Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Rodi

Da Wikitravel.

Questo articolo è sull'isola di Rodi. Se sei interessato alla città di Rodi consulta il relativo articolo Rodi città.


Rodi è un isola greca, la maggiore del Dodecaneso e molto vicina alle coste della Turchia. Era famosa per una imponente statua che si ergeva sul suo antico porto raffigurante il dio Elios e nota come il Colosso di Rodi, una delle sette meraviglie del mondo antico.

Rodi: Il luogo del porto dove secondo la tradizione sorgeva il famoso Colosso

Città e villaggi[Modifica sezione]

  • Kalithea - 10 km da Rodi. Vanta numerosi alberghi. Vi si visitano le Terme, costruite al tempo dell'amministrazione italiana. Lo stile dell'edificio rimanda ad atmosfere andaluse ma avrebbe urgente bisogno di un restauro
  • Faliraki - un bell'arenile che si estende per 5 km interamente occupato da grandi alberghi che ne occultano la vista dalla parte della litoranea. Qui si trova anche il campeggio.
  • Afandou - Uno dei paesi più vecchi di Rodi famoso per un club privato che accoglie i patiti del golf.
  • Lindos - è un piccolo villaggio della costa orientale con una antica acropoli. Non è ammessa la circolazione delle auto nel suo centro ed è vietata la costruzione di nuovi alberghi per preservare il suo bellissimo paesaggio.
  • Pefkos - vicino Lindos è piena di alberghi.

Spiagge[Modifica sezione]

La spiaggia di Afandou
L'acrpoli di Lindo

C'è una buona varietà di spiagge a Rodi. La costa orientale è tutta un susseguirsi di cale, calette e baie dalle acque calme, senza forti correnti marine. Il vento in genere batte solo sulla costa occidentale che per questo è frequentata esclusivamente dai patiti del surf. Di seguito è fornita la lista delle spiagge di Rodi in ordine di distanza dal capoluogo.

Versante orientale:

  • Rodi città ha la sua spiaggia con tanto di ombrelloni e sedie a sdraio ma farvi il bagno non è più l'esperienza entusiasmante di una volta. La spiaggia si chiama Ellis ed è vicina all'acquarium.
  • Kalithea - 7 km. A sud degli edifici termali descritti prima c'è una serie di spiagge ognuna separata dall'altra e ognuna con il proprio ristorante.
  • Faliraki - 12 km. Un arenile di 5 km super attrezzato e con un sacco di alberghi tra cui scegliere. Ci sono anche numerose taverne, ristoranti e piscine. Dalla litoranea la baia non è più visibile, occultata com'è dagli alti edifici degli alberghi tutti in fila come su un viale di periferia di una grande città italiana. A Faliraki c'è anche un camping.
  • Ladiko (La baia di Anthony Quinn) - 15 Km. Un posto davvero scenografico. Da una parte c'è la spiaggia, in verità, un po' piccola; dall'altra c'è una scogliera con una piattaforma in legno da dove ci si può tuffare o semplicemente distendersi per abbronzarsi.La baia prende il nome dall'attore che qui giro' "I cannoni di Navarone", affascinato dal luogo acquisto' un appezzamento di terreno sul quale fece costruire una villa.Da qui il nome.
  • Afandou - 20 km. è una spiaggia di ciottoli con acque cristalline. La spiaggia e' preferita dai locali, mentre i turisti tendono a snobbarla. Per questo andarci durante i giorni feriali (quando i locali sono al lavoro) significa godere appieno delle sue bellezze in perfetta tranquillita'.
  • Kolymbia Beach - 25 km. Bella località balneare non affollata e con pochi ma eleganti alberghi. Il litorale è fatto di grossi ciottoli bianchi
  • Tsampika - 26 km. Un arenile dorato guardato dall'omonimo piccolo monastero. Molto frequentato da turisti di tutte le nazionalità e di tutte le età.
  • Steghnà - 29 km. Questa è la spiaggia dei tedeschi in vacanza a Rodi. L'unico albergo presente nell'area è occupato tutto da loro.
  • Haraki - 36 km. Questa invece è la spiaggia delle famigliole per via del basso fondale ideale per bambini. Naturalmente ci sono tante "rooms to let" e gli immancabili minimarket.
  • Agathi - 36 km. Una spiaggia di sabbia stranamente senza ombra di alberghi ma con molti snaks che offrono colazione all'inglese e friggono montagne di patatine. Si può anche dormire col sacco a pelo e sono in molti a farlo. La sabbia però è umida di notte.
  • Lindos - 50 km. La spiaggia di Lindos è molto ampia e fatta di sabbia fine. È una spiaggia scenografica per via dell'acropoli che la domina. D'agosto però è affollata oltre ogni limite. Degli yacths che un tempo solevano gettar l'ancora nella rada, oggi non se ne vede nemmeno l'ombra.
  • Pefki - 56 km. Su questa spiaggia si riversano carovane di famiglie per lo più nord europee che occupano i modesti alloggi della zona.
  • Kiotari - 60 km. Kiotari è piena di alberghi lussuosi sorti tutti come funghi alla fine del XX secolo a ridosso di questo lungo arenile
  • Gennadi - 63 km. La spiaggia di Gennadi è una continuazione della precedente ma con uno stile diverso. Gli alloggi sono per lo più "rooms to let". La parte della spiaggia libera da infrastrutture costituisce il raduno domenicale di giovani "rockettari" con tanto di dj e un bel frastuono nella notte.


Capire Rodi[Modifica sezione]

  • Rodi è un polo d'attrazione turistica per quanti sono alla ricerca di mare e sole. L'isola può vantare il primato di oltre 300 giorni soleggiati all'anno.
  • I litorali di Rodi sono fatti per lo più di ghiaia o grossi ciottoli mentre gli arenili sono meno frequenti.
  • Rodi vive quasi esclusivamente di turismo. Ci sono zone affollate (specie in alta stagione) ma anche spiagge praticamente deserte. Tutte le spiagge sono a libero accesso, non ci sono biglietti da pagare e si possono utilizzare liberamente docce e le cabine. Se si vuole uno sdraio e un ombrellone si deve pagare.
  • Non è che ogni angolo dell'isola sia cementificato con casermoni strapieni di vacanzieri. Gli alberghi sono in parte concentrati nei 50 km di litoranea che uniscono il capoluogo a Lindos . Altrove la presenza dei turisti è rada. Se si percorre la litoranea occidentale da un estremo all'altro si incontrerà poca gente e si noteranno pochissimi alberghi.
  • Gli alberghi sono molto confortevoli e fuori dall'alta stagione praticano grossi sconti.
  • Gli abitanti di Rodi non parlano solo greco come avviene nel resto della Grecia. Il loro inglese è sciolto e poi non è raro imbattersi in persone che conoscono l'Italiano. A Rodi è più facile comunicare.
  • Le spiagge di Rodi sono bellissime e il mare è veramente pulitissimo. Non a caso ci sono più di 35 spiagge premiate con bandiera blu (Blue Flag Organization).

Informazioni turistiche[Modifica sezione]

L'ufficio locale per informazioni turistiche si trova alla confluenza delle strade Makariou & Papagou. Telefono: 22410 44335-6, Fax: 22410 26955.

Parlare[Modifica sezione]

Il greco è la lingua parlata dagli abitanti nativi di Rodi. La lingua inglese è assai diffusa e non è raro incontrare persone che parlino altre lingue europee soprattutto tedesco e svedese. L'Italiano invece è parlato da poche persone anziane o da quanti hanno perfezionato i loro studi in qualche università del nostro paese.

Come arrivare[Modifica sezione]

In aereo[Modifica sezione]

L'unico aeroporto dell'isola è l'aeroporto internazionale Diagoras (RHO). Si trova a 17 km da Rodi città, sulla costa occidentale, vicino il villaggio di Paradissi.

Voli dall'Italia[Modifica sezione]

  • La compagnia aerea Neos Air dell'Alpitour dovrebbe includere voli per Rodi dall'Italia settentrionale. Ora sul sito non è più presente l'aeroporto di Rodi come destinazione.
  • La compagnia aerea Myair volava a Rodi dall'aeroporto Orio al Serio (BGY) e da Venezia-Marco Polo (VCE). Anche qui, sul sito non è più presente l'aeroporto di Rodi come destinazione.
  • La compagnia aerea Aegean Air vola a Rodi da Roma Fiumicino senza scali intermedi a prezzi interessanti anche in alta stagione. Da Milano Linate invece si è costretti a far scalo ad Atene e forse a cambiare aereo con un sensibile aggravio del costo del biglietto.
  • La compagnia aerea Ryanair vola a Rodi da Bergamo, Pisa, Bologna, Trapani, Cagliari, Roma.

Voli interni[Modifica sezione]

Esiste un servizio di voli quotidiani da e per Atene e, nel periodo estivo (maggio- settembre), voli supplementari per Iraklion, Creta, Karpathos, Santorini, Mykonos. I collegamenti sono gestiti dall'Olympic airways, ma possono essere soggetti a variazione per cui è meglio consultare il sito italiano della compagnia greca di bandiera. Bisogna prenotare per tempo perché in genere i voli sono assai affollati.


In nave[Modifica sezione]

Se volete, potete raggiungere Rodi con un traghetto dal Pireo. Il tragitto Pireo - Rodi dura dalle 13 alle 20 ore e oltre a seconda degli scali intermedi. È comunque sconsigliato per le condizioni di estrema congestione del porto del Pireo in alta stagione.

Come spostarsi[Modifica sezione]

In autobus[Modifica sezione]

Autobus pubblici servono ogni angolo dell'isola.

  • La linea 21 che da Rodi città fa capolinea a Faliraki parte in genere ogni mezz'ora. Il prezzo della corsa è 1,70 Euro
  • La stazione principale degli autobus si trova vicino Nea Agorà, il mercato nuovo. Il prezzo varia a seconda del tragitto.
  • I biglietti possono essere comprati anche sull'autobus.
  • È meglio conservare il titolo di viaggio per tutta la durata della corsa.
  • Le fermate degli autobus sono segnate da una tabella che purtroppo non riporta gli orari di passaggio. Spesso a fianco delle fermate vi è una piccola cabina di mattoni che permette di ripararsi dal sole nell'attesa che l'autobus arrivi. Appena lo si scorge, bisogna fargli immediatamente cenno di fermarsi, gesticolando la mano a lungo e in modo nervoso.

In taxi[Modifica sezione]

I Taxi a Rodi sono di colore blu scuro con il tetto bianco. L'ufficio di informazione turistica rilascia una lista con un massimo delle tariffe. Il Tratto Rodi città-Faliraki non può costare più di 13 euro. Esiste anche un servizio di Radio taxi che risponde al numero 22410 69800. Se ne usufruirete pagherete un'addizionale di 1.50 euro. Tra mezzanotte e le 5 del mattino la tariffa del taxi raddoppia. A Rodi come in tutte le altre piccole località turistiche della Grecia dovreste stare molto accorti con i conducenti di taxi. Questi hanno la pessima abitudine di non mettere in funzione il tassametro o di azzerarlo per poi imporvi la somma di loro piacimento.

In auto[Modifica sezione]

Non vale la pena portarsi appresso l'auto, per quanto questo sia possibile in teoria. È una scocciatura e basta. Si può affittare una vettura all'aereoporto o tramite la reception del'albergo o presso una delle agenzie di noleggio auto sparse un po' dovunque. Il manto stradale è generalmente buono con qualche eccezione nell'entroterra e nell'estremo sud dell'isola.

In moto[Modifica sezione]

Sarebbe più saggio noleggiare una motocicletta anziché una vettura, considerata la strettezza di alcune strade di paese. Esiste poi un tipo particolare di motociclo molto in voga fra i giovani che si infila dappertutto. Un vantaggio aggiuntivo è il basso costo di noleggio: 10-15 euro contro i 50 per una vettura. Prima di partire occorrerà fare il pieno; i distributori non sono molto frequenti. L'uso del casco non è obbligatorio ma è meglio farsene prestare uno dall'agenzia di noleggio soprattutto se si ha intenzione di usarlo in città.

Da vedere[Modifica sezione]

  • Il monte Filerimos. A 15 km dal capoluogo, raggiungibile da una traversa della litoranea ovest che si inerpica per le pendici boscose del monte. Sulla cima si trova un monastero con annessa una chiesa gotica dedicata alla Madonna ricostruita negli anni dell'amministrazione italiana. In epoca dorica il luogo era occupato da un'acropoli di cui rimane qualche traccia di templi. Poco lontano dal monastero si trovano i resti di una fortezza medievale eretta dai Cavalieri sul sito di una preesistente costruzione di epoca bizantina. Notevole il panorama.
  • Kamiros. Antiche rovine.
  • Il castello e l'acropoli di Lindos.
  • Il monte Tsambika.
  • La città vecchia di Rodi.
  • La valle delle farfalle. Prima dell'apertura del parco le farfalle c'erano davvero! ma dopo l'istituzione sono diminuite fin quasi a sparire, evidentemente perché disturbate dai troppi visitatori. Quindi venire qui non ha più senso se non per fare una passeggiata in un posto "carino".
  • Castello di Monolithos - a 67 km dal capoluogo. Fu costruito al tempo del dominio dei Cavalieri a guardia del sottostante golfo di Apolakia
  • Capo Prasonisi. all'estrema punta sud di Rodi, congiunto alla terraferma da una sottile striscia di sabbia lunga circa 500 metri non percorribile da autoveicoli. (I pneumatici sprofonderebbero nella sabbia).

Attività ricreative[Modifica sezione]

  • Fare lo shopping nella città di Rodi. La città vecchia è stracolma di negozi e bancarelle che vendono ogni tipo di cianfrusaglie.
  • Prendere la tintarella.
  • Fare il bagno.
  • Fare lo Snorkeling.
  • Esplorare i fondali marini.
  • Fare il Surfing, ma solo sulla costa ovest, soprattutto nel suo tratto meridionale dove i venti sono sufficientemente forti.
  • Molti alberghi hanno il loro programma di attività ricreative.
  • Molte agenzie turistiche propongono visite guidate.
  • La scalata del Monte Attavyros. La scalata al monte, il più alto dell'isola (1215 m) richiede circa 3 ore

Acquisti[Modifica sezione]

  • Conchiglie, (ma consulta la sezione Precauzioni), più sotto.
  • Spugne. (Sono tutte d'importazione, essendo sparite dall'arcipelago fin dagli inizi del XX secolo)
  • Ceramiche. (Cerca i punti vendita lungo le strade fuori città con la scritta "Keramik factory").
  • Riproduzioni di icone bizantine. (In genere si tratta semplicemente di un cartone satinato spesso più del normale e incollato su una tavola di legno pressato).
  • Ombrelli, non per ripararsi dalla pioggia ma dal sole impietoso.

Cibi[Modifica sezione]

I cibi greci tradizionali come suvlakia e giros (versione greca del Kebab) sono reperibili ovunque. Il pesce fritto anche, ma un po' meno che a Creta. Almeno una volta bisognerebbe provare lo yogurt con il miele locale.
Vedi anche la sezione relativa nell'articolo: Grecia

Bevande[Modifica sezione]

All'acqua di rubinetto, sebbene potabile, è preferibile l'acqua imbottigliata reperibile con facilità. I locali bevono birra Mythos (leggera) e ouzo che si accompagnano bene, a loro dire, con i "mezedes", specie di tapas spagnole.

Precauzioni[Modifica sezione]

Rodi è una destinazione turistica sicura ma ci sono alcuni punti da considerare:

  • I conducenti di taxi spesso non fanno scattare il tassametro con l'intenzione di estorcere una somma arbitraria. Assicuratevi che non lo facciano.
  • Le conchiglie marine colorate in vendita ovunque, provengono in realtà dall'Indocina o dai Caraibi. Non sono un souvenir locale e appartengono a una specie protetta per cui se vi beccano passerete un guaio.
  • I prodotti firmati, esposti nelle vetrine dei negozi e spacciati per autentici, sono in realtà dei falsi provenienti da Hong Kong o dalla Cina. Si tratta per lo più di teli da mare, camice maschili o borse da donna simili a quelle offerte in vendita da cittadini del Senegal sui marciapiedi di alcune strade turistiche di Roma.

Escursioni[Modifica sezione]


Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti