Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Toledo (distretto)

Da Wikitravel.

Toledo [1] è il nome di un distretto amministrativo nel Belize meridionale, una destinazione in genere non adatta a turisti convenzionali ma solo per pochi avventurosi che amano percorsi "fuori dal sentiero battuto".

Regioni[Modifica sezione]

Centri abitati[Modifica sezione]

  • Punta Gorda -- Capoluogo del distretto e località balneare senza pretese all'estremità meridionale del Belize.


  • Monkey River Town -- Un minuscolo villaggio di pescatori creoli a sud di Placencia sull'estuario del fiume Monkey e accessibile solo via mare. Il centro non è raggiunto dalle linee di corrente elettrica e le poche case del villaggio sono dotate di generatori. Gli unici turisti che frequentano la località sono gli appassionati della pesca ma in misura molto esigua. Il lago di Puntanegra poco più a sud è noto per la sua abbondanza di pesce. Da qui si parte alla scoperta delle "Snake Cayes", un gruppetto di 4 isolotti di origine non corallina, coperti da boschi di mangrovie.
  • Barranco -- Un villaggio sulla costa a sud di Punta Gorda di appena 150 abitanti, tutti di etnia garifuna e per lo più anziani. Non è un posto turistico.

Altre destinazioni[Modifica sezione]

  • Siti archeologici:
  • Riserve e parchi naturali:
    • Paynes Creek National Park - a nature reserve in the Toledo District of southern Belize. This national park, stretched along the lower reaches of the Monkey River, was previously disturbed by banana farming and slash-and-burn agricultural practises; however, in 2007 a verdant broadleaf secondary forest provides habitat for a diverse tropical flora and fauna..
    • Aguacaliente -

Da sapere[Modifica sezione]

In base al censimento del 2000, su una superficie di 4649 km2 vivevano appena 23.297 individui, valori che pongono il distretto all'ultimo posto, su scala nazionale, per densità di popolazione. Questa comunque è assai eterogenea come nel resto del paese. I Maya costituiscono il gruppo etnico più importante e il loro numero si è accresciuto con l'afflusso di rifugiati dal Guatemala al tempo della guerra civile che dilaniò quel paese dal 1960 al 1990. Vi si distinguono almeno 2 gruppi:

  • Mopans -- Nativi del Belize e stanziati nell'interno montuoso del distretto intorno al villaggio di San Antonio
  • Kekchi (Quechua) -- Numerosi lungo l'alto corso dei fiumi e anche su tratti della pianura costa. Il loro centro principale è San Pedro Columbia

Sulla costa invece predominano i Garifuna che vi arrivarono agli inizi del XIX secolo. Numerosi i Creoli oltre a piccole comunità di Pakistani e Cinesi.

Geografia[Modifica sezione]

Pianure di origine alluvionale caratterizzano il tratto lungo la costa dove sono frequenti le lagune circondate spesso da boschi di mangrovie. 40 miglia al largo si estende l'ultima propaggine della barriera corallina con alcune minuscole Cayes.

All'interno del distretto si estendono i monti Maya, una catena di modesta altitudine che separa il Belize dal Guatemala. La cima più elevata è costituita dal Victoria Peak (1,120 m). Lungo i pendii della fascia pedemontana coperti da una lussureggiante vegetazione si trovano alcune rovine Maya e riserve naturali di cui la più importante è il "Cockscomb Basin Wildlife Sanctuary".

Clima[Modifica sezione]

Il tasso di umidità è superiore a quello della media nazionale, per altro, già elevato. Altrettanto vale per le temperature. La stagione delle piogge va da giugno a novembre; quella asciutta da dicembre a maggio. Quest'ultimo periodo è il migliore per visitare nel Belize meridionale. Gli alisei contribuiscono ad attutitire l'umidità

Storia[Modifica sezione]

I più antichi abitanti del Belize meridionale furono i Maya, come dimostrano le rovine delle loro città e dei loro centri cerimoniali sparse sul territorio. Quando gli spagnoli entrarono nella zona, popoli Maya abitavano ancora il Belize meridionale. Essi scamparono alla schiavitù grazie al disinteresse manifestato dai conquistadores per il Belize ma nel XVIII secolo furono costretti a fuggire in massa nel vicino Guatemala per non sottostare alle mire degli Inglesi che volevano usarli come mano d'opera per lavori forzati. A causa dell'esodo il Belize meridionale appariva nel XIX secolo spopolato quando vi fecero capolino i Garifuna, provenienti dall'Honduras.

Al termine della guerra civile americana vi si installarono alcuni confederati che si diedero alla coltivazione della barbabietola da zucchero nella zona a nord di Punta Gorda e in seguito vi installarono numerosi zuccherifici. Trenta anni più tardi la mancanza di mano d'opera e il calo del prezzo internazionale dello zucchero posero bruscamente fine alla loro avventura.

Il XX secolo vide il contro esodo dei popoli Maya dal Guatemala che si installarono nuovamente nell'interno montuoso del Belize. Essi fuggivano alle numerose tassazioni in vigore in quel paese e il governo aveva espropriato le loro terre per darle a piantatori tedeschi.

Lingue parlate[Modifica sezione]

Come arrivare[Modifica sezione]

  • La "Southern Highway" collega Dangriga con Punta Gorda. È lunga circa 160 km ed è interamente asfaltata. La carrozzabile si mantiene lontana dalla costa e sfiora i villaggi Maya prima di arrivare al suo capolinea. Le pompe di benzina sono pochissime

Come spostarsi[Modifica sezione]

Da vedere[Modifica sezione]

Itinerari[Modifica sezione]

Attività ricreative[Modifica sezione]

Folclore e manifestazioni[Modifica sezione]

Cibi[Modifica sezione]

Bevande[Modifica sezione]

Sicurezza personale[Modifica sezione]

Uscire[Modifica sezione]


Quest'articolo è uno stub e ha bisogno del tuo aiuto. Esso contiene minime informazioni. Per favore buttati e aiutalo!


Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue