Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Grecia: differenze tra le versioni

Da Wikitravel.
m (Telefonia mobile)
m (Telefonia mobile)
Riga 416: Riga 416:
 
*[http://www.wind.com.gr/ WIND Hellas] - La vecchia TELESTET, un'affiliata della italiana TELECOM fu il primo fornitore di servizi di telefonia mobile in Grecia, avendo iniziato le sue attività nel giugno 1993. In data 8 febbraio 2004 mutò il suo brand in TIM HELLAS con una operazione estremamente costosa. Nell'aprile 2007 TIM Hellas fu acquistata da Weather Investments SpA, la compagnia che fa capo al magnate egiziano Naguib Sawiris lo stesso che nel 2005 aveva acquistato la WIND Italia. In data 5 giugno 2007 il brand TIM HELLAS veniva cambiato in WIND HELLAS.
 
*[http://www.wind.com.gr/ WIND Hellas] - La vecchia TELESTET, un'affiliata della italiana TELECOM fu il primo fornitore di servizi di telefonia mobile in Grecia, avendo iniziato le sue attività nel giugno 1993. In data 8 febbraio 2004 mutò il suo brand in TIM HELLAS con una operazione estremamente costosa. Nell'aprile 2007 TIM Hellas fu acquistata da Weather Investments SpA, la compagnia che fa capo al magnate egiziano Naguib Sawiris lo stesso che nel 2005 aveva acquistato la WIND Italia. In data 5 giugno 2007 il brand TIM HELLAS veniva cambiato in WIND HELLAS.
  
*[http://www.cosmote.gr/ COSMOTE] un operatore di telefonia mobile che fa capo alla compagnia "OTE" (''Organismo delle Telecomunicazioni in Grecia'') principale erogatore di servizi di telefonia fissa nel paese che ha operato in regime di monopolio fino al 1993. Dopo quell'anno è stato privatizzato ma lo stato greco detiene tuttora un pacchetto azionario del 50%.  
+
*[http://www.cosmote.gr/ COSMOTE] un operatore di telefonia mobile che fa capo alla compagnia telefonica "OTE", fornitore statale di servizi di telefonia fissa nel paese che ha operato in regime di monopolio fino al 1993. Dopo quell'anno è stato progressivamente privatizzato ma lo stato greco detiene tuttora un pacchetto azionario del 50%.  
  
  

Versione delle 21:34, 18 ago 2007

Cambio della guardia al monumento del milite ignoto a Piazza Syntagma di Atene
Localizzazione
noframe
Bandiera
noframe
In breve
Capitale Atene
Governo Repubblica parlamentare
Valuta Euro (EUR)
Superficie 131,940
Abitanti 10,645,343 (2002)
Lingua ufficiale Greco 99% (ufficiale), Inglese, Italiano e Tedesco
Religione Greco ortodossa 98%, Islamica 1.3%
Prefisso +30
Internet TLD .gr
Visitatori 13,271,000 (anno 2004)
14,276.465 (anno 2005)
Sito web Sito ufficiale dell'Ente Nazionale Ellenico per il Turismo

La Grecia (In greco antico: Ελλάς, Hellas. In greco demotico: Ελλάδα Ellada. Nome ufficiale: Ελληνική Δημοκρατία, Elliniki Dimokratia: Repubblica Hellenica) è una nazione balcanica dell'Europa mediterranea, tra il mar Ionio, e il Mar Egeo. Confina a nord con l'Albania, con la Repubblica di Macedonia e con la Bulgaria, ad est con la Turchia.

Secondo alcuni il nome Ellas deriverebbe da "σέλας (selas)", come indica lo spirito aspro e dovrebbe significare "raggio di luna". (luna=σελήνη, selini). Strettamente collegato al termine sarebbe anche il nome proprio di "Elena".

La Grecia dunque non dovrebbe essere un paese "solare" nonostante la sua posizione nel bel mezzo del Mediterraneo orientale, bensì sotto l'influsso della luna, almeno stando a questa teoria etimologica.

Per chi si diletta di segni zodiacali, la Grecia è sotto il segno del Capricorno eccezion fatta per le isole dell'Egeo che appartengono alla Vergine.


Indice

Regioni

Le regioni turistiche della Grecia
  • La Grecia insulare è divisa nelle seguenti regioni :

<

Città

Mappa della Grecia

Molte delle città greche non brillano per qualità di vita e, a braccetto con le maggiori città italiane, appaiono spesso agli ultimi posti delle classifiche europee. Le città greche vanno scoperte nei loro quartieri e negli immediati dintorni, alcuni più piacevoli dello stesso centro cittadino ma non ben noti alla maggior parte dei turisti stranieri. Se si decide di soggiornare in una delle città maggiori, la scelta dell'albergo e della zona in cui sorge si rivela fondamentale per il buon esito della vacanza.

  • Atene (Αθήνα) -- la capitale dello stato greco
  • Heraklion (Ηράκλειο) -- capoluogo dell'Isola di Creta
  • Patrasso (Πάτρα) -- uno dei maggiori porti della Grecia, punto di accesso per chi viaggia in nave dall'Italia.
  • Il Pireo (Πειραιάς) -- Il maggior porto del paese
  • Salonicco (Θεσσαλονίκη) -- la seconda città della Grecia
  • Volos (Βόλος) -- piacevole capoluogo della Magnesia, sulle rive del golfo Pagassitiko, ottima base per esplorare il Monte Pelio


Altre destinazioni

  • Ancora molto visitati sono i complessi monastici delle Meteore, Volos (l'antica Iolkos), ed i piccoli villaggi di montagna del Monte Pelio, mitica terra dei Centauri. Da Alexandroupoli nella Tracia è possibile salpare alla volta di Samotracia dove fu trovata la celebre statua della vittoria alata oggi esposta al museo del Louvre.

Conoscere la Grecia

La Grecia esercita un'attrazione turistica a livello mondiale ma negli anni a cavallo del millennio si era verificato un calo delle presenze turistiche dall'Europa occidentale, subito rimpiazzate dagli arrivi dall'Europa dell'Est. Per i ragazzi con lo zaino sulla spalle costituisce ancora un'ottima meta anche se la popolazione locale non li guarda di buon occhio perché pensa che abbiano pochi quattrini da spendere.

L'acropoli non è mai deserta, ma non sarà mai piena ed affollata quanto la Torre Eiffel o il Colosseo, anche perché il sole picchia più forte ed è difficile reperirvi zone d'ombra. Le isole greche offrono ancora spiagge incontaminate ma i prezzi dei beni primari, generi alimentari compresi, tendono ad essere sempre più cari e le Cicladi, le Sporadi e le isole Ionie perdono terreno rispetto alle loro concorrenti del litorale croato.

Qualche statistica

Secondo l'ufficio greco delle statistiche [1] nel 2004 hanno visitato il paese 13.312.629 di turisti stranieri cui sono da aggiungere 954.791 crocieristi. Nel 2005 le presenze sono salite a 14.276.465 (più 1.172.668 di crocieristi).

  • Per quanto riguarda gli italiani, 898.208 hanno visitato il paese nel 2004 salendo a 1.128.506 nell'anno successivo con un incremento del 25% (7,90 % del totale). Da notare che nel 2005 ben 893.966 italiani hanno preferito raggiungere la Grecia con un mezzo aereo e 226.917 con la nave. Sono solo 7.250 gli Italiani che si sono recati nel paese con la propria auto. Indubbiamente le cifre mostrano il livello di maturità raggiunto dagli Italiani ma anche il fatto che anche per noi vale il vecchio detto inglese "time is money"

Storia

La storia della Grecia moderna non è da tutti conosciuta, come invece è per quella dell'antica Grecia. Solamente nel 1821 la Grecia raggiunse l'indipendenza dall'Impero Ottomano. Da qui deriva l'ancora presente astio nei confronti dei Turchi. Tra la seconda metà dell'800 e la prima metà del '900 la Grecia ha annesso, gradualmente, territori dove la lingua greca era quella parlata. Nel 1952 la Grecia entrò nella NATO, a conclusione della guerra civile vinta dal governo centrale sulle forze partigiane filocomuniste. La Grecia ha conosciuto due sistemi autoritari, dal '36 al '41 e dal '67 al '74 con il regime dei Colonnelli. Dopo il ritorno della democrazia, però, questo paese non ha subito trasformazioni sociali molto rapide acceleratesi invece dalla fine degli anni '80. Con il plebiscito del 1974 la Grecia abolì la monarchia diventando una repubblica. Dal 1981 fa parte dell'Unione Europea.

Clima

La Grecia è caratterizzata da un clima mediterraneo: caldo ed asciutto in estate, le giornate estive sono quasi sempre soleggiate, la temperatura si aggira tra i 30 e 40 gradi centigradi. Gli ombrelli servono in primavera ed estate esclusivamente per ripararsi dal sole. Un mozzicone di sigaretta abbandonato sul suolo può generare incendi di immani proporzioni per cui si è invitati a spegnerli con cura. La miglior stagione per visitare il paese è la primavera, soprattutto nel periodo della pasqua ortodossa che il più delle volte non coincide con quella cattolica. Durante gli inverni le temperature sono intorno ai 7/8 gradi centigradi, difficilmente si assiste a nevicate, comuqnue possibili. Le isole hanno una temperatura sempre più fresca rispetto al continente greco, questa diversità dipende dai venti, in particolare dal Meltemi che soffia sulle Cicladi e l'Egeo. Anche in estate è utile portare con sè una maglietta a maniche lunghe, un maglione leggero o una felpa, possono capitare serate fresche. Per altre informazioni sul clima in Grecia vai al sito del Servizio Meteorologico Ellenico.

Agosto è alta stagione in Grecia. È in questo periodo che anche i Greci vanno in vacanza e gli altri turisti, per lo più europei, si dirigono verso le Paralies ovvero le spiagge. Le isole si riempiono e anche i traghetti, questi ultimi fino all'inverosimile. Molti ancora i giovani con lo zaino in spalla e delle più diverse nazionalità, tutti pigiati sul ponte.

Aspetto negativo è l'aumento dei prezzi, ad agosto infatti, i commercianti, approfittano alzando i prezzi nei luoghi di villeggiatura, pratica presente in tutta Europa, comunque rimangono accessibili e spesso, seppur di poco, inferiori a quelli italiani. La cosa migliore per visitare la grecia è la prima estate, fine giugno, inizio luglio, i prezzi sono bassi, il clima è ottimo e si trova tutto lo spazio che si desidera, anche se così ci si perde l'atmosfera cinematografica dei favolosi viaggi sui traghetti stipati.

Come arrivare

Essendo la Grecia paese membro dell'Unione Europea, i cittadini italiani possono accedervi con la carta d'identità.

In aereo

Nel mese di agosto le tariffe dei voli di linea anche su rotte domestiche si rivelano sorprendentemente care per chi non abbia prenotato con notevole anticipo. Un'alternativa potrebbe essere costituita dai voli charter che si acquistano in agenzia ma sono soggetti agli imprevisti e alle incognite che tutti noi conosciamo. Inoltre il conforto a bordo è spesso scadente. Le località più servite dai voli charter sono Santorini, Mykonos, Creta, (Heraklio) e le Sporadi. Alcuni Tour Operators propongono pacchetti di solo volo, non comprensivi del soggiorno. La compagnia aerea nazionale di Grecia è l'Olympic Airways

Compagnie low cost

Compagnie low-cost che effettuano collegamenti aerei tra Italia e Grecia.


  • My air -- Con i voli di questa compagnia è possibile volare direttamente a Santorini



  • Air One. Un volo individuale da Roma Fiumicino ad Atene viene a costare a (Ferragosto 2006) 700 Euro circa


  • Aegean air -- Collega Roma e Milano ad Atene. Gestisce anche voli diretti da Roma a Rodi. Effettua anche servizio interno da Atene verso le isole in concorrenza con la compagnia di bandiera Olympic Airways. Recentemente ha assorbito la compagnia Cronus. Il suo sito è molto scarno. Un esempio: il volo diretto da Roma a Rodi costa 270 euro(Luglio 2006).

Treno

Il classico tragitto in treno dal continente europeo è verso Venezia o Brindisi, da dove è possibile prendere uno dei traghetti che portano a Patrasso o Igoumenitsa. C'è anche un servizio di giornaliero di treni che collega Sofia e Istanbul con Salonicco. (ma sono talmente lenti che solo tipi dotati di pazienza infinita possono prenderli in considerazione)

Auto

La cosa migliore è andare in automobile fino a Venezia, Ancona, o Brindisi, da dove partono i traghetti, di solito 3 o 4 al giorno, per la Grecia. Il percorso attraverso i Balcani è fattibile, ma le strade sono in pessime condizioni ed il viaggio diventa molto lungo; Di positivo c'è che puoi scoprire, durante il viaggio, società e culture come quella Serba o Montenegrina.

Mezzi pubblici

ΚΤΕΛ (KTEL) è il nome del consorzio che raggruppa i proprietari di autolinee extraurbane. Con questi autobus è possibile andare ovunque e costituiscono un mezzo di spostamento molto più popolare del treno. I biglietti si acquistano alle stazioni degli autobus ed alle edicole, quelle casette di ferro e legno con frigorifero delle bibite e dei gelati che costellano la Grecia. Per chiedere dove sia la stazione degli autobus puoi azzardare la domanda: "Πού είναι ο σταθμός ΚΤΕΛ?" (ine o stathmòs KTEL?). I greci sono molti pazienti con chi non pronuncia bene la loro lingua, sappi che il loro modo di fare è spesso apparentemente deciso o poco educato, in realtà è solamente un modo di esprimersi, te ne accorgerai.

In nave

Dall'Italia

Molti traghetti fanno la spola tutto l'anno dai porti italiani di Venezia, Ancona, Bari e Brindisi a Patrasso con scali intermedi a Corfù, Igoumenitsa, Cefalonia (solo nel periodo estivo). Sono linee soprattutto commerciali, molto usate da camionisti greci e dai paesi limitrofi. Si possono controllare i tragitti e gli orari sui siti Greek Ferries e OpenSeas. Le indicazioni che seguono hanno validità per tutta l'estate 2007, dopodiché molte rotte vengono soppresse. Occorre sempre verificare gli orari, soprattutto quelli del ritorno. A volte gli scali intermedi vengono soppressi.

Da Brindisi
Da Bari
  • I traghetti della Superfast Ferries in genere partono da Bari alle 20:00 e arrivano a Patrasso alle 12:30 del giorno seguente. Altre corse partono alle 12:00 di domenica. Possono effettuare scali intermedi a Igoumenitsa.
Da Ancona
  • I traghetti della Superfast Ferries partono ogni giorno alle 13:30 e alle 19:00 e impiegano 22 ore per raggiungere Patrasso
  • I traghetti dell'ANEK partono il pomeriggio alle 16:00 o alle 17:00 e impiegano anch'esse 22 ore per raggiungere Patrasso.
  • I traghetti della MINOAN LINES partono alle 17:00 (estate 2007) e arrivano a Patrasso dopo 22 ore.
Da Venezia
  • I traghetti dell'ANEK partono tra le 12:00 e le 13:00 di ogni Venerdì, Sabato e Domenica e impiegano dalle 32 alle 33 ore per arrivare a Patrasso. Altri traghetti della stessa compagnia partono tra le 18:00 e le 19:00 di lun, mar e mer (estate 2007)
  • I traghetti della MINOAN LINES partono alle 14:00 (solo lun, mar, ven e sab). Impiegano 30 ore per raggiungere Patrasso.
  • Molti traghetti di entrambe le compagnie fanno scali intermedi a Igoumenitsa e a Corfù.

Dalla Turchia

  • Da Çeşme, non lontano da Smirne partono i traghetti per Chios. Ce ne sono tantissimi e impiegano appena 40 minuti.
  • Da Ayvalik partono alle 18 i traghetti diretti a Lesbo.
  • Da Marmaris partono gli aliscafi per Rodi. No auto al seguito.

Tour operators italiani

Lista dei maggiori Tours operators italiani che in genere includono la Grecia nelle loro offerte (2006):

Tour operators europei

  • Thomson Holidays Il maggiore Tour Operator inglese offre anche pacchetti senza volo (solo alloggio) e quindi potrebbe andar bene anche per italiani
  • TUI AG Il più grande operatore turistico europeo (ha acquisito la Thomson holidays) ha ora pagine in italiano.

Spostarsi

In autobus e in treno

Molta gente in Grecia preferisce spostarsi con gli autobus più che con il treno. La compagnia che gestisce la fitta rete di autolinee extraurbane è nota con la sigla KTEL ed è efficiente e puntuale. I prezzi, poi, sono più che modici.
I treni invece non godono della stessa fiducia a causa dei loro frequenti ritardi e delle lunghe attese nelle stazioni di campagna dovute al fatto che la rete è per lo più a binario unico. L'ente che gestisce le ferrovie greche è "OSE" (Organismo Ferrovie Elleniche) ed ha un suo sito web

Un'escursione in treno raccomandata è quella da Diakopto alla località montana di Kalavrita, vicino Patrasso. Un vecchio treno a cremagliera con due sole carrozze e motrice diesel supera dislivelli mozzafiato, permettendo contemporaneamente splendide viste sul golfo di Corinto.

In auto

Noleggiare una vettura è semplice ma fate attenzione: La Grecia ha la più alta percentuale di incidenti mortali in Europa. Due sono i motivi di questo triste primato: 1) I Greci guidano VELOCE o TROPPO PIANO, 2) Essendo il territorio greco in massima parte montuoso, le strade presentano molto curve inaspettate (le gallerie sono rare), per cui bisogna far molta attenzione alla segnalazione. Tenete presente, infine, che l'asfalto è molto spesso liscio e consumato per cui è facile che la vostra auto sbandi. Se soffrite il mal d'auto, assicuratevi di avere dei medicinali appositi con voi. In Grecia le autostrade non sono molte:

  • l'Autostrada Nazionale (Ethniki Odòs) -- Va da Atene fino al confine con la Macedonia (FYROM) sfiorando Salonicco. È a pedaggio
  • Via Egnatia [2] -- Va da Igoumenitsa al confine turco. Voluta e finanziata dall'Unione Europea, ha risucchiato enormi somme di danaro (fino ad ora si parla di 6 miliardi di euro ma in realtà sono molto di più). Ciò nonostante l'opera non è stata ancora completata (luglio 2007). L'irritazione dei commissari europei fu tale che alla fine del XX secolo si minacciò l'apertura di una "Egnatia bis" che dall'Albania doveva condurre ad Istanbul passando per Macedonia e Bulgaria, "scansando" la Grecia. Anche questo progetto alternativo incontrò non pochi ostacoli soprattutto per l'opposizione di piccoli proprietari in Albania che non volevano subire l'espropriazione dei loro terreni. La via Egnatia è lunga 670 km e ne mancano ancora 188 per il suo completamento.
  • Patrasso-Atene -- A pedaggio. Alcuni suoi tratti sono stati notevolmente ampliati in vista delle Olimpiadi e non passa più sul vecchio ponte sul canale di Corinto dove tutti si fermavano a far foto. Patrasso è dotata di una nuova tangenziale accorciando i tempi per chi visita Olimpia. Poco prima delle Olimpiadi fu inaugurato un grandioso ponte [3] che attraversa lo stretto di Corinto, poco oltre Patrasso, facilitando l'accesso alle regioni del Mar Ionio.

In traghetto

Per raggiungere le isole non servite di areoporto, dovrete prendere il traghetto o l'aliscafo. La rete di traghetti è capillare e in alta stagione vengono aggiunte nuove linee.

Se volete rivivere la tragica esperienza dei boat people o l'antica emozione dell'arrembaggio ai galeoni, provate a imbarcarvi al Pireo nei mesi di luglio e agosto: dovrete affrontare, sotto un sole impietoso, una calca indescrivibile pronta a calpestare tutto e tutti, pur di accaparrarsi un posto in piedi sul ponte della nave.

Per evitare di dare "battaglia", considerate seriamente l'opportunità di imbarcarvi in un porto alternativo; oltre al Pireo Atene è servita da Rafina, porto sulla costa orientale dell'Attica e da Lavrio, nel sud dell'Attica .

Tempi medi di percorrenza con traghetti non veloci dal porto del Pireo:
Atene - Paros = 4 ore,
Atene - Mykonos = 5.5 ore,
Atene - Santorini = 8 ore,
Atene - Iraklion = 12 ore,

Districarsi nell'orario dei traghetti non è facile e può provocare mal di testa. Un sito serio ed attendibile è quello della società editrice GreekTravelPages, un alternativa valida è Openseas.gr. Entrambi i siti sono però solo in inglese, e se non si conosce discretamente la geografia greca può risultare complicato risalire alle informazioni.

Vedi anche: Grecia continentale in 10 giorni

In aereo

La Olympic Airways serve la maggior parte delle città e delle isole.

La Aegean Airlines offre sul suo sito (in italiano) E-tickets, come d'uso fra le compagnie low cost. Questi consistono in un'email o in una pagina web di conferma di prenotazione. Dovete stamparla e presentarla al momento del check-in all'aeroporto (non avrete bisogno di passare dall'ufficio della compagnia aerea). I prezzi in alta stagione per un volo da Atene a Mykonos o a Lesbo si aggirano sui 200 Euro incluso il ritorno.

In autostop

Creta va bene per l'autostop, specialmente nelle campagne. Non passano tante macchine e qualche volta dovrete aspettare un bel po'

Sulle autostrade è peggio ma si può ugualmente tentare. Sono più gli stranieri a fermarsi che non i Greci che temono qualche guaio. Comunque l'autostop non è proibito

Parlare

Sebbene i Greci siano molto orgogliosi della loro lingua Greca, l'Inglese è largamente parlato, insieme ad un Francese base. La conoscenza basilare dell'Inglese ce la si può aspettare dalla maggior parte del personale nei cafè ed hotels; eccezioni sono presenti solo nei villaggi più remoti.

Sebbene "Greco" sia ogni tanto utilizzato in Inglese come modo di dire per "incomprensibile", l'alfabeto latino è basato sull'alfabeto greco e circa la metà delle lettere assomigliano alle proprie corrispettive latine quindi con un pò di studio non dovrebbe essere "troppo" difficile decifrare i nomi scritti o cose del genere.

Comprare

Dal 2001, la valuta ufficiale in Grecia è l'euro (€) che ha definitivamente sostituito l'ex moneta nazionale, la dracma. In tutta la Grecia sono accettate le maggiori carte di credito: Visa, Mastercard ed AmericanExpress.

Mercanteggiare

Chiedi sempre uno sconto su quanto vuoi comprare nei negozi turistici del quartier Plaka di Atene e delle isole. Non imbarazzarti nel chiederlo, il negoziante se lo aspetta.

Mangiare

Specialità locali

Come noi abbiamo la pizza i Greci hanno il giros (γύρος, pronunciato yiros), carne di montone, di maiale o di pollo, arrostita allo spiedo e servita con la pita, (un pane poco lievitato); souvlaki, pezzetti di carne grigliata infilzati in uno spiedino). Salse greche sono lo tzatziki (τζατζίκι), composto di yoghurt, olio d'oliva, aglio e vegetali finemente triturati (come il cetriolo e semi di aneto) e skordhalià (σκορδαλιά), aglio schiacciato in un purè di patate servito normalmente con merluzzo salato fritto.

È naturale per un paese mediterraneo come la Grecia avere squisiti piatti di mare; provate ad esempio il polipo alla griglia

l'Insalata greca (chiamata "Horiàtiki" è un misro di pomodori, cetriolo, pezzetti di formaggio "feta" e cipolla – il tutto tagliato a fette sottili – più qualche oliva.

Da prendere in considerazione anche: moussaka; pastitsio, una specie di lasagna al forno; bekri meze, pezzetti di carne di maiale in una salsa di vino bianco; spetzofai, una specie di salsiccia alla griglia con aglio e peperoni; saganaki, formaggio di pasta semidura fritto. Le cotolette di abbacchio sono molto popolari. Il loro nome greco è: Paidakia.

Per dessert, chiedi il baklava, strati di sfoglia sottile con noci o mandorle tostate; o galaktobouriko, una squisita crema pasticciera vagamente somigliante al mille feuille. Altre paste sono ugualmente degne di essere assaggiate. Un'altra cosa che dovete assolutamente provare è lo yogurt con il miele, totalmente diverso per sapore da quello che si trova nei nostri supermercati o nei negozi Danone.

Per colazione, vai dal panettiere locale (fourno) e prova una tiropita appena sfornata, ovvero un tortino al formaggio. Spanakòpita è un altro tortino ma con gli spinaci; la bougatsa, è una sfoglia ripiena di crema. Sono tutte deliziose e i Greci ne mangiano a volontà la mattina per una colazione veloce. Ogni panettiere ha il suo metodo ma state tranquilli che non sarete mai scontenti. Accompagnate queste leccornie con il caffè greco e vi confonderete letteralmente con i locali.

Coperto

È normale far pagare un coperto nei cafè, dai €0,40 ai €1,50 per persona.


Fast food

L'alternativa a McDonalds in Grecia è Goody's., ma la cosa migliore per mangiare qualcosa in poco tempo è andare in uno degli innumerevoli locali che preparano il Gyros (γύρος), carne di montone, di maiale o di pollo, arrostita, con pomodoro fresco a pezzetti e se si vuole salse tipiche greche come il tzatziki, il tutto è arrotolato nella pyta, un pane poco lievitato dall'aspetto simile alla piadina.

Mezedopolia

Mezedopolia sono locali che servono spuntini (mezedes) a somiglianza delle tapas spagnole. Un tempo limitati nel numero si sono enormemente diffusi incontrando il favore del pubblico.

Bere

Vini

In Grecia si producono molte varietà di vini locali, inclusi i vini da tavola. Questi non sono tuttavia noti in ambito internazionale, anche a causa degli alti costi di produzione; Un buon vino era quello di Nemea. "Krasi" è il termine moderno con cui si indica il vino (in greco antico: inos, οίνος).

Famoso è anche il Retsina, un vino dal gusto forte e caratteristico derivante dalla resina di pino dentro le cui botti è conservato in attesa di essere imbottigliato. La marca più comune e conveniente è "Kourtaki Retsina".

Ci sono inoltre anche dei liquori tradizionali molto famosi come ouzo, tsipouro, raki e tsikoudia (quest'ultimo prodotto a Creta e simile alla grappa italiana).

Produttori locali :

  • Skouras (regione: Peloponneso). Una buona selezione di questi vini si trova in alcuni negozi per turisti a Nafplion.
  • Gentilini (regione: Creta). Raccomandato da Dorling Kindesley's Eyewitness Travel Guides: Greek Islands, 2001;

Birre

La birra (bira: μπύρα) è molto comune in tutta la nazione. Ci sono eccellenti marche locali ( Mythos e Alpha ). Tra le birre straniere ,le più diffuse sono quelle olandesi: Heineken e Amstel. Birre nord americane invece non si trovano. La birra Heineken è talmente conosciuta che ti basta ordinare una "verde"; ordinala dicendo "Mia Prasini"; diffusissima è anche la Amstel, niente meno che uno degli innumerevoli marchi del gruppo Heineken. Molti turisti preferiscono comunque la Mythos, discreta birra, che non ha niente da invidiare alla famosa Heineken.

Liquori

È possibile trovare scotch, bourbon, gin, e così via nei bar. La "kapheneia" è particolarmente comune in aree urbane o posti frequentati da turisti. Una specialità da provare è l'ouzo (ούζο), una bevanda alcolica aromatizzata con anice; Il Metaxa (Μεταξά), un tipo di brandy. La qualità del Metaxa è misurata in stelle, e come in hotel e ristoranti, "ricevi quello per cui hai pagato". Metaxa Ephta (sette stelle) è considerato superbo. Altri alcolici includono il Raki di Creta noto anche come "tsikoudia". Il nome greco per gli alcolici d'importazione è simile all'originale: ουίσκι (pronunziato ouischi) è il whiskey di cui i Greci sono accaniti consumatori.

Caffè

Il caffè greco tradizionale preparato in un bricco di rame e servito con un pezzetto di feta e l'immancabile bicchier d'acqua

Il caffè (kafes: καφές), è una parte importante della cultura greca. Kafeneia, caffetterie sono comunissime, si trovano anche nei villaggi più piccoli (dove fungono similarmente ai pub in Irlanda). Si possono trovare anche molti cafes che offrono caffè, birra, vino, alcolici - di notte molti di essi fungono da bar. Il caffè è preparato tradizionalmente con i chicchi lasciati dentro - ma non osare chiamarlo 'Turco' se non vuoi iniziare una discussione politica concitata! Nessuno lo chiama così, quindi probabilmente non saprebbero neanche di cosa stai parlando.

Si trova anche espresso, pressato in versione francese, o filtrato (quest'ultimo è a volte conosciuto come Γαλλικός: Gallikos - francese - che può condurre a confondersi con il pressato. In questo caso è meglio chiedere φίλτρου: filtrou, che si riferisce a scanso di equivoci al caffè filtrato.

D'estate specialmente, il Frappe: Caffè greco ghiacciato (Φραπέ), è molto popolare in quanto rinfrescante. Si può avere con o senza latte. Recentemente in estate anche l'espresso o il cappuccino freddo sono diventati popolari. L'Espresso Freddo è semplicemente espresso + ghiaccio (senza latte o schiuma), mentre il Cappuccino Freddo potrebbe esser servito non fresco - è sempre meglio per te controllare.

Tè freddo

In molte taverne e cafes, tè ghiacciato significa istantaneo, ovvero polvere aromatizzzata disciolta in un bicchier d'acqua. Se desideri un tè freddo ottenuto per infusione devi specificarlo, non sempre sarà possibile ottenerlo.

Acqua

Un bicchiere d'acqua è normalmente servito assieme ad una bevanda ordinata; uno per ogni bevanda. Qualche cafe, specialmente quelli più turistici, fanno pagare extra per l'acqua, specialmente se è servita in bottiglia, anche se non era stata chiesta. Ciò non è incluso nel prezzo del coperto, che è solitamente una voce a parte.

Divertimenti

Il cantante Sakis Rouvas
La cantante Anna Vissi con il suo pigmalione Nikos Karvelas
La cantante Despina Vandi

Il greco è, ancor più dell'italiano, un popolo canterino e i locali più lussuosi di Atene, spesso con musica dal vivo, hanno servizio di ristorante, ospitano grandi nomi della canzone greca e se ne raccomanda caldamente una visita. Il genere predominante è oggi il pop commerciale che ha il torto di aver cancellato la più labile traccia della ricca, particolare e antichissima tradizione musicale greca. Un genere che ancora sopravvive è il "rempetiko", sviluppatosi intorno al 1850 nella comunità greca dell'Asia minore al tempo dell'impero ottomano e trapiantato in Grecia nel 1922. Molti i locali dedicatigli ad Atene nei pressi del viale Alexandras e nel quartiere di Psiri.

Il "mpouzouki", un locale di stampo popolare che trae il suo nome da uno strumento simile al mandolino è anch'esso quasi scomparso, soppiantato da discoteche e locali di stile europeo e americano.

"Skylladiko" (letteralmente "posto per cani") è termine che indicava locali infimi dove i cantanti che si esibivano non avevano qualità e più che cantare sembravano abbaiare. (Skylì in greco moderno significa cane). Oggi il termine sta ad indicare quei locali in cui si suona musica orientale o laica (mpouzoukia, rempetika, etc.) che alle orecchie degli stessi greci, oramai completamente occidentalizzati, sembra stridente.

Anche le tradizionali danze greche (Choròs in greco) hanno subito analogo destino ed oggi sopravvivono in forma dilettante solo per la delizia di qualche turista. Tra i più apprezzati dai visitatori stranieri sono il sirtaki, in realtà un ballo artificiale creato da Mikis Theodorakis per le esigenze della colonna sonora del film "Zorba il greco" (1964) e lo "tsifteteli", danza di origine anatolica il cui nome in turco significa doppia corda. Altre danze tradizionali greche sono "Kalamatianòs", "Tsamikos" o Kleftiko e "Hasapiko".

Tra i dj il più famoso è Vasilis Tsilichristos che ha aperto un locale nel quartiere ateniese di Gazi


Alloggi

Tipologie

  • Stanze in affitto - In Grecia è tradizione di vecchia data offrire stanze in affitto ai turisti. Ovunque, nei centri turistici si notano cartelli con l'insegna Rooms to let. Se volete spendere poco e vi piace calarvi negli usi locali, può darsi che questa soluzione faccia al caso vostro. Ce ne sono tantissime nei centri turistici di provincia e di vari tipologie.
    Ad esempio per Studio si intende il monolocale con bagno e cucinotto. Per Archontikò si intende una casa degli inizi del XIX secolo o anteriore che è stata ristrutturata con finanziamenti dello stato. In cambio il proprietario si è obbligato a cederla in affitto ai turisti. Una soluzione adatta a chi cerca atmosfere particolari ma non ce ne sono molte, anche perché i proprietari una volta intascato il finanziamento, tendono a non reclamizzarla nel timore che eventuali ospiti possano rovinarla!
  • Ville - Se si dispone di mezzi finanziari maggiori si può provare ad affittare una villa dotata di ogni comfort. Le ville offerte in locazione sono in genere spaziose, collocate sulla riva del mare o vicino e in posizione panoramica. È una valida alternativa all'albergo.
  • Campeggio - Ci sono circa 340 aree attrezzate per il campeggio con licenza dell'Ente Turistico di Stato. Il campeggio libero è proibito in Grecia e chi infrange la norma va incontro a sanzioni pesanti. Comunque nessuno vi multerà mai per aver parcheggiato il camper fuori dalle aree permesse. Il problema è un altro: campeggiare da soli può risultare molto pericoloso e se ci fate caso tutti gli amanti del "plein air" campeggiano in folti gruppi per difendersi da eventuali malintezionati. Come dire: "L'unione fà la forza".

Studenti

Gli studenti originari dei paesi dell'Unione Europea possono visitare gratuitamente gran parte dei musei e dei siti archeologici così è meglio portare con sè la International Student Identity Card.

Lavorare

A volte ragazzi di madre lingua inglese o tedesca trovano lavoro in ristoranti e alberghi delle più note località turistiche. Prima del fenomeno dell'immigrazione dall'Est qualche ragazza dell'Europa occidentale, specie se avvenente, trovava lavoro nei locali notturni della capitale ma oggi le straniere che lavorano nei locali anche di provincia sono tutte slave o albanesi.

Per gli italiani una possibilità è quella di essere temporaneamente assunti presso uno dei numerosi istituti privati (Frontistiria Xenon Glosson) che impartiscono lezioni di italiano a quanti studenti greci progettano di completare gli studi presso università italiane. Si possono ancora trovare le offerte sui giornali di piccoli annunci (in greco). Tra i più letti sono da segnalare "Mikres Aggelies" e "Chrysi efkeria" (L'occasione d'oro).

Sicurezza

  • Attenzione! È severamente proibito scattare foto in vicinanza di installazioni militari o qualsiasi altro posto di carattere militare. Se sarai colto in flagrante, andrai incontro a guai seri.
  • In base alle dichiarazioni del personale delle agenzie di noleggio autovetture si può tranquillamente lasciare in auto i propri effetti personali e non c'è bisogno di portarseli appresso. Questo è forse vero fino a un certo punto per i piccoli centri ma non vale per le grandi città dove si rischia di ritrovare la propria auto con il finestrino frantumato.
  • La Grecia è considerata una nazione sicura dove furti e crimini in generale sono meno diffusi che nel resto d'Europa.
  • Ciò nonostante è meglio affidarsi al buon senso e prendere un minimo di misure precauzionali:
    • Non attardarsi mai da soli o in coppia su spiagge isolate e comunque andarsene nel pomeriggio qualche ora prima del tramonto, come fanno tutti i Greci.
    • Non praticare mai il campeggio libero da soli ma aggregarsi sempre a un gruppo.

Salute

Gli ospedali sono abbastanza diffusi ma l'assistenza può non essere delle migliori per cui occhi aperti. In genere le città più grandi hanno servizi sanitari migliori dei piccoli centri.

Rispettare gli usi

I Greci misurano l'educazione con il comportamento della persona, piuttosto che con le parole. L'atmosfera è molto informale, ognuno viene trattato come un cugino. Le mani sono molto usate per fare gesti ma si consiglia ai maschi di non gesticolare affatto quando il nostro interlocutore è un greco.

Gesti grossolani

Per offendere o mettere in ridicolo il loro interlocutore, i Greci sono soliti aprire il palmo della loro mano come si fa talvolta per indicare il numero cinque o per intimare l'alt. Questo gesto è chiamato "Mountza" (pronunciato: Mùggia) ed è accompagnato spesso dall'allocuzione "Na" che corrisponde al nostro "eccoti servito", oppure "tieni", "beccati questo". Pare che il gesto risalga ad epoca bizantina e fosse usato dal giudice alla fine di ogni processo nei confronti dell'imputato riconosciuto colpevole. Per evitare malintesi sarà bene reprimere l'atto involontario di allargare le cinque dita della nostra mano.

Fumo

I Greci fumano come... Turchi!
Per loro fumare è un diritto acquisito con la nascita. Ciò nonostante sono state varate leggi restrittive sul fumo. Se il fumo vi da fastidio non abbiate timore di dire al conducente del taxi di spegnere la sigaretta... lui digrignirà un po' i denti ma poi la butterà

Comunicazioni

"Periptero", ovvero l'edicola dei giornali dove però è possibile trovare di tutto dalla bibita rinfrescante alle sigarette

Stampa

Quotidiani e settimanali italiani sono facilmente reperibili nelle edicole delle grandi città ma il loro prezzo è alquanto maggiorato e arrivano nel tardo pomeriggio o addirittura il giorno seguente e sempre privi di inserto.

Alcuni tra i principali quotidiani greci sono:

  • Kathimerinì -- L'unico tra i grandi quotidiani greci a dsporre di una versione on line in lingua inglese
  • City Press -- Viene distribuito gratuitamente alle stazioni della metropolitana ma i suoi contenuti sono buoni.

La maggiore agenzia di stampa del paese è:

Telefonia mobile

  • WIND Hellas - La vecchia TELESTET, un'affiliata della italiana TELECOM fu il primo fornitore di servizi di telefonia mobile in Grecia, avendo iniziato le sue attività nel giugno 1993. In data 8 febbraio 2004 mutò il suo brand in TIM HELLAS con una operazione estremamente costosa. Nell'aprile 2007 TIM Hellas fu acquistata da Weather Investments SpA, la compagnia che fa capo al magnate egiziano Naguib Sawiris lo stesso che nel 2005 aveva acquistato la WIND Italia. In data 5 giugno 2007 il brand TIM HELLAS veniva cambiato in WIND HELLAS.
  • COSMOTE un operatore di telefonia mobile che fa capo alla compagnia telefonica "OTE", fornitore statale di servizi di telefonia fissa nel paese che ha operato in regime di monopolio fino al 1993. Dopo quell'anno è stato progressivamente privatizzato ma lo stato greco detiene tuttora un pacchetto azionario del 50%.



Europa
Europe.png
Akrotiri e Dhekelia (U.K.) - Albania - Andorra - Austria - Belgio - Bielorussia - Bosnia Erzegovina - Bulgaria - Cipro - Città del Vaticano - Croazia - Danimarca - Estonia - Finlandia - Francia - Germania - Gibilterra (U.K.) - Grecia - Guernsey (U.K.) - Irlanda - Islanda - Isola di Man (U.K.) - Isole Åland (Fin.) - Isole Faroe (Dan.) - Italia - Jan Mayen (Nor.) - Jersey (U.K.) - Lettonia - Liechtenstein - Lituania - Lussemburgo - Macedonia - Malta - Moldovia - Monaco - Montenegro - Norvegia - Olanda - Polonia - Portogallo - Regno Unito - Repubblica Ceca - Romania - Russia - San Marino - Serbia - Slovacchia - Slovenia - Spagna - Svalbard (Nor.) - Svezia - Svizzera - Ucraina - Ungheria


Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti