostrada 401 (sei ore di viaggio). Dagli Stati Uniti si può arrivare direttamente da New York (sei ore) o dal Vermont.

Come spostarsi

Il Québec possiede una vasta rete di collegamenti aerei e stradali che consente di spostarsi agevolmente da una città all’altra. I viaggiatori possono scegliere tra auto, pullman, aereo, treno, bicicletta e imbarcazioni di vario genere [6].

In aereo

Non conviene spostarsi da una città all’altra del Québec in aereo. Per visitare il Nord della provincia, invece, (fatta eccezione per la regione di Baie James, che è servita da una strada asfaltata), l'aereo diventa indispensabile considerato che non esistono vie ferrate o strade che si spingano fin laggiù.

In treno

La rete ferroviaria, che collega Montréal, la città di Québec, la penisola della Gaspésie, Toronto, New-York e le province marittime (Acadia), è utilizzata soprattutto per il trasporto merci. I treni passeggeri sono piuttosto lenti (non esistono Pendolini o analoghi in Canada). Il pullman rimane un’alternativa per lo più vantaggiosa data l’esistenza di più corse giornaliere.

In pullman

Da una città all’altra si viaggia per lo più in pullman. Esiste una rete di collegamenti ben strutturata, soprattutto sulle tratte città di Québec-Montréal, Ottawa-Montréal e Toronto-Montréal.

In auto

Noleggiare un’auto e guidare in Canada non presenta particolari problemi, neppure in città. È comunque una buona idea prenotare il veicolo prima di partire dall’Europa. È importante leggere con grande attenzione il contratto di noleggio, soprattutto la sezione riguardante le assicurazioni. In molti casi è possibile ritirare il veicolo in una località e restituirlo in un’altra, senza sovrapprezzi eccessivi.

Il Québec è ben dotato di autostrade, tutte gratuite, che collegano le città principali e le regioni circostanti.

La guida in Québec, sia in città che sulle autostrade, assomiglia molto a quella adottata nell’area metropolitana di una grande città europea. È quindi necessario dimostrarsi molto reattivi al volante e prestare attenzione ai cambi di corsia degli altri guidatori, agli svincoli autostradali e ai sorpassi a destra, che sono molto frequenti. Nota importante per i guidatori italiani: in Québec il limite di velocità in autostrada è di 100 km/h.

Il codice della strada vigente in Québec assomiglia a quello europeo, se si esclude che i semafori si trovano spesso sul lato opposto dell’incrocio, e non all’angolo, e che è possibile svoltare a destra a semaforo rosso, fatta eccezione per l’isola di Montréal o se altrimenti indicato. Agli stop vige la regola elementare della precedenza secondo l’ordine di arrivo dei veicoli. Un ultimo dettaglio: il clacson viene usato pochissimo.

In bicicletta

Le regioni del Québec sono dotate di una rete impressionante di piste ciclabili, con un’estensione totale di oltre 3.400 km. Così, è possibile attraversare parecchie regioni in bicicletta e alloggiare nelle località prossime alle piste (riunite sotto il nome di Route Verte, ossia “Strada verde”).

In battello

Sono disponibili numerose crociere sul San Lorenzo, uno dei fiumi più grandi della Terra.

Con Allô Stop

Per i piccoli gruppi di viaggiatori che non vogliono spendere troppo in spostamenti (penso soprattutto agli studenti), Allô stop è un’ottima alternativa a tutti i mezzi di trasporto appena descritti. Si tratta di una rete di car pooling (o auto di gruppo) che serve quasi tutte le grandi città del Québec. Per accedere al servizio basta iscriversi presso uno degli uffici dell’organizzazione (l’iscrizione costa 6 $). Una volta registrati si può prenotare un posto sull’auto di qualcuno diretto nella stessa località, con un costo che può essere addirittura dimezzato rispetto alle tariffe delle compagnie di pullman. Il solo inconveniente di Allô Stop è che non copre tutte le città, per cui alcune località non si possono raggiungere con questo sistema.

In motocicletta

Le strade secondarie, con i loro panorami e le loro curve, fanno del Québec il sogno di ogni motociclista. La stagione buona per andare in moto è però limitata da maggio a ottobre nel Sud del Québec ed è ulteriormente ridotta al periodo giugno-settembre per le regioni più decentrate. Da qualche anno si sono moltiplicati i nuovi centauri sulla strade del Québec; esistono inoltre numerosi club di motociclisti [7]. I turisti forestieri hanno la possibilità di noleggiare una moto sul posto.

Vi accorgerete che, qualunque tipo di moto guidiate, i motociclisti quebecchesi vi dimostreranno una solidarietà e uno spirito di fratellanza fuori dal comune. Impossibile rimanere in panne a lungo, perché prima o poi si ferma sempre un altro motociclista, pronto a darvi man forte. Non sorprendetevi, quindi, se gli altri motociclisti vi salutano lungo la strada o se iniziano a conversare spontaneamente con voi durante le soste.

Strade panoramiche

Carte stradali del Québec: http://www.mtq.gouv.qc.ca/fr/information/carte_routiere/index.asp

La rete stradale consente di scoprire una moltitudine di paesini caratteristici sparsi lungo fiumi maestosi o in zone boscose e selvagge. Lungo la strada si possono così ammirare dei panorami davvero unici.

Ecco alcuni tratti particolarmente degni di nota:

Montréal-città di Québec: Questa porzione della strada 138, chiamata anche Chemin du roi (“Strada del re”), costeggia il fiume San Lorenzo da Repentigny a Cap-Rouge passando per alcuni dei più bei centri storici del Québec. Un breve tratto di questa strada, l’avenue Royale, s’inoltra nel territorio di Beauport, a est della città di Québec, dove si sono conservate alcune abitazioni dei tempi della colonizzazione francese.

Il tour della Gaspésie [8]: La strada 132 consente di fare il giro completo della penisola della Gaspésie. Meglio iniziare il periplo dalla sezione meridionale (baia des Chaleurs [9]) e costeggiare al ritorno la sponda sud del fiume San Lorenzo.

In questo modo passerete di meraviglia in meraviglia e non vi perderete il famoso Roché Percé.

Città di Québec-Sept-Îles: La strada 138 Est attraversa le regioni di Charlevoix [10], Manicouagan [11] e Duplessis [12]. Alcuni tratti montani, tutti curve e pendenze, sono davvero mozzafiato, per cui prudenza.

Trois-Rivières-La Tuque [13]: La strada 155 Nord costeggia la rivière Saint-Maurice, uno dei fiumi più sfruttati all’epoca della drave (il trasporto dei carichi di legna sull’acqua).

Cantons-de-l'Est [14]: Da Granby a Sherbrooke l'autostrada 10 offre interessanti vedute sulla sezione nord-occidentale degli Appalachi.

Coloro che amano attardarsi lungo le stradine di campagna non mancheranno di apprezzare le “strade dei vini” che caratterizzano la regione (Brome-Missisquoi, strade 104 e 202) [15].

Per raggiungere la parte orientale della regione, ossia il lago Mégantic, si percorre la strada 108 da Magog – vale da sola la pena del viaggio.

Saguenay–Lac-Saint-Jean [16]: Per raggiungere questa regione vi è offerta la scelta tra cinque splendide strade forestali. Assicuratevi di fare il pieno di benzina quando ve lo suggerisce la segnaletica e attenzione ai frequenti alci di passaggio.

La 155 Nord, che passa per Trois-Rivières e La Tuque, porta direttamente al Lac-Saint-Jean, con una vista maestosa sul lago stesso.

La 175 Nord, con partenza dalla città di Québec, attraversa il Parc national de la Jacques-Cartier (parco nazionale) [17] e la rinomata Réserve faunique des Laurentides (riserva faunistica) [18]. Si tratta di una strada di montagna tutta curve, in mezzo al bosco, che conduce a due diverse destinazioni, Chicoutimi o Hébertville, svoltando per la strada 169 Nord.

La 381 Nord, che prende avvio da Baie-Saint-Paul, conduce fino a Ville de La Baie passando per il Parc national des Grands Jardins (parco nazionale) [19] e il lago Ha!Ha! Si tratta di una strada non molto nota, che offre l’opportunità di esplorare una regione del Québec ancora selvaggia e poco battuta.

La 170 Nord da Saint-Siméon raggiunge la riva occidentale del fiordo del Saguenay [20] e conduce fino a Ville de La Baie lungo una strada forestale tutta curve.

Infine, la 172 Nord da Tadoussac costeggia la riva orientale del fiordo del Saguenay fino a Chicoutimi.

Il modo migliore per scoprire il Parc national du Saguenay (parco nazionale) [21] e il suo fiordo rimane comunque quello di partecipare a una minicrociera tra Tadoussac e Chicoutimi.

Da vedere

Itinerari

Strade e circuiti [22]

Per scoprire il Québec in tutta la sua autenticità, percorrete una (o più d’una) delle strade turistiche che costeggiano il fiume o attraversano le campagne ai margini delle grandi arterie stradali. Questi percorsi, segnalati con chiarezza dai cartelli blu, sono concepiti per valorizzare i tesori culturali e naturali delle regioni che attraversano.

Attività ricreative

Siti e attrazioni

  • Vorreste vedere tutto, sapere tutto, divertirvi imparando cose nuove, rimanere sbalorditi, emozionarvi… Questi sono luoghi unici, plasmati dalla magia della natura, oppure forme e volumi creati dall’arte dell’uomo, testimonianze di antichi saperi: tutto è un richiamo, tutto è un incanto. Aprite bene gli occhi e godetevi lo spettacolo!
  • Casinò, Crociere, Curiosità della natura, Giardini, Musei, Parchi tematici, Patrimonio religioso, Siti storici [23].

Sport e attività all'aria aperta

Amate praticare lo sport intensamente, in un continuo superamento di voi stessi? O siete piuttosto degli estimatori del relax, del puro riposo? Qualunque siano le vostre preferenze per il tempo libero, il Québec vi offre una tale gamma di attività da praticare sia d’estate che d’inverno che perfino i più sedentari finiranno per apprezzare le attività all’aria aperta.

  • Campeggio, Caccia e pesca, Golf, Motoslitta, Osservazione faunistica, Parchi nazionali, Piaceri acquatici, Quad, Escursioni a piedi, Sci, Slitte con i cani, Bicicletta [24]

Folclore e manifestazioni

Festival ed eventi [25]

È risaputo che agli abitanti del Québec piace festeggiare. Grandi manifestazioni culturali o sportive, trascinanti feste in città o pittoresche sagre campestri, tutto è pretesto per divertirsi e condividere in tutta semplicità piccoli momenti di piacere.

Cibi

I Québecois sono grandi appassionati della buona tavola e la loro convivialità trova la massima espressione nell'allegro ritrovarsi tra amici o in famiglia al ristorante. La scelta è ampia: cucina casereccia o cibi esotici, self-service o ristoranti d’atmosfera, tavole calde o trattorie – ce n'è per tutti i gusti. E l'accoglienza è ovunque cordiale! [26]

La cucina del Quebec

In Québec esistono migliaia di ristoranti autorizzati allo svolgimento dell’attività e sottoposti per legge a controlli sanitari. La gamma delle proposte culinarie è particolarmente ampia nelle grandi città, dove vivono importanti comunità culturali originarie delle varie parti del mondo. Nelle diverse regioni vengono servite di preferenza le specialità locali, deliziose sorprese per i più golosi!

Le scuole alberghiere e di cucina professionale stanno formando gli chef della nuova generazione, che sanno adattare con maestria i segreti della tradizione culinaria quebecchese ai cibi più adottati dalle grandi correnti dell’alta cucina moderna.

Bevande

La birra è la bevanda alcolica preferita dai quebecchesi, anche in conseguenza della forte tassazione applicata al vino. Esistono diversi microbirrifici in Québec. Ecco una lista dei migliori brew pub, o birrifici artigianali, regione per regione.

A Montréal ci sono Dieu du Ciel!, l'Amère à Boire, Le Cheval Blanc e Brutopia. Nella città di Québec, La Barberie e l'Inox. Il Broumont di Bromont, praticamente ai piedi delle piste da sci, è un must. Se capitate a Sherbrooke, passate dalla Mare au Diable. In Mauricie ci sono Le trou du Diable (Shawinigan) e il Gambrinus (Trois-Rivières). Per chi è interessato alla bellissima regione di Charlevoix, il posto giusto è il microbirrificio di Chalevoix a Baie St-Paul. La vendita di superalcolici e di vino è più o meno riservata alle rivendite della Société des alcools du Québec (SAQ, Società delle bevande alcoliche del Québec). Birra e vino si trovano anche nei supermercati e dai dépanneurs (i negozi di alimentari di quartiere), ma la qualità è spesso inferiore. In campagna si trovano vini di qualità e superalcolici nei negozi di alimentari. Non si possono vendere alcolici ai minori di 18 anni e dopo le ore 23 nei negozi e nei supermercati. I bar rimangono aperti fino alle 3 del mattino (a eccezione di Gatineau, dove chiudono alle 2 per evitare lo spostamento degli avventori al momento della chiusura dei bar a Ottawa).

Acquistar

Shopping nel quartiere Petit-Champlain del Vieux-Québec, nel centro storico della città di Québec
  • I prezzi indicati non comprendono le tasse (a meno che non sia precisato il contrario). Alla cassa verranno aggiunti il 6% dell’imposta federale su prodotti e servizi (TPS) e il 7,5% dell’imposta provinciale sulle vendite (TVQ), per cui il prezzo esposto risulterà maggiorato del 13,95%. Per certi articoli viene applicato un tasso diverso. È il caso di quasi tutti gli alimentari, che conviene acquistare in confezioni da sei (la singola confezione viene considerata come consumazione immediata ed è quindi tassata).
  • In passato la TPS era rimborsabile per i turisti, ma non lo è più dall’aprile 2007.
  • Mance: come nel resto dell’America Settentrionale i camerieri dei bar e dei ristoranti non guadagnano molto. Per questo motivo è prassi lasciare una mancia (intorno al 15 % del conto da tassare), eccetto che nei take-away. Sono previste mance anche per i taxi, le rivendite di alcolici e i parrucchieri.
  • Alcool e tabacchi: le bevande alcoliche e le sigarette sono sottoposte a una tassazione a parte. I vini e i superalcolici risultano particolarmente cari: fino a tre volte i prezzi europei per un vino italiano, per esempio. A questo va aggiunto ancora un 50% se si ordina una bottiglia al ristorante, per cui risulta particolarmente interessante la formula “Apportez votre vin”, che consente di portare il proprio vino al ristorante). Conviene acquistare vini locali, che sono comparabili ai vini europei ma meno costosi. Inoltre in questo modo si sostengono i prodotti locali, che ne hanno davvero bisogno visto il mercato ridotto. Le sigarette costano tra i 7 e i 9,50 $ al pacchetto (un pacchetto contiene 25 sigarette). Le sigarette canadesi hanno un gusto differente da quelle statunitensi o europee. È importante sapere che dal 31 maggio 2006 è proibito fumare in tutti i luoghi pubblici del Québec, compresi bar, ristoranti e sale di spettacolo.

Mangiare

  • La gastronomia del Québec [27] è ricca di sapori, soprattutto in virtù di un riuscito connubio di influssi diversi. Esiste una solida base culinaria francese, ma i piaceri della tavola in Québec traggono vantaggio anche dall’apporto dei popoli nativi e delle diverse comunità culturali che si sono stabilite nella provincia. È da questa commistione di tradizioni culinarie che nasce la cucina del Québec di oggi, che utilizza numerosi prodotti locali di qualità. La descrizione della gastronomia quebecchese non sarebbe completa senza fare menzione a prodotti tipici quali i cidres de glace (tipici sidri locali), le birre artigianali, i vini, ma anche le più di cento varietà di formaggi.
Gastronomia quebecchese
  • Altro elemento tipico del Québec sono le cabanes à sucre [28], laboratori allestiti nel fitto del bosco dove si prepara lo sciroppo d’acero. Con il tempo queste strutture sono diventate anche depositarie di una vera e propria tradizione culinaria e una meta per le famiglie e per i gruppi; vi si degustano i prodotti dell’acero e ci si diverte al ritmo della musica folcloristica quebecchese. Il periodo migliore per visitare le cabanes è a partire dall’inizio della primavera, ossia durante i mesi di marzo e aprile.
  • Lo sciroppo d'acero è senza dubbio la specialità principe della provincia, che contribuisce per quasi l’80% alla produzione mondiale. Ne troverete in vendita un po’ ovunque.
  • Anche la poutine fa parte del panorama culinario tipicamente quebecchese. Si tratta di un piatto a base di patatine fritte e formaggio “in grani” (tipico del Québec, non pressato né affinato, ma lasciato a pezzettini diseguali), il tutto ricoperto di sauce brune, salsa servita calda che fa fondere il formaggio. La poutine è disponibile in quasi tutti i ristoranti, ma le porzioni sono decisamente variabili. Prediligete le catene di ristoranti locali; un buon posto dove gustare la poutine è Ashton (nella regione della città di Québec), dove vi praticheranno uno sconto in funzione alla temperatura esterna (più fa freddo, più conviene!) – ma solo in gennaio. Ci sono teorie contrastanti sull'origine della poutine, ma è di sicuro a Drummondville, nel 1964, al ristorante Roy Jucep del signor Roy, che è stata servita per la prima volta. Da allora le regioni vicine tentano di accaparrarsi il primato della sua creazione.
  • Altre specialità del Québec sono, in ordine sparso, la tarte au sucre (con l’aggiunta di sciroppo d’aero), le fèves au lard (fave al lardo), la tourtière du lac Saint-Jean (torta salata di carne), il pâté chinois (pasticcio di carne e patate), la soupe aux gourganes (particolare minestra di fagioli), ecc., tutti piatti generalmente molto ricchi (cosa comprensibile, viste le condizioni climatiche).
  • I turisti di passaggio in Québec in primavera possono fare l’esperienza della cabane à sucre (il laboratorio-ristorante dove si prepara lo sciroppo d’acero) e gustare varie specialità canadesi oltre ai prodotti dell’acero. La maggior parte delle cabanes fa anche vendita diretta di sciroppo nudo e crudo ma anche di “burro” di sciroppo e di tire (sciroppo caramellato), a prezzi decisamente interessanti. Se siete tentati di provare, sappiate che è necessario prenotare in anticipo e, possibilmente, andare in gruppo – più si è meglio è! Anzi, tradizione vorrebbe che si andasse alla cabane in famiglia e in compagnia di altre famiglie. Tuttavia non siete obbligati a seguire la “regola”, soprattutto considerato che di solito non si viaggia per comitive di 50 persone... Alcune cabanes sono aperte tutto l’anno.

Alloggiare

Pensione del Vieux-Québec, nel centro storico della Città di Québec
  • Sono oltre 5800 le strutture ufficialmente abilitate a dare alloggio in Québec, il che garantisce una varietà di soluzioni di pernottamento. Dagli ostelli della gioventù ai grand hotel a cinque stelle la scelta è ampia e varia, anche a livello di costi. È importante segnalare che tutte le strutture sono classificate con l’attribuzione di “stelle” e “soli” per consentire al visitatore una scelta consapevole [29]. Ecco le diverse opzioni d’alloggio:
    • Alberghi
    • Bed & breakfast
    • Residenze turistiche
    • Lodge
    • Villaggi turistici
    • Ostelli della gioventù
    • College
    • Villages d'accueil (piccoli centri residenziali che offrono ospitalità)
    • Campeggi
    • Pourvoiries (strutture ricettive allestite nei boschi)
  • I bed & breakfast – couette-et-café o gîtes du passant (denominazione riservata agli esercizi dell’organizzazione Agricotours) [18] – del Québec rappresentano una soluzione eccellente per pernottare in tutto comfort e approfittare della calorosa ospitalità locale. In alta stagione è prudente prenotare al mattino per la sera. Gli uffici turistici, molto efficienti, vi forniranno una lista di indirizzi e, se lo desiderate, telefoneranno per vostro conto. Questa formula, in generale meno cara dell’albergo, costituisce un’ottima occasione per incontrare la gente del luogo e scoprire i diversi aspetti della vita in Québec.
  • Gli studenti possono scegliere tra varie opzioni di alloggio. Nei pressi delle università si trovano spesso campus studenteschi e abitazioni private che offrono camere in affitto al mese. Rispetto all’Italia le sistemazioni in Québec sono poco costose.

Rispettare gli usi

  • Gli abitanti del Québec sono di norma molto rispettosi nei confronti dei visitatori, dai quali si aspettano di ricevere lo stesso trattamento.
  • In generale, esprimersi in francese è valutato come una prova di rispetto ed è molto apprezzato, anche se gli operatori turistici parlano spesso varie lingue.
  • La lingua quebecchese rappresenta il nucleo dell’identità culturale della provincia e gli abitanti si sono battuti per secoli per conservarla contro ogni tipo di avversità. I québécois si sono già sentiti prendere in giro abbastanza per come parlano, per cui è bene evitare di rincarare la dose. Qui il “francese di Francia” non è il “vero francese”; al contrario, lo si associa all’idea di un forte accento straniero. Gli abitanti del Québec si offendono quando si dice loro che non si capisce quando parlano. Da evitare.
  • Come in altre parti dell’America del Nord, esiste una regola non scritta secondo la quale chi è ospite in casa altrui deve contribuire al ménage familiare svolgendo qualche piccola incombenza. Sparecchiare la tavola è già un buon inizio.
  • Così come in molte altre province del Canada è formalmente proibito fumare nei luoghi pubblici, compresi ristoranti, bar e sale di spettacolo. È anche vietato fumare nelle strutture scolastiche e in un raggio di nove metri dalle porte degli edifici pubblici (capita spesso che ci sia una linea a delimitare questa zona davanti agli ospedali, ai presidi sanitari, ecc.).

Sicurezza personale

Uscire

Bisogna aver compiuto i 18 anni per entrare nei bar e nei casinò e per acquistare o consumare alcolici (può essere richiesto un documento d'identità). Vini e liquori si acquistano nei negozi della Société des alcools du Québec. La birra è in vendita nei negozi di alimentari, che offrono anche una limitata scelta di vini. [30]





Questo articolo è un outline ed ha bisogno di maggiori contenuti. Ha un template, ma non è abbastanza. Per favore, buttati e aiutalo!

Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue