Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Komotini

Da Wikitravel.


Komotini
Κομοτηνή
Posizione nella mappa
Lage von Komotini
Komotini
In breve
Abitanti: 52,659
Coordinate: 41° 6' 0" N, 25° 25' 0" O
Prefisso tel: +30 25310
Cod. postale: 691 00
Sito web: Sito ufficiale di Komotini



La torre dell'Orologio al centro di Komotinì. Fu costruita nel 1884 al tempo del sultano Abdul Hamet, ma alterata nelle sue forme originali nel 1950. Alle sue spalle sta il minareto della moschea nuova da dove tutt'oggi il muezzin chiama a raccolta i fedeli musulmani di Komotini

Komotini [1] (Gümülcine in turco) è il nome del capoluogo di Rodopi, una prefettura della Tracia greca. La città è anche capoluogo della regione amministrativa di Macedonia Orientale - Tracia.

Da sapere[Modifica sezione]

La popolazione della città parla due o più lingue. Oltre alla popolazione greca locale e i discendenti dei profughi greci dall'Asia Minore e del Ponto venuti dopo la Catastrofe dell'Asia Minore nel 1922, ci risiede anche una nutrita comunità musulmana e pomacca. La comunità islamica è rimasta in Grecia grazie alle esenzioni del Trattato di Losanna. Dopo il crollo dell'Unione sovietica in città arrivarono tanti rifugiati greci provenienti dalle ex repubbliche sovietiche e soprattutto da Georgia, Armenia, Russia e Kazakhstan.

Komotini è sede dell'università Democrito [2] che accoglie circa 13.000 studenti.

Geografia[Modifica sezione]

Storia[Modifica sezione]

La città si sviluppò in epoca romana seguito all'apertura dell'antica via Egnazia, un proseguimento della via Appia che conduceva da Durazzo a Costantinopoli. In epoca bizantina era nota come Koumoutzina e sotto il dominio ottomano come Gümülcine, nome in uso ancora oggi presso gli abitanti di religione musulmana. Durante la I guerra balcanica i Bulgari si impossessarono della città ma nella II furono costretti a cederla ai Greci che vi entrarono il 14 luglio 1913. Il trattato di Bucarest l'assegnò ai Bulgari e l'esercito greco l'evacquò. Alla fine della I guerra mondiale il trattato di Neuilly la restituì alla Grecia.

Come arrivare[Modifica sezione]

Komotini dista 282 km circa da Salonicco, 65 km circa da Alexandroupoli e 85 km da Kavala Dalla stazione delle autolinee extra urbane di Salonicco partono gli autobus KTEL. Tel.: +30 2310 595419.

Come spostarsi[Modifica sezione]

Radio taxi: +30 25310 37777

Da vedere[Modifica sezione]

  • Eski Tzami (Vecchia Moschea) --
  • Il vecchio centro attrae soprattutto l'attenzione dei turisti grazie alle sue vecchie case, alle botteghe che rimandano ai tempi della lunga domnazione ottomana.
  • Al centro della città sta il parco di Agia Paraskevì e il monumento in memoria dei caduti della II guerra mondiale, alto 15 metri e noto come "la spada". Plateia Irinis è la piazza centrale animata anche di notte quando aprono locali frequentati soprattutto daalla popolazione studentesca.
  • Komotini ha un museo archeologico, un museo bizantino ed uno dedicato al folklore.

Attività ricreative[Modifica sezione]

A sud ovest della piazza centrale si trova il teatro municipale all'aperto dove hanno luogo spettacoli nell'ambito del festival detto "Politistikò kalokeri" (Estate culturale)

Folclore e manifestazioni[Modifica sezione]

Acquisti[Modifica sezione]

A nord ovest della città nel quartiere di Nea Mosinopoli esiste un centro commerciale moderno detto Kosmopolis Park che ospita anche ristoranti e sale cinematografiche.

Dove mangiare[Modifica sezione]

Economici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

Prezzi elevati[Modifica sezione]

Dove bere[Modifica sezione]

Vita notturna[Modifica sezione]

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Economici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

  • Anatolia -- 53, via Achialou. Tel.: +30 25310 36242-7. Fax: +30 25310 23170. [3]. Albergo di cat "B" con 44 stanze doppie e 12 singole. Radio/TV, Wi-Fi Wireless Internet.
  • Kyridis -- 6, via Leontos Sofou. Tel.: +30 25310 73250-2. Fax: +30 25310 73253. Albergo di cat "B" con 23 stanze.
  • Rodopi -- 3, via Ethnarchou Makariou (a 1 km dal centro). Tel.: +30 25310 35988. Fax: +30 25310 35991. Sito web. Albergo di cat "B" con 18 stanze.
  • Xenia -- 43, via Sismanoglou. Tel.: +30 25310 22648. Fax: +30 25310 22237. Sito web Albergo di cat "B" con 26 stanze a 400 metri dal centro.
  • Astoria -- 28, Piazza Irinis. Tel.: +30 25310 35054-5, 22707. Fax: +30 25310 22707. [4] Albergo di cat "B" con 14 stanze, in un vecchio edificio degli inizi del XX secolo che fu trasformato in albergo nel 1937 e restaurato nel 1994.

Prezzi elevati[Modifica sezione]

  • Achillio Al 4° km della strada statale Komotini-Xanthi. Tel.: +30 25310 83880, 22323. Fax: +30 25310 83882. Sito web. Albergo di cat "A" con 31 stanze.
  • Archontiko Chris & Eve Mansion -- Al 3° km della strada statale per Alexandroupoli. Tel.: +30 25310 33560-3. Fax: +30 25310 26979. [5]. Albergo di cat "A" in una casa d'epoca restaurata. Possiede 81 stanze e 6 suites.
  • Arcadia -- Tel.: +30 25310 89100. Fax: +30 25310 89119. [6]. Albergo di cat "A" con 82 stanze.
  • Filia -- Ambelokipi 69100 Komotini. Tel.: +30 25310 27500. Fax: +30 25310 70524. [7]. Albergo di cat. "A" con 49 stanze Mr Periklis Vrouzos

Comunicazioni[Modifica sezione]

Giornali locali (solo in lingua greca) : Chronos (Il Tempo), Paratiritis tis Thrakis, Elefthero Vima, Terra di Tracia, Forum tracico

Sicurezza personale[Modifica sezione]

A Komotini esiste un consolato italiano in via Zoidou Nik n° 61 tel: +30 25310 26404 e uno turco (GÜMÜLCİNE BAŞKONSOLOSLUĞU) in via Ionion n° 14. Tel: +30 25310 37394, +30 25310 83420 21. Fax : +30 25310 32761

Uscire[Modifica sezione]

Escursioni[Modifica sezione]

  • Maroneia -- Un piccolo villaggio vicino alle rovine dell'antica omonima città e con un bel litorale.
  • 6 km a Nord est dal centro si trova la foresta di Nymfaia divisa in due da una strada asfaltata che conduce alla storica fortezza di Nymfaia di epoca bizantina



Quest'articolo è uno stub e ha bisogno del tuo aiuto. Esso contiene minime informazioni. Per favore buttati e aiutalo!


Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue