Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Kerkyra

Da Wikitravel.
Il capoluogo dell'isola di Corfù visto dal mare
Cartina
noframe


In breve
Nome Kerkyra
Nome
ufficiale
Κέρκυρα
Status Municipio
Capoluogo di prefettura
Capoluogo regionale
Nazione Grecia
Regione Isole Ionie
Prefettura Corfù
Abitanti 39.487 (anno 2001)
Superficie 41,905 km2
Sito web sito del municipio
L'acropoli di Kerkyra
Particolare del palazzo Listòn sull'Esplanade, costruito dall'ingegnere Lesseps
Kerkyra, città vecchia: La via "Aghios Spyridona" e sullo sfondo il campanile della chiesa omonima

Kerkyra è il capoluogo regionale delle Isole Ionie, nonché della prefettura di Corfù. La città con i suoi sobborghi e i suoi immediati dintorni costituisce una delle principali mete turistiche della Grecia assieme a Rodi, Santorini, Mykonos e Creta

Distretti[Modifica sezione]

  • La città vecchia (Paleà Poli in greco) -- Un dedalo di viuzze ove si affacciano vecchie case dal sapore italiano. È delimitata ad ovest dalla "Spianata", l'amplissimo piazzale rimaneggiato dai Francesi al principio del XIX secolo sull'antica Piazza d'Armi veneziana e ad Est dall'antica fortezza di San Marco, oggi nota come Forte nuovo (Nèo Froùrio). Il quartiere non è valorizzato come ci si aspetterebbe.
  • Kanoni -- Il sobborgo turistico di Kerkyra, 4 km a sud del centro con numerosi alberghi. Vi si trova l'isolotto di Pontikonissi

Dintorni[Modifica sezione]

Centri balneari lungo la strada litoranea nord per Kassiopi compresi tra il centro ed Ipsos:

Da sapere[Modifica sezione]

Geografia[Modifica sezione]

La città di Kerkyra è situata su un promontorio della costa orientale di Corfù, di fronte l'Epiro. Si affaccia ad est sul golfo di Garitsa delimitato a nord dal'isola dove sorge il Forte vecchio. La città fondata dai Corinzi sorgeva qualche km più a sud, nella penisola che delimita la laguna di Halikiopoulo ed aveva due porti uno sul mare aperto e l'altro sulla laguna.

Il nome della città in epoca bizantina era "Korifò" che significa vertice donde proviene Corfù in italiano.

Storia[Modifica sezione]

Come arrivare[Modifica sezione]

Da vedere[Modifica sezione]

  • Esplanade (In greco: Spianata, Σπιανάδα) -- Una vastissima piazza corrispondente alla Piazza d'Armi di epoca veneziana. Dopo la caduta della Serenissima nel 1797, i Francesi durante il loro breve dominio sulle Isole Ionie, provvidero a rimaneggiarla creandovi palazzi con portici e vasti giardini. Oggi la piazza fa da sfondo a parate e importanti manifestazioni pubbliche
  • Palazzo Listòn -- Il più celebre dei palazzi che si affacciano sull'Esplanade. È un edificio a portici costruito tra il 1807 e il 1814 da Fernando Lesseps, padre dell'ingegnere che aprì il canale di Suez. L'edificio è costruito sul modello dei palazzi che si affacciano sulla celebre Rue de Rivoli a Parigi. Oggi i suoi portici accolgono numerosi bar e ristoranti.
  • Palazzo dell'ex prefettura (Παλιά Νομαρχία in greco) -- Palazzo di stile neoclassico che un tempo era adibito a sede della prefettura. L'edificio è costruito sul sito della casa natale di Giovanni Capodistria che fu eletto primo presidente del consiglio della Grecia indipendente.
  • Chiesa di Aghios Spiridona -- Chiesa del XVI secolo nel cuore della città vecchia con un alto campanile. Vi sono conservate le reliquie di Santo Spiridone, patrono della città che vengono portate in processione 4 volte all'anno.
  • Nuovo Forte (Neo Frourio, Νέο Φρούριο in greco) -- È l'antica fortezza di San Marco costruita dai Veneziani nel 1576 ed ampliata nel secolo XIX da Inglesi e Francesi. Interessanti sono i due portali d'ingresso.
  • Vecchio Forte (Paleò Frourio Παλαιό Φρούριο in greco) -- La fortezza sulla collina che domina la piazza detta Spianata. Un ponte la collega alla terraferma. Fu costruita in epoca bizantina ed ampliata al tempo del dominio della Serenissima.


Musei[Modifica sezione]

  • Museo archeologico -- Raccoglie reperti archeologici provenienti da varie località di Corfù. Il suo pezzo più famoso è la Gorgone che adornava il tempio di Artemide del VI secolo a.C. Altri pezzi famosi sono il Leone di Menecrato e la testa del poeta comico Menandro del I secolo a.C. Il museo sorge nel quartiere di Garitsa.
  • Museo dell'Arte Asiatica -- Ospita collezioni donate da privati con pezzi provenienti dalla Cina, dall'India e dal Giappone. Il museo è ospitato nella cosiddetta reggia dei Santi Michele e Giorgio, un edificio che era adibito a sede del governatore britannico delle Isole Ionie
  • Museo dell'arte bizantina e postbizantina -- Vi sono esposte icone che coprono un periodo che va dal XVI al XVIII secolo oltre a frammenti di mosaici di epoca anteriore. Il museo è ospitato nella chiesa di Panaghia Antivouniotissa

Fuori dal centro[Modifica sezione]

Il bianco monastero di Panaghia Vlachernon in primo piano sull'isola unita alla terraferma dallo stretto pontile dove sono ormeggiate le barche che effettuano le escursioni a Pontikonissi sullo sfondo
  • Mon Repos -- Una tenuta con una villa neoclassica dalle proporzioni contenute, fatta costruire nel 1826 dal governatore inglese Frederick Adam per le sue vacanze estive. Dopo l'unione di Corfù al regno di Grecia la tenuta fece parte dei beni della corona. Il 10 giugno 1921 vi nacque Filippo di Edimburgo, principe consorte della regina Elisabetta II. La tenuta si trova in parte nella zona archeologica di Paleopoli, ovvero là dove sorgeva l'antica città di Kerkyra fondata dai Corinzi nel VII secolo a.C. La Gorgone che si ammira al museo archeologico proveniva dal tempio di Artemide di cui sono visibili tracce delle sua fondamenta a fianco della villa. Poco lontano si trovano le rovine del tempietto dorico detto di Kardakio dedicato a Poseidone o forse ad Esculapio, scoperto per caso nel 1822 dagli Inglesi durante i lavori per l'approvigionamento idrico della villa.
  • Pontikonissi -- L'angolo più fotografato di Corfù è questo isolotto dalle dimensioni minuscole e difatti il suo nome in greco significa "isola topolino". Si raggiunge dal centro imboccando il lungomare, viale della Repubblica (Leoforos Dimocratias) fino a raggiungere l'estremità della penisola che delimita la laguna di Halikiopoulo (Χαλικιόπουλου) là dove c'è il ponte che unisce Canoni con Perama. L'isolotto accoglie la cappella dedicata al Pantocratora (l'Onnipotente)

Attività ricreative[Modifica sezione]

  • Quanti amano il gioco d'azzardo sappiano che il Casinò di Corfù si trova all'hotel "Corfu Holiday Palace" di Kanoni. Ha 15 tavoli e nulla che lo possa avvicinare allo splendore dei casinò di Montecarlo.

Folclore e manifestazioni[Modifica sezione]

Acquisti[Modifica sezione]

Dove mangiare[Modifica sezione]

Economici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

Prezzi elevati[Modifica sezione]

Dove bere[Modifica sezione]

Vita notturna[Modifica sezione]

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Se si va a Corfù in vacanza e non per affari si consiglia di soggiornare a Kanoni o, meglio ancora, in una delle numerose località balneari lungo la litoranea per Kassiopi anziché nel centro di Kerkyra che, tutto sommato, non è ben valorizzata (I Greci non amano la "roba vecchia" e si vede) per cui basta una passeggiata per farsene un'idea.

  • Quasi sempre anziché rivolgersi direttamente all'albergatore, risulta molto più conveniente rivolgersi ad un operatore turistico specializzato nell'affitto di case vacanze o alberghi.

Prezzi modici[Modifica sezione]

Prezzi medi[Modifica sezione]

  • Dalia Hotel -- Piazza Ethn. Stadiou n° 9, Tel.: +30 26610 32341, 36048, 80844. Fax: +30 26610 36048. [1] Albergo di cat C aperto tutto l'anno. 17 stanze.
  • Bella Venezia -- 4, Via N.Zambeli n° 4. Tel.: +30 26610 46500, +30 26610 44290. Fax: +30 26610 20708. [[2] [3]. Albergo a tre stelle con 30 stanze. Direttore: Theodoros Ziniatis.
  • Ariti Hotel -- Kanoni via Nafsikas 40. Tel.: +30 26610 33885-8 Fax: +30 26610 33889 Albergo di cat A a 500m dal mare con piscina. 167 stanze la maggior parte con aria condizionata. Aperto da aprile a ottobre
  • Constantinoupolis -- K. Zavitsianou, nella zona del vecchio porto. Tel.: +30 26610 48716-8. Fax: +30 26610 80716. [4] Albergo tradizionale di categoria C con 31 stanze. Aperto tutto l'anno.
  • Acropole Hotel -- K. Zavitsianou n° 3. Tel.: +30 26610 39569. Fax: +30 26610 23937. Albergo di cat D con 15 stanze.
  • Ionion Hotel -- Via Xen. Stratigou n° 46. Tel.: +30 26610 39915, 30628 Fax: +30 26610. Albergo di categoria C di 84 stanze. (informazione del 2002)
  • Hermes Hotel -- Gerasimou Markora 14., Tel.: +30 26610 39321. Fax: +30 26610 31747. Albergo categoria C di 33 stanze. Aperto tutto l'anno.
  • Bretagne Hotel -- Georgaki n° 27. cat C. Tel: +30 26610 30724, 35690, 31129. Fax: +30 26610 28027. [5]. Albergo di cat C di 43 stanze funzionante tutto l'anno a metà strada tra l'areoporto e il centro.
  • Atlantis Hotel -- Xen. Stratigou n° 48 cat C Tel: +30 26610 35560. Fax: +30 26610 46480. Albergo di categ C con 61 stanze in parte con aria condizionata. Aperto tutto l'anno. Dista 700 metri circa dal centro.
  • Phoenix Hotel -- Chrisostomou Smirnis n° 2. Tel.: +30 26610 42590, 42290. Fax: +30 26610 42990. Albergo di categoria C aperto tutto l'anno.

Prezzi elevati[Modifica sezione]

  • Corfu Palace Hotel -- Nella baia di Garitsa Viale Democrazia. Tel.:: +30 26610 39485-7. Fax: +30 26610 31749. Telex: 332126. [6] Aperto tutto l'anno
  • Corfu Holiday Palace -- Località Canoni Via Nausica n°2 (4km a sud del centro). Tel.: +30 26610 36540-4 Fax: +30 26610 36551. Telex: 332148, 332358. [7] Albergo di lusso aperto tutto l'anno. Dispone di 14 Suites, 37 Bungalows, 26 stanze singole e 179 doppie. Dispone di campi da tennis e da golf, due piscine (una all'aperto e una chiusa) Casinò e salone di bellezza. È situato sulla spiaggia.
  • Siorra Vittoria -- Via Stefano Padova n° 36. Tel: +30 26610 36300. Fax: +30 26610 40777. [8][9]. "Boutique Hotel" con 6 stanze e 3 suites. Direttore: Loukas Metaxas.
  • Divani Corfu Palace -- Canoni via Nausica. Tel +30 26610 38996. Fax +30 26610 35929 [10]. Albergo di categoria A con piscina. 141 stanze doppie + 21 singole

Comunicazioni[Modifica sezione]

Sicurezza personale[Modifica sezione]

Uscire[Modifica sezione]

Escursioni[Modifica sezione]

Corfù: Il forte nuovo
Panorama di Kerkyra con il forte veneziano




Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue