Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Itaca

Da Wikitravel.
Itaca:Panorama della baia di Vathy
Panorama di Vathy, il piccolo capoluogo di Ithaka disteso in una pittoresca baia della costa orientale
Itaca: Il piccolo villaggio di Kioni
Ithaka: un "Kafeneio" tradizionale
Itaca: vendita di pesce fresco

Itaca (In Greco: Ιθάκη) è una delle Isole Ionie, Grecia.

Da sapere[Modifica sezione]

La leggendaria patria di Ulisse è una delle isole più selvagge tra le Ionie. Ricolma di ulivi e cipressi può offrire una vacanza comunque piacevole, soprattutto a chi si vuole mettere sulle tracce di Odisseo.

Geografia[Modifica sezione]

Di forma allungata la parte sud e quella nord sono divise da una sottile striscia. Per lo più montuosa ma ricca di baie. Quella del capoluogo, Vathy, è una delle più grandi del mondo, e ciò porta, soprattutto nelle ore notturne, a respirare in loco una forte aria salmastra.

Storia[Modifica sezione]

La sua storia è antichissima come tutta quella della Grecia, i più antichi reperti trovati risalgono al paleolitico.

Come arrivare[Modifica sezione]

L'areoporto più vicino è ad Argostoli, (Cefalonia), ma si può arrivare comodamente ad Itaca anche da Patrasso con un traghetto che, almeno nella stagione estiva, parte due volte al giorno, impegandoci circa quattro ore. L'isola inoltre è frequentatissima da barche a vele, ed ha diversi porti e porticcioli predisposti ad ospitarle.

Chi risiede per vacanze a Cefalonia troverà conveniente visitare Itaca con una delle gite in autobus organizzate dalla compagnia di autobus locale (KTEL). Per informazioni sugli orari rivolgersi alla stazione degli autobus di Argostoli o di Sami

Come spostarsi[Modifica sezione]

I mezzi pubblici sono sostanzialmente assenti, ma il servizio taxi è abbastanza efficiente e numeroso. Si potrà trovare agevolmente da affittare una macchina o un motorino, che è la scelta migliore e più economica se si vuole visitarne le baie isolate e i luoghi più caratteristici. Attenzione però alle strade tutte curve e in alcuni punti di quelle secondarie sprovviste di guardrail: danno sull'abisso. E' possibile affittare anche delle barche.

Da vedere[Modifica sezione]

Innanzitutto le sue spiagge di sassi, soprattutto la bellissime Gialos e Afales. Poi i due porticcioli sulla costa settentrionale, molto diversi dal capoluogo Vathi per il mare più movimentato e ventoso, Frikes e Kioni. Anche i due musei archeologici, a Vathi e Stavros, e i due siti archeologici, uno ad Alalkomenes, dove addirittura Schliemann, lo scopritore di Troia, scavò ritenendo ivi sepolto il palazzo di Ulisse, e un altro chiamato "La scuola di Omero", dove gli scavi sono tuttora in corso. Poi la Fonte Aretusa, descritta anche nell'Odissea, raggiungibile però solo a piedi dopo una camminata di media difficoltà di circa un'ora, e le vicine Grotte delle Ninfe. Potrà capitare però di trovarci le onnipresenti capre e caproni, ma niente paura, sono animali benevoli. Anche il rilievo maggiore dell'Isola sulla parte settentrionale, sormontato da un piccolo monastero, è da vedere, la vista da lì toglie il fiato.

Attività ricreative[Modifica sezione]

I tre centri turistici dell'isola sono essenzialmente il capoluogo Vathi e i porticcioli di Frikes e Kioni, nei quali si possono trovare le normali attività: ristoranti, bar, alimentari, abbigliamento, edicole, negozietti tipici. A Vathi si può fare anche un po' di vita notturna giovanile.

Acquisti[Modifica sezione]

In genere i negozi di Itaca, soprattuto quelli di Frikes e Kioni, più che la solita paccottiglia vendono cose abbastanza interessanti, come ceramiche fatte e dipinte a mano, di cui sono molto bravi, e modellini di barche a vela, anche molto belli e curati. Da consigliare anche una piccola gioielleria, ma dall'affascinante impronta arcaica nei manufatti, a Kioni.

Dove mangiare[Modifica sezione]

I ristoranti greci, tutti in pratica a conduzione familiare, sono tutti buoni. Il piatto nazionale ovviamente è la carne, fatta in svariati modi. I prezzi sono abbastanza bassi in rapporto a quelli italiani.

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Sul sito [1] ci sono tutte le attività ospitative. L'albergo più rinomato è il Nostos, a Frikes, ma anche gli affittacamere hanno in genere belle stante aerate, pulite e anche con angolo cottura.

Comunicazioni[Modifica sezione]

Capitaneria di Porto tel. 067432909

Sicurezza personale[Modifica sezione]

C'è un pronto soccorso a Vathi, fornito anche di autoambulanze. Le cabine telefoniche, sparse un po' dappertutto nei punti centrali, contengono inoltre la possibilità di contattare la locale polizia e soccorso.




Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti