Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Parma

Da Wikitravel.

Parma è una città nella regione Emilia-Romagna, capoluogo della provincia omonima.

Geografia[Modifica sezione]

Situata nel nord Italia, nella parte occidentale dell'Emilia, tra gli Appennini e la Pianura Padana, la città è divisa in due dal torrente Parma, affluente del Po che, appena prima di entrare nel cuore del centro storico, riceve le acque dell'affluente Bagano.

Territorio[Modifica sezione]

Per mettere in sicurezza il territorio di Parma dai rischi idrogeologici di una piena del torrente, nel 2005 è stato creato un bacino di raccolta, pochi chilometri a sud del centro urbano. L'invaso può arrivare a contenere dodici milioni di metri cubi d'acqua: si tratta del bacino più grande della regione, diventandone effettivamente il terzo lago per estensione. È costituito da una barriera lunga oltre 260 metri e alta 24. Il territorio comunale è interamente pianeggiante e due corsi d'acqua ne delimitano parte dei confini, ad ovest il fiume Taro e ad est il fiume Enza che marca anche la separazione dalla vicina provincia di Reggio Emilia.

Clima[Modifica sezione]

Tipicamente continentale: estati calde e afose con temperature diurne di circa 30-35 °C (record di 40,2 °C il 29 luglio 1983), puntellate da temporali anche forti sulla bassa pianura. Inverni rigidi con temperature minime spesso al di sotto dello zero (record di -23,4 °C il 10 gennaio 1985 presso il Campus universitario), frequenti nevicate sull'Appennino. Sul settore pianeggiante cadono mediamente ogni inverno circa 30 cm di neve. In autunno è frequente il fenomeno della nebbia, specie a nord della via Emilia e verso il fiume Po. Il mese più piovoso è ottobre con una media di 110,2 mm, il più secco è il mese di luglio con una media di 37,6 mm (valori di riferimento 1971-2000).

Come arrivare[Modifica sezione]

In aereo[Modifica sezione]

L' Aeroporto di Parma "Giuseppe Verdi", situato a solo 5 km dal centro storico, offre collegamenti con Roma (aeroporto internazionale Leonardo da Vinci), Londra Stansted, Tirana, Odense, Alghero, Palermo e Catania. In estate sono attivi voli diretti a Lampedusa, Olbia e Ibiza.

In treno[Modifica sezione]

Parma è posta sulla linea ferroviaria Milano-Bologna ed è anche un importante nodo per le linee dalla Spezia (Pontremolese), da Brescia e da Suzzara. Attualmente, per quest'ultima linea il collegamento con la città è assicurato mediante autoservizi sostitutivi in quanto le rispettive linee ferroviarie sono interrotte per permettere lavori i lavori della Milano-Bologna ad alta velocità.

La stazione di Parma è servita da oltre 25 Intercity ed Eurostar al giorno che la collegano alla maggior parte delle altre città italiane ed europee e può contare sulla fermata di una coppia di Cisalpino che collegano Firenze a Zurigo.

Un'interconnessione in fase di costruzione collegherà la stazione cittadina alla futura linea TAV.

In auto[Modifica sezione]

Posta sull’Autostrada A1 Milano-Bologna e sull'Autostrada A15 (detta anche della Cisa) Parma-La Spezia, Parma possiede due uscite autostradali:

sull’autostrada A15 (dalla Spezia) l’uscita “Parma Ovest”, a circa 10 km dalla città sull’autostrada A1 (da Milano o da Roma-Napoli) l’uscita “Parma”, a circa 2 km dal centro storico. Le principali vie di accesso alla città sono:

la Strada Statale 9 via Emilia che percorre l'intero nucleo urbano da Est a Ovest passando dalla piazza centrale (Piazza Garibaldi) la Strada Statale 62 della Cisa la Strada Statale Asolana. Un anello di tangenziali racchiude l'intera città.

Nel territorio comunale sono censite 613 auto e 226 motoveicoli ogni 1.000 abitanti con una densità, rispettivamente, di 226 e 151 al km².

Come spostarsi[Modifica sezione]

Rete.jpg

Il trasporto pubblico cittadino è esercitato dalla TEP (Tranvie Elettriche Parmensi); è presente una rete filoviaria composta di 4 linee.



Palazzi storici[Modifica sezione]

  • Sorto tra i secoli XI e XII a ridosso della cinta muraria romana e al posto dell'antica basilica, il Duomo è fra le maggiori opere dell'architettura romanica in Italia e la cupola è stata dipinta dal Correggio. A fianco del campanile, sulla stessa piazza, si erge il Battistero, di Benedetto Antelami, un'imponente monumento in marmo rosa che segna il passaggio dal romanico al gotico.
  • Dal quartiere Parma Centro attraversando il Ponte di Mezzo si arriva direttamente nel quartiere popolare dell'Oltretorrente dove, a pochi metri di distanza dal torrente, sorge la chiesa S.S. Annunziata un edificio religioso di forma ellittica a cappelle radiali, annessa al monastero francescano maschile. Rappresenta uno dei monumenti più significativi del Manierismo sperimentale della seconda metà del XVI secolo. È un'opera di Giambattista Fornovo che la disegnò nel 1566 su commissione del Duca Ottavio Farnese. Sempre nella zona, detta anche Capo di Ponte, ossia la parte dell'(Oltretorrente) più antica e a ridosso del Ponte di Mezzo, venne edificata nel 1617 la chiesa Santa Maria delle Grazie.
Chiesa.jpg
  • Situata a pochi chilometri dal centro storico, nel punto in cui la città lascia il posto alle campagne della Bassa parmense, sorge il monumento più emblematico della città, l'Abbazia Cistercense di Valserena. Comunemente definita La Certosa di Parma che ispirò Stendhal, è oggi sede universitaria del Centro Studi e Archivio della Comunicazione. La sua costruzione iniziò per volere del Cardinale parmigiano Gherando Bianchi nel maggio del 1298.
  • Palazzo della Pilotta. Costruito da Ottavio Farnese, è il centro storico e culturale della città.
  • Palazzo del Giardino. È situato all'interno del Parco Ducale; i lavori di costruzione iniziarono nel 1561 su ordine del duca di Parma Ottavio Farnese e su un probabile progetto del Vignola. Quest'opera si rese necessaria dal momento in cui il duca decise di risiedere in maniera stabile a Parma, al fine di dotare la piccola capitale di una sede prestigiosa per la corte. Costruito sulle terre dell'antico castello degli Sforza, subì importanti modifiche ed abbellimenti strutturali durante il XVII e XVIII secolo.
Palazzo.jpg
  • Palazzo delle Poste. Pregevole manufatto del centro storico, situato a due passi dalla Cattedrale, venne realizzato nel 1905 in puro stile Liberty da Moderanno Chiavelli.
  • Palazzo Tarasconi. Fu eretto nel Cinquecento ed al suo interno nel 1860 venne aperto il primo sportello della cassa di Risparmio di Parma. Il retro del palazzo ospitò, durante 20 anni, la tipografia della Gazzetta di Parma.
  • Palazzo Imperiale dell'Arena. Fu costruito per volere di Federico II di Svevia ed in seguito, tra il 1836 ed il 1847, venne ristrutturato da Nicola Bettoli su incarico della Duchessa Maria Luigia. Oggi è la sede del Convitto Nazionale.

Teatri storici[Modifica sezione]

  • Teatro Regio. Simbolo della passione melodrammatica della città, fu inaugurato dalla duchessa Maria Luigia con la Zaira di Vincenzo Bellini il 16 maggio 1829.
Teatro.jpg


  • Teatro Farnese. Opera lignea dell'architetto Giovan Battista Aleotti, coadiuvato nei lavori da Giovan Battista Magnani, realizzato all'interno del maestoso Palazzo della Pilotta. Nacque nel 1617 per volontà del duca di Parma Ranuccio I Farnese, al fine di festeggiare degnamente la sosta a Parma di Cosimo II de' Medici. Fu il primo teatro europeo a scena mobile.

Altri monumenti[Modifica sezione]

  • Cittadella. Grande fortezza costruita alla fine del XVI secolo su ordine del duca Alessandro Farnese, a margine delle mura storiche di Parma, per scopi difensivi e quale emblema del potere ducale. La sua costruzione fu anche l'occasione di fornire lavoro a gran parte della popolazione. Di forma pentagonale, l'architettura si ispira fortemente alla cittadella di Anversa. Oggi il suo interno è un vasto e frequentatissimo spazio dedicato a verde pubblico, attrezzato con numerosi impianti sportivi e giochi per bambini.
Cittadella.jpg
  • Monumento a Verdi. In granito e bronzo, l'opera dello Ximenes, costruita nel 1913 dall'architetto Lamberto Cusani, è dedicata al grande maestro Giuseppe Verdi. Il monumento visibile attualmente è solo una parte di un complesso più vasto, sacrificato, non senza polemiche, in nome dell'espansionismo urbanistico del dopoguerra.
  • Monumento a Bottego. Monumento bronzeo realizzato nel 1907 dallo Ximenes, in occasione del decimo anniversario della scomparsa dell'esploratore parmigiano Vittorio Bottego. La zona in cui sorge il monumento è attualmente sottoposta ad una vasta operazione di ristrutturazione e riqualificazione urbana, seguendo un progetto dell'architetto catalano Oriol Bohigas.
  • Monumento alla Vittoria alata. Obelisco inaugurato nel 1931 dal re Vittorio Emanuele III. La parte bronzea è stata realizzata dallo Ximenes.
  • Monumento a Filippo Corridoni. Il monumento dedicato al sindacalista caduto nel 1915 sul Carso, fu eretto nel quartiere Oltretorrente fra il 1925 e il 1927, su disegno dell'architetto parmigiano Mario Monguidi e modellato nel marmo e nel bronzo dallo scultore Alessandro Marzaroli.
  • Monumento a Ercole e Anteo. È un'opera in rame dell'artista fiammingo Teodoro Vanderstruck risalente agli anni tra il 1684 e 1687 nota anche con il nome de I du brasè (in dialetto parmigiano i due abbracciati). In origine doveva ornare la vasca collocata davanti a Palazzo Ducale, ma venne più volte trasferita.
Monumento.jpg
  • Monumento al CorreggioMonumento al Correggio. Statua del 1870 realizzata dallo scultore Agostino Ferrarini e posta in piazza Garibaldi. Rappresenta l'artista Antonio Allegri da Correggio nell'atto di guardare una propria opera tenendola, a distanza, con una mano sopra al proprio ginocchio.
  • Monumento a matt Sicuri. Enzo Sicuri, il filosofo da marciapiede, era un personaggio contemporaneo molto noto in città per aver sempre vissuto in strada, dormendo in scatole di cartone e veniva chiamato familiarmente dai parmigiani matt Sicuri. Il monumento in bronzo, realizzato da Maurizio Zaccardi, ne celebra la figura mentre siede su una scatola di cartone appoggiato a una bicicletta.
  • Monumento al Parmigianino. È una statua in marmo bianco del 1879 finanziata dall'Ordine Costantiniano e dal Comune. Con base a sezione quadrata divisa in tre piani, fu realizzata da Giovanni Chierici e raffigura Francesco Mazzola, detto il Parmigianino.
  • Monumento al Partigiano. È un'opera ideata dallo sculture Marino Mazzacurati e dall'architetto Guglielmo Lusignoli, raffigurante tre aspetti della guerra e della resistenza: un combattente con il mitragliatore in mano, un partigiano caduto e un muro per le fucilazioni ricavato da mattoni di case parmigiane distrutte dai bombardamenti.

Dove mangiare[Modifica sezione]

Castello di Felino - Ristorante Locanda della Moiana [1][Modifica sezione]

Strada al Castello, 1 - Felino tel: 0521 27.27.17 email: eventi@piuhotels.com [2] All'interno della suggestiva cornice del Castello di Felino, il ristorante Locanda della Moiana propone piatti tipici della tradizione gastronomica parmigiana, arricchita da influssi che provengono dal mare e da terre lontane. Il Ristorante, grazie agli ampi spazi del castello e al servizio di catering interno, è ideale per l'organizzazione di matrimoni, eventi, feste di laurea e cene aziendali. Chi desidera provare la cucina del Ristorante della Moiana, lo troverà aperto tutti i fine settimana (nel caso in cui si vogliano organizzare banchetti per ricorrenze particolari, il castello è disponibile 7 giorni su 7). Ampio parcheggio a disposizione degli ospiti

Trattoria Santa Chiara[Modifica sezione]

Ristorante situato in un palazzo del 700 nel centro storico di Parma.Rinnovato recentemente è un ambiente raffinato, accogliente, confortevole, dove la cura dei particolari rende ancor più piacevole e gentile l'atmosfera.La cucina espressa utilizza sempre prodotti di qualità e propone accurati piatti della tradizione parmigiana, senza rinunciare a qualche piatto di fantasia, pesce compreso, e sempre con un occhio di riguardo ai prodotti di stagione. Tutte le paste e i dolci sono rigorosamente di produzione propria.

Trattoria del Grillo[Modifica sezione]

43100 Parma (PR) - 281, str. Martinella tel: 0521 630176 fax: 0521 630176 email: trattoriadelgrillo@alice.it Uscendo dalla città, ai piedi delle colline parmensi, si trova la rinomata Trattoria del Grillo. Le proposte culinarie rispettano una lunga e accurata tradizione di ricette parmigiane alle quali si accosta perfettamente un piatto più frivolo e altrettanto appetitoso: la torta fritta. I punti di forza sono l'attenta ricerca di materie prime di alta qualità un'accurata e competente selezione di vini, non solo locali (circa 400 etichette.

Ristorante Casablanca[Modifica sezione]

43100 Parma (PR) - 25/a, v. Marchesi tel: 0521 993752 Il Ristorante Casablanca è l'unico ristorante con menu solo di pesce, molti capricci di mare e crudità varie. Casablanca: il mare a Parma!

Specialità antipasti di mare

grigliata di pesce

specialita' pesce di mare cassata, cannoli e babà di Sicilia

piatto di crudità

specialita' pesce di paranza fritto di paranza

specialita' pesce


Economici[Modifica sezione]

  • Ristorante: I tri Siochett - strada Farnese 74 l - 21/35 euro
  • Ristorante: Le Viole - strada nuova di Castel Nuovo 60/a l - 27/37 euro

Prezzi medi[Modifica sezione]

  • Ristorante: Al Tramezzo - via del bono 5/b l - 41/55 euro
  • Ristorante: Villa Maria Luigia - via Galaverna 28 l - 42/64 euro

Prezzi elevati[Modifica sezione]

  • Ristorante:Parizzi - strada della repubblica 71l - 65/75 euro
  • Ristorante:Il Rigoletto - piazza Martiri 29 l - 89/145 euro

Bere[Modifica sezione]

Vita notturna[Modifica sezione]

Dove alloggiare[Modifica sezione]

  • Astoria, Via Trento, 9 43122, T. +39.0521.272717 (, fax: F. +39.0521.272724), [3]. Situato nel pieno centro di Parma, a soli 180 metri dalla Stazione ferroviaria e a pochi minuti dall'aeroporto, dal Teatro Regio, dal Centro Fiere e dallo Stadio, Astoria Residence Hotel a Parma dispone di connessione internet, parcheggio custodito, ristorante convenzionato, wifi, petfriendly. Sia in viaggio di lavoro che di piacere, l’Astoria Residence Hotel è la location ideale per un soggiorno a Parma.  edit
  • Hotel, Borgo della Salina, 7 (angolo San Vitale), +39 0521/208039 (, fax: +39 0521/23878), [4]. Hotel Button è situato nel cuore del centro storico e commerciale di Parma, più precisamente a ridosso di Piazza Garibaldi e vicino alle attrazioni più importanti della città. Questo hotel 3 stelle è dotato di tutti i servizi necessari per rendere il vostro soggiorno, di affari o di piacere, il più gradevole possibile, quali: aria condizionata, bar, sala colazioni, sala TV, sala riunioni, sistema WI-FI e la possibilità di posteggiare l'auto in un parcheggio adiacente  edit
  • Palazzo Dalla Rosa Prati, 43121 Parma (PR) - 7, Strada al Duomo, 0521 38.64.29 (, fax: 0521 50.22.04), [5]. Palazzo Dalla Rosa Prati è un'antica residenza d'epoca che sorge in posizione privilegiata all'interno della città, proprio nel cuore del centro storico di Parma, accanto al Duomo e al Battistero. Questo elegante palazzo è stato trasformato in hotel e bed and breakfast di lusso per coloro che desiderano concedersi una vacanza a 5 stelle in città. Dotato di 7 appartamenti e altrettante suites, il Palazzo Dalla Rosa Prati mette inoltre a disposizione sale meeting e congressi in affitto, organizzabili in diverse soluzioni.  edit
  • Residence Corte della Vittoria, via Emilia Ovest 63, 0521 944358 (, fax: 0521 945619), [7]. Il residence "Corte della Vittoria" è ricavato dalla ristrutturazione di una villa padronale del 1700, che mette a disposizione monolocali e bilocali con tutti i comfort di casa. Ciascuna unità presenta rifiniture di lusso ed è fornita di angolo cottura completamente attrezzato, TV satellitare, riscaldamento autonomo e condizionamento, servizio di pulizia e cambio biancheria da letto e da bagno, posto auto privato e possibilità di garage opzionale.  edit

Uscire[Modifica sezione]

Itinerari[Modifica sezione]



Quest'articolo è uno stub e ha bisogno del tuo aiuto. Esso contiene minime informazioni. Per favore buttati e aiutalo!



Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti