Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Cidade Velha

Da Wikitravel.

Cidade Velha è il centro più antico di tutte le isole di Capo Verde, ancora ben conservata la piazza dove era effettuata la tratta degli schiavi e i resti di un convento del 1400 e di una fortezza.

Saotiago è stata, probabilmente, la prima isola ad essere scoperta (circa 1460). Qualche anno dopo la scoperta delle isole (intorno al 1462), l’isola fu divisa in due Capitanie: una, quella di Ribeira Grande (oggi Cidade Velha) venne affidata ad Antonio da Noli (genovese), l’altra, quella di Alcatrazes, venne affidata a Diogo Alfonso (portoghese). Fu quindi anche la prima a essere colonizzata e diventò, in seguito, il centro principale dello smistamento degli schiavi “prelevati” dalle coste africane. Questa caratteristica e la conseguente fuga di schiavi nell’interno dell’isola, alla ricerca di libertà e di una tranquillità che le incursioni dei pirati negavano, hanno fatto sì che, ancor oggi si possa dire che si tratta della più "africana" delle isole dell’arcipelago.

punti di interesse a Cidade Velha: - il pelourinho , sulla grande piazza acciottolata, la colonna a cui venivano legati gli schiavi per la vendita o la punizione, - la chiesa di Nossa Senhora do Rosario (fine del XV secolo), - la Rua de Banana (la via parallela a quella della chiesa), una delle prime strade della cittadina (fine del XV secolo), - le rovine del convento francescano (XVII secolo) con l’annessa cappella restaurata dalla Cooperazione spagnola, - ai piedi della scalinata che porta al convento ci sono il trapiche e l’alambicco per la fabbricazione del grogue - e, salendo al fianco dell’antica cattedrale (fine del XVII sec.), potrete risalire, a piedi, sino alla fortezza (raggiungibile anche in auto) che domina la baia

Da Cidade Velha si può fare una bella escursione ad Aguas Verdes: (a piedi - un po' più di un’ora e mezza andata e ritorno). Si cammina nella ribeira (il fiume) in secca per arrivare fino al la fonte di Aguas Verdes, una volta ricca di acqua prima che la stessa venisse incanalata per soddisfare I bisogni della vicina Praia; oppure si va in aluguer fino a Salineiro e si scende per un sentiero pietroso e molto pendente fino al fondo della valle. La vegetazione nella ribeira è rigogliosa: manghi, papaie, goiabe, fichi selvatici, aranci, canna da zucchero… adesso la fonte è usata solo dalle donne che lavano i panni e li stendono sulle rocce o sugli alberi. A circa metà strada si incontrano due bao-bab (in kriolu= kalbisera) di dimensioni veramente gigantesche, coltivazioni e piccole distillerie di grogue (distillato di canna da zucchero).



Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue