Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Camogli

Da Wikitravel.

Camogli è un centro balneare nella provincia di Genova.

Come arrivare[Modifica sezione]

In treno[Modifica sezione]

A Camogli si arriva in treno con fermata a Camogli.

In macchina[Modifica sezione]

In macchina si arriva seguendo l'antica strada romana Aurelia o con l'autostrada A12 con uscita a Recco, che dista 2 km.

In autobus[Modifica sezione]

In nave[Modifica sezione]

Coi battelli pubblici che partono da Rapallo, Portofino, Santa Margherita Ligure, Genova.

A piedi[Modifica sezione]

Per arrivare a piedi si può sfruttare il reticolo di sentieri che collegano tutti i comuni che si trovano nel territorio del Monte di Portofino.

In aereo[Modifica sezione]

L'aeroporto più vicino è il Cristoforo Colombo di Genova che dista 30 km.

Come spostarsi[Modifica sezione]

Camogli è visitabile a piedi nel giro di una giornata. Le strade principali sono due: il lungomare e la più centrale via della Repubblica, entrambe chiuse al traffico. Durante i pomeriggi d'estate è piacevole inoltrarsi nelle strette vie del centro storico medievale per trovare rifugio dalla canicola estiva.

Da vedere[Modifica sezione]

Attività ricreative[Modifica sezione]

  • Sagra del pesce - Agli inizi del 1700 alcuni camoglini a bordo di una galea di ritorno da Civitavecchia furono sorpresi da una tempesta in mare aperto. Allo stremo delle forze rivolsero le loro preghiere alla statua del santo che avevano a bordo. Le loro preghiere furono esaudite, i camoglini tornarono a casa sani e salvi e decisero di dedicare ogni seconda domenica di Maggio alla celebrazione del Santo che li aveva protetti e che chiamarono Fortunato.
Nel 1952 alcuni camoglini decisero, come gesto di benvenuto, di regalare ai residenti e ai turisti una frittura di pesce. Da allora questo gesto spontaneo si è trasformato in una grande festa, ormai famosa in Italia e nel mondo, che ogni anno attira a Camogli migliaia di visitatori.
La sera della vigilia, dopo la cerimonia religiosa ha luogo l'incendio dei falò delle grandi sculture di legno ogni anno dalle forme deverse, a seconda dell'ispirazione dei costruttori, rigorosamente di Camogli.
Domenica mattina si prepara il fritto: in piazza Colombo, affacciata sul porticciolo si issa una grande padella, dal diametro di 3,85 metri e dalla capacità di 1000 litri d'olio. Si frigge tutto il giorno e si arriva ad offrire dalle 3000 alle 5000 porzioni di fritto.

Acquisti[Modifica sezione]

Dove mangiare[Modifica sezione]

A Camogli esistono circa 70 esercizi commerciali in cui è possibile bere e mangiare, gustare piatti della tradizione ligure o anche semplicemente rifocillarsi con piatti da asporto. I prezzi sono per tutte le tasche. Poco dietro la passeggiata mare, in via Piero Schiaffino, si trova il Sâ, un piccolo ristorante in cui è possibile gustare piatti della tradizione con un pizzico di innovazione. Al Sâ vi daranno anche numerose e preziosissime informazioni sulla storia di Camogli e sulle attività ricreative che è possibile svolgere nei dintorni.

Dove bere[Modifica sezione]

Affacciato sulla calata porto, riconoscibile da rossi lumini si trova la Taverna del Pirata. Sembra di entrare in un libro di Stevenson: luci basse, camino acceso nelle notti d'inverno, dal soffitto pendono rosse lanterne e dentiere di squali catturati nei sette mari. Centinaia di bottiglie di rum vestono le pareti e a Mauro il locandiere basterà darti uno sguardo per scelgiere quello giusto per te. Apre alle 22, quando i bravi ragazzi vanno a dormire e in giro rimangono solo i bucanieri.

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Uscire[Modifica sezione]

Escursioni[Modifica sezione]


Quest'articolo è uno stub e ha bisogno del tuo aiuto. Esso contiene minime informazioni. Per favore buttati e aiutalo!



Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti