Aiuta Wikitravel a crescere grazie al tuo contributo: scrivi un articolo! Ecco come.

Berlino

Da Wikitravel.
La Porta di Brandeburgo

Berlino (in tedesco Berlin) è la capitale della Germania e con i suoi circa 3,5 milioni di abitanti è anche la città più grande della Germania. Berlino sorge sulle rive della Sprea nel nord-est della Germania. È situata nella regione geografica del Brandeburgo, ma costituisce un Land a sé.

Berlino e' una metropoli molto accogliente e vivibile e negli ultimi decenni, in seguito alla riunificazione della Germania, si e' distinta per l'architettura moderna con nuove imponenti costruzioni e riqualificazioni di ampie aree - soprattutto nella vecchia Berlino Est - che l'hanno ridisegnata, un processo ancora in pieno svolgimento.



Distretti[Modifica sezione]

I quartieri di Berlino possono essere raggruppati in sei aree:

Districts of Berlin

Mitte (Mitte)
Il centro storico di Berlino,il nucleo della vecchia Berlino Est e il nuovo centro. Caffetterie, ristoranti, musei, gallerie e club in abbondanza oltre a molti luoghi di interesse storico.
Ovest (Charlottenburg, Wilmersdorf, Schöneberg, Tiergarten, Moabit)
Ku'Damm (abbreviazione di Kurfürstendamm) è assieme a Tauentzienstraße, una delle principali vie dello shopping della vecchia Berlino Ovest, in particolare per gli articoli di lusso. Qui e sulle laterali si trovano ottimi ristoranti e hotel di lusso. Nel distretto si trovano anche il Palazzo di Charlottenburg, il Kulturforum, il Tiergarten e lo Stadio Olimpico. Schöneberg è una bella zona residenziale per famiglie e anche per la comunità gay.
Centro Est (Friedrichshain, Kreuzberg, Prenzlauer Berg)
Generalmente associata alla cultura di sinistra, agli artisti e agli immigrati di origine turca, questo distretto è un po’ più caotico rispetto ad altri, ma ha molti locali, bar, ristoranti, club e negozi oltre ad alcuni musei nel quartiere di Kreuzberg vicino al confine con Mitte. Queste zone stanno vivendo una trasformazione perché attirano sempre più studenti, artisti e professionisti dei media.
Nord (Spandau, Tegel, Reinickendorf, Pankow, Weißensee, Gesundbrunnen, Wedding)
Spandau e Reinickendorf sono vecchi centri che danno un senso di maggior spazio rispetto al centro città. Pankow un tempo era il simbolo del governo della Germania Est e le ville in cui abitavano i leader del SED (il vecchio partito socialista tedesco che governò la Germania Est) esistono ancora.
Est (Lichtenberg, Hohenschönhausen, Marzahn, Hellersdorf)
Il museo nel punto in cui i tedeschi si arresero all’esercito sovietico nel 1945 è interessante, così come la vecchia prigione della Stasi, essenziali per chi vuole conoscere la storia della Germania Est. Marzahn-Hellersdorf è conosciuto soprattutto per i grandi edifici residenziali, ma contiene anche il "Gardens of the World", un grande parco dove sono riprodotti diversi giardini secondo vari stili di tutto il mondo.
Sud (Steglitz, Zehlendorf, Tempelhof, Neukölln, Treptow, Köpenick)
La zona sud racchiude quartieri molto diversi tra loro. Zehlendorf è una delle zone più verdi e ricche di Berlino, mentre Neukölln è una delle più povere. Le foreste di Köpenick attorno al Müggelsee, il lago più grande di Berlino, e la stessa città vecchia di Köpenick meritano di essere esplorate in bicicletta oppure utilizzando la S-Bahn.






Prima la città era divisa in circoscrizioni più piccole, così come le si trova ancora in molte guide turistiche: Charlottenburg, Friedrichshain, Hellersdorf, Hohenschönhausen, Köpenick, Kreuzberg, Lichtenberg, Marzahn, Mitte, Neukölln, Pankow, Prenzlauer Berg, Reinickendorf, Schöneberg, Spandau, Steglitz, Tempelhof, Tiergarten, Treptow, Wedding, Weißensee, Wilmersdorf e Zehlendorf.

Per i turisti sono interessanti soprattutto i quartieri centrali Charlottenburg-Wilmersdorf, Friedrichshain-Kreuzberg e Mitte come anche Berlino/Prenzlauer Berg nella parte est della città, perché in questi si trovano le attrazioni principali e una concentrazione particolare di negozi o locali.

Per chi ha tempo vale la pena spingersi in certi quartieri più periferici, che sono in certi casi molto più antichi del centro, in quanto erano originariamente cittadine o villaggi che sono stati inglobati nella città solo agli inizi del ´900. Fra questi vale la pena citare Spandau e Köpenick.

Da sapere[Modifica sezione]

Storia[Modifica sezione]

Chiesa di San Nicola (1230)

Berlino è stata fin dalla fondazione un centro multiculturale. La regione in epoca pre-cristiana era abitata da tribù di Svevi e Burgundi oltre a Slavi e Venedi. Questi ultimi sono rimasti e i loro discendenti più recenti sono rappresentati dalle minoranze di lingua slava che abitano nei piccoli centri a sud-est di Berlino lungo la Sprea.

All’inizio del XIII secolo due città (Berlino e Cölln) si svilupparono sulle due sponde della Sprea (oggi Nikolaiviertel e il quartiere vicino oltre il fiume). Con l’aumentare della popolazione i due centri si fusero e Berlino divenne un centro agricolo e di scambi commerciali. La zona è rimasta piccola (circa 10,000 abitanti) fino alla fine del XVI secolo a causa della Guerra dei Trent’Anni di inizio Seicento che portò alla morte di circa la metà della popolazione.


Dalla fine del Seicento, con l’arrivo di molti Ugonotti francesi, Berlino ha accolto tante persone in cerca di asilo. Nel 1701 divenne capitale della Prussia e nel 1710 altri centri vicini si unirono andando a formare una città ancora più vasta.

Nel 1871 Berlino divenne capitale del nuovo Regno di Germania e pochi anni dopo la popolazione superò il milione di abitanti grazie alla crescente industria.

Dopo la Prima Guerra Mondiale, nel 1920, l’annessione di altri centri vicini portò alla nascita della Berlino attuale. In seguito alla salita al potere del Partito Nazista Berlino divenne capitale del Terzo Reich nonché residenza e sede del governo di Hitler.

La Seconda Guerra Mondiale portò alla quasi totale distruzione del centro di Berlino: gli edifici che si vedono oggi sono delle ricostruzioni o sono stati progettati e costruiti nel dopoguerra il che ha portato la città ad avere un aspetto frammentato in molte zone. Berlino venne divisa in quattro settori ( Berlino Ovest in quelli Francese, Americano e Britannico, Berlino est invece sotto il controllo dell’Unione Sovietica). Nel 1949 venne fondata la Repubblica Democratica di Germania ("Germania Est") con Berlino Est come capitale. Berlino Ovest rimase sotto controllo degli Alleati tenendo un rapporto stretto con la Germania Ovest (che aveva Bonn come capitale) e di fatto divenne un’ exclave nella Germania Est. A causa delle crescenti tensioni tra Est e Ovest il governo della Germania Est decise nel 1961 di costruire un muro (il ‘’’Muro di Berlino’’’) per separare le due città.

Alla fine del 1989 le rivolte contro il governo della Germania Est portarono al crollo del muro. Nel 1990 Germania Est e Germania Ovest si riunirono e Berlino divenne di nuovo capitale unica del paese.

Vecchio e nuovo a Berlino - Marienkirche e la Torre della TV

Dopo la Seconda Guerra Mondiale e la costruzione del muro molti lavoratori turchi vennero invitati a Berlino Ovest per lavorare nel settore industriale, nella parte Est invece molti lavori venivano svolti da immigrati di origine vietnamita, ma anche da altri immigrati provenienti dai paesi del blocco sovietico inclusi soldati russi che non tornarono a casa. Tutto questo ha contribuito a rendere Berlino la città multiculturale che è oggi.

Berlino è una città giovane. Prima della riunificazione della Germania i giovani di Berlino Ovest erano esentati dal servizio militare/civile. Per questo molti attivisti politici, pacifisti e anarchici si trasferirono a Berlino. Ai musicisti e agli artisti venivano dati sussidi. Era facile stare fuori tutta la notte grazie alle particolari licenze dei bar e passare anni all’università senza far nulla era un modo per ammazzare il tempo. In contrasto con gran parte della Germania, si dice che Prenzlauer Berg abbia il tasso di nascite più alto d’Europa (sembra così per l’alta percentuale di giovani donne che vi abitano).

Dopo la caduta del muro, Berlino (e in particolare la vecchia zona Est) è diventata un centro culturale. Artisti e creativi si sono trasferiti in massa anche grazie al basso costo della vita nella parte est. Nonostante l’imborghesimento di alcune aree e l’aumentare dei costi Berlino è diventata un centro per le arti, il design, i media, la musica elettronica e la moda. L’alto numero di studenti e giovani ha aiutato, basta fare un giro per Prenzlauer Berg, Friedrichshain, o Mitte per capire l’atmosfera della nuova Berlino est.

Alcuni degli artisti che sono passati per Berlino nel corso della stria sono Lucas Cranach il Vecchio, Lucas Cranach il Giovane, Johann Gottfried Schadow, Marlene Dietrich, Leni Riefenstahl, Bertolt Brecht , Käthe Kollwitz, Kurt Tucholsky, Thomas e Heinrich Mann, Walter Gropius, Paul Klee, Friedrich Wilhelm Murnau, Fritz Lang, Volker Schlöndorff, Wim Wenders, Blixa Bargeld/Einstürzende Neubauten, Christopher Isherwood, Gunter Grass, i membri del movimento Bauhaus e molti altri anche non tedeschi tra cui si possono nominare David Bowie, Lou Reed e gli U2.

La gente[Modifica sezione]

Per gli standard europei Berlino è una città abbastanza giovane (XIII secolo) e ha sempre avuto la reputazione di essere un posto ricco di gente proveniente da tanti luoghi diversi. Può essere difficile trovare qualcuno nato e cresciuto a Berlino e questo è parte del fascino della città.

Esiste ancora un certo risentimento tra i vecchi abitanti dell’est e dell’ovest, frutto soprattutto di vecchi pregiudizi e stereotipi. Si tratta però di un aspetto dei berlinesi che sta scomparendo con il ricambio generazionale e grazie anche ai numerosi lavoratori stranieri e non che si sono trasferiti a Berlino nel corso degli ultimi 20 anni. La maggior parte dei giovani berlinesi infatti è del tutto estranea ai vecchi stereotipi ed è molto più incline ad avere una mentalità aperta e cosmopolita.

Orientarsi[Modifica sezione]

Berlino e’ - in molte parti - una bella città, quindi è meglio aver tempo a disposizione per ammirarla. Una buona mappa è consigliata. Sebbene il trasporto pubblico sia ottimo può essere un po’ complicato per i viaggiatori in visita la prima volta a causa della mancanza di indicazioni in alcune delle stazioni. Per questo motivo è meglio avere sempre con se anche una mappa della rete dei trasporti.

Assicuratevi di conoscere il nome dell’ultima fermata della S-bahn o U-bahn, dato che questo è l’unico metodo per conoscere la direzione verso la quale viaggiano i mezzi. Anche le strade possono essere complicate, studiate bene la mappa e guidate con prudenza se girate in macchina. State molto attenti quando girate a piedi a non passeggiare sulle piste ciclabili.

L’Ufficio del Turismo e’ un’ottima risorsa dove trovare informazioni o recuperare mappe quando siete in città.

Comunicare[Modifica sezione]

I berlinesi parlano tedesco e a volte il dialetto berlinese che comunque è abbastanza vicino al tedesco standard. A Berlino vi sarà rivolta la parola solo in tedesco, a meno che non abbiate l´apparenza di essere turisti: in Germania e soprattutto nella capitale tedesca ci sono milioni di stranieri residenti, che parlano tedesco, quindi agli occhi dei berlinesi sembrerete berlinesi anche voi. Nonostante vivano a Berlino immigrati che parlano decine di lingue diverse, l´unica lingua straniera veramente diffusa è l´inglese. Specialmente i giovani non avranno problemi a darvi informazioni e indicazioni in inglese. Naturalmente, come in ogni grande città, i residenti non vedono troppo di buon occhio i turisti, quindi spesso è meglio fornirsi di una buona guida turistica che mettersi a chiedere indicazioni stradali ai passanti. Gli annunci nelle stazioni sono in tedesco ma a volte anche in inglese. Gli annunci veramente importanti sono fatti solo in tedesco (ad esempio quelli che indicano problemi o interruzioni momentanee del servizio e danno i relativi consigli su percorsi alternativi). Se non parlate tedesco e vedete dipingersi espressioni non proprio felici sui visi degli altri viaggiatori, armatevi di pazienza e cercate di chiedere cosa è stato annunciato. Sarete aiutati. Nei negozi dei quartieri Kreuzberg e Neukölln è molto diffuso il turco, ma si viene capiti facilmente se si parla in tedesco. Nei quartieri ad est come Marzahn-Hellersdorf e Lichtenberg a volte si trovano negozi dove si parla comunemente il russo. Se non parlate tedesco, rilassatevi! Anche se Berlino è una metropoli e c´è molto turismo, i berlinesi di solito sono persone gentili e accetteranno di aiutarvi, anche se non parlate la lingua. Provate a parlare inglese, o francese, e se non ci riuscite parlate in italiano, gesticolate, mostrategli dei nomi scritti sulla vostra guida turistica, e vi indicheranno come arrivare nei luoghi. Da consultare: Frasario tedesco

Particolarità del berlinese[Modifica sezione]

I berlinesi usano comunemente alcune parole che derivano dal dialetto e si trovano raramente su vocabolari e dizionari:

  • Le più importanti riguardano i cibi:
    • La Schrippe è un panino, in tedesco standard "Brötchen".
    • Pfannkuchen: nonostante il nome indichi letteralmente un "dolce in padella", non si tratta di una crepe ma di un bombolone ripieno alla crema o alla marmellata. In tedesco standard i Pfannkuchen sono chiamati "Berliner Ballen", "Berliner" o "Krapfen".

Dolci simili alle crepes francesi a Berlino si chiamano "Eierkuchen", lett. "Dolce d´uovo".

    • Molle: un termine un po´ antiquato per indicare la birra, in tedesco standard "Bier".

A Berlino, come del resto in tutto il nord Germania, il "sabato" spesso non è chiamato "Samstag" come in tedesco standard, ma "Sonnabend". Una "casetta col giardino" per un berlinese dell´est è una "Datsche", letteralmente una "dacia", mentre la stessa casetta sarà chiamata "Laube" da un berlinese dell´ovest.

Come arrivare[Modifica sezione]

In aereo[Modifica sezione]

Berlino dispone di due aeroporti internazionali: Tegel (TXL) e Schönefeld (SXF), fra i quali Tegel è il più piccolo ma più importante (Flughafengesellschaft). Da Schönefeld partono molti voli low-cost (Ryanair, EasyJet e Germanwings) e i voli charter.

A partire dal 2006 sono cominciati a Schönefeld i lavori per il grande aeroporto intercontinentale di Berlino che aprirà i battenti prevedibilmente nel 2015. Il nuovo aeroporto sostituirà l'altro, che sarà chiuso.

Tutti gli aeroporti sono ottimamente collegati col trasporto pubblico a prezzi molto popolari. Si raggiunge il centro città con soli 3 €

Aeroporto Tegel[Modifica sezione]

Con l'autobus "JetExpressBus TXL" (direzione Berlino centro-est) o con il bus "X9 Tegel" (direzione Berlino centro-ovest) si raggiunge il centro cittadino in 20-30 minuti, a seconda del traffico, percorrendo le vie principali del centro, in cui si trovano gli hotel e le attrazioni. I bus "normali" 109 e 128 collegano invece l'aeroporto di Tegel con la rete della metropolitana. Se si prende il 128 si può scendere a Kurt-Schumacher-Platz e prendere la U6 in direzione Alt-Mariendorf per raggiungere la zona est di Berlino. Il 109 viaggia verso il "vecchio" centro di Berlino-Ovest.

Aeroporto Schönefeld[Modifica sezione]

Ci si può spostare con treni, treni metropolitani (S-bahn) o autobus. Per raggiungere la stazione dell'aeroporto si può andare a piedi per 5 minuti o prendere lo Shuttlebus. I treni regionali portano in centro più velocemente ma ce ne sono di meno e si fermano solo in certe stazioni (controllare prima della partenza). La soluzione più semplice è prendere il treno metropolitano (S-Bahn) S9 se si è diretti nella zona est (50 minuti di tragitto) o il treno metropolitano S45 se si vuole raggiungere la zona centrale ovest.

Prendendo l'autobus "JetExpressBus X7" si arriva alla fermata metro Rudow e si può prendere la metropolitana U7 che porta fino a Kreuzberg.

In treno[Modifica sezione]

Berlino è ben collegata dalle ferrovie pubbliche Deutschen Bahn AG, nel 2006 è stata completata la "stazione centrale" della città, in tedesco Berliner Hauptbahnhof, (abbreviazione "Berlin Hbf"), punto di arrivo e partenza di molti collegamenti nazionali e internazionali. Fino al 2006 la circolazione ferroviaria a Berlino era molto frammentata. Per i residenti nella zona ovest della città, la stazione ferroviaria principale era considerata Berlin Zoologischer Garten, la famosa "Bahnhof Zoo" che fino al 1989 ha collegato Berlino-Ovest alla Repubblica Federale di Germania. Per i berlinesi dell´est la "stazione" era Berlin-Ostbahnhof. Entrambe sono rimaste comunque stazioni molto importanti, si trovano in zona centrale e sono ottimamente collegate ai mezzi di trasporto cittadini. Altre stazioni importanti, soprattutto per il trasporto ferroviario regionale e interregionale sono Berlin Südkreuz, Berlin Gesundbrunnen e la stazione di Potsdamer Platz.

In autobus[Modifica sezione]

Diverse compagnie private offrono collegamenti bus da e verso berlino. Di solito questi bus partono e arrivano alla stazione centrale degli Omnibus al Funkturm. Le compagnie principali sono BerlinLinienBus e Gulliver's Busreisen.

In macchina[Modifica sezione]

Berlino è ottimamente serviate dalla rete autostradale. La A10 è una sorta di anello che circonda la città. Le altre autostrade collegate sono la A2, verso Hannover, Dortmund e Oberhausen, la A9 che collega Berlino a Monaco di Baviera, la A24 che porta ad Amburgo, la A12 che porta a Francoforte sull'Oder, la A13 che porta a Dresda, la A11 direatta a Stettino, oltre ad altre strade urbane come la A115.

Battello[Modifica sezione]

Berlino ha molti laghi e corsi d´acqua; è possibile fare diversi percorsi sulle vie d´acqua [1]. Gli itinerari più belli sono quelli che partono dal Wannsee e arrivano al Tegeler See o passano sul Müggelsee.

Come spostarsi[Modifica sezione]

Metropolitana U3: Heidelberger Platz
Tourist-Buslinie 100

Berlino dispone di una grande rete di bus e trasporto di superficie che si adatta benissimo alle visite della città. Il 12. dicembre 2004 sono state introdotte le cosiddette "Metro-Linien", nel caso si tratti di autobus si parla di "MetroBus" e nel caso si tratti di tram si parla di ("MetroTram"). Queste hanno una frequenza di passaggio di al massimo 10 minuti e nonostante il nome "Metro-..." non hanno nulla a che fare con la metropolitana.

Da non perdere per chi va a Berlino per la prima volta è un giro con gli autobus BVG 100 o 200, che viaggiano da Alexanderplatz fino a Zoologischen Garten percorrendo le vie cittadine in cui si trovano le attrazioni principali. Ci sono numerose linee di bus notturne e linee di tram notturni che durante i giorni feriali fra la una di notte e le cinque del mattino passano al massimo ogni mezz´ora. Nel fine settimana le linee delle metropolitane S-Bahn e U-Bahn viaggiano giorno e notte senza sosta. Per il trasporto notturno non sono necessari biglietti speciali. Bastano quelli normali.

La rete dei bus e delle metropolitane è divisa in 3 zone tariffarie A (i quartieri centrali), B (il resto del territorio comunale) e C (i sobborghi fino a 15 km dal centro). Naturalmente si possono comprare biglietti e abbonamenti che valgono solo in due o più zone, per esempio AB, BC o ABC, ma non ci sono biglietti e abbonamenti solo per la zona A. Chi vuole spostarsi nei luoghi intorno a Berlino, come Potsdam o Königs Wusterhausen, Oranienburg oppure il campo di concentramento di Sachsenhausen può comprare biglietti e abbonamenti che valgono nelle zone ABC o aggiungere un supplemento se si ha già l´abbonamento per le zone AB. In questo caso il biglietto supplemento vale due ore dalla convalida alle macchinette.

Prima di comprare i biglietti è meglio decidere all´arrivo cosa si vuole fare a Berlino. Chi fa un viaggio di 3 giorni e ha intenzione di vedere molti musei può comprare la "Welcome Card" che vale 72 ore e vale per un adulto + massimo 3 bambini al seguito. Con questa si viaggia sui mezzi pubblici e si ottiene fino al 50% di sconto in molti musei. A chi non interessa visitare molti musei o esposizioni è consigliabile invece prendere gli abbonamenti giornalieri (in tedesco "Tageskarten"). Per chi sta a Berlino 5-7 giorni è conveniente prendere l´abbonamento settimanale (in tedesco "Wochenkarte").

D'estate e' bello girare in bicicletta. Ci sono diversi posti dove e' possibile noleggiare delle bici e poi grazie alle piste ciclabili raggiungere praticamente ogni parte di Berlino. Non solo, ci sono dei percorsi che portano fuori città, l'ideale per andare a scoprire alcune delle vecchie cittadine che fanno parte della periferia berlinese e per raggiungere la campagna circostante.

Da vedere[Modifica sezione]

"Rotesrathaus" - Il palazzo municipale di Berlino
Il Berliner Dom
Konzerthaus Gendarmenmarkt

C´è solo l´imbarazzo della scelta su cosa vedere a Berlino, benché i monumenti e le attrazioni principali si trovino nei due vecchi centri di Berlino Est e Berlino Ovest e nella zona che li separava un tempo, la cosiddetta "terra di nessuno" in cui passava il Muro di Berlino e dove ora sorge Potsdamer Platz. I luoghi che non si deve mancare di vedere a Berlino sono la Porta di Brandeburgo, il Reichstag, il Monumento all´Olocausto, il Rotes Rathaus (il comune su Alexanderplatz), Alexanderplatz e la torre della televisione, detta in tedesco Fernsehturm, la Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche e i castelli di Charlottenburg e Bellevue. Oltre a questi, nelle zone periferiche ci sono la zona vecchia di Altstadt Spandau, il castello di Schloss Köpenick o i "Gärten der Welt", i "giardini del mondo" nel parco di Marzahn.

Centro Est[Modifica sezione]

  • Museumsinsel, l´isola dei musei fra i quali ci sono il Pergamonmuseum, il Bodemuseum e il Berliner Dom, il duomo di Berlino.
  • La via Unter den Linden, in cui si trova la Humboldt-Universität, la cattedrale cattolica di Santa Edwige, la Bebelplatz sui cui avvenne il rogo dei libri nel 1933, la Neue Wache, il Palast der Republik, sede del governo della Repubblica Democratica Tedesca.
  • La piazza del Gendarmenmarkt (in cui si trovano le splendide chiese gemelle dette Deutscher Dom e Französischer Dom, e il teatro al centro della piazza.
  • Friedrichstrasse con il Friedrichstadt-Palast e il Checkpoint Charlie.

Centro Ovest[Modifica sezione]

  • Zona del Kurfürstendamm e del giardino zoologico (Zoologischen Garten), nella quale si trova la Gedächtniskirche
  • La zona di Charlottenburg-Wilmersdorf: Castello di Charlottenburg, visitabile all´interno. Al piano terreno si veda la pinacoteca che raccoglie i capolavori del romanticismo tedesco; il museo Bröhan, Il museo della preistoria, la Raccolta Bergruen,
Sony-Center in Potsdamer Platz

"Nuova Berlino" e Potsdamer Platz[Modifica sezione]

  • Palazzo del cinema e Museo del cinema
  • Nuova Nationalgalerie, Gemäldegalerie (pinacoteca), Kunstbibliothek, Kupferstichkabinett ("Gabinetto delle stampe e delle incisioni"), Kunstgewerbemuseum ("Museo della decorazione e del design"), Museo degli strumenti musicali, Filarmonica di Berlino, il Museo della tecnica
  • Museo delle Comunicazioni ("Museum für Kommunikation - Postmuseum")
  • Quartiere governativo con l´edificio del Reichstag e la Cancelleria a due passi dalla Porta di Brandeburgo
  • Hamburger Bahnhof con il "Museum für Gegenwart" ("Museo del presente") e la Flick-Collection
  • Kreuzberg

Quartieri non centrali[Modifica sezione]

Far spese[Modifica sezione]

A Berlino gli orari di apertura dei negozi sono regolati per legge e normalmente i negozi sono aperti dal lunedì al sabato fino alle ore 20. I supermercati spesso aprono alle 8 o alle 9 del mattino, gli altri negozi alle ore 10. Alcuni negozi hanno orari speciali, come ad esempio il mega-store libreria Kulturkaufhaus Dussmann sulla Friedrichstraße che resta aperto fino alle 22. Nei quartieri ad est esistono i cosiddetti "Spätverkaufsstellen", letteralmente "luoghi di tarda vendita" che vendono cibo e beni di prima necessità anche dopo l´orario di chiusura ufficiale, ma spesso con piccoli incrementi di prezzo.

I grandi magazzini più importanti di Berlino sono il Kaufhaus des Westens, (letteralmente "Grande magazzino dell´ovest") il leggendario KaDeWe, tempio del consumo di lusso e simbolo dello sfarzo della vecchia Berlino Ovest. Anche il Lafayette e la Galeria Kaufhof (che si trova sull´Alexanderplatz) sono molto grandi e noti. Ci si possono trovare anche souvenir, squisitezze, vini e cibi pronti.

Nel "Kaufhaus des Westens (KaDeWE)", che si trova proprio a Wittenbergplatz si trovano merci di ogni tipo, dall´abbigliamento al cibo, soprattutto prodotti di lusso e di alta gamma. C´è una zona "promozioni" nel KaDeWe, proprio nel cortile centrale coperto a vetro; qui si trovano merci a prezzi un po´ più popolari. Da vedere il dipartimento dove si vendono i cibi ("Feinkostabteilung") e il ristorante, agli ultimi piani del grande magazzino. Da qui, se ci si siede a bere il caffè, a mangiare un dolce o a bere un bicchiere di Champagne e filetto di salmone, si gode una visuale bellissima sul traffico di persone e auto sulla Tauentzienstraße e Wittenbergplatz.

A Berlino i grandi magazzini hanno sempre meno importanza per quanto riguarda le vendite, infatti gli si preferiscono i grandi centri commerciali. Nella zona est di Berlino i più importanti sono il Ring-Center alla stazione della S-Bahn sulla Frankfurter Allee e le Schönhauser Allee-Arkaden che si trovano alla stazione U-Bahn/S-Bahn sulla Schönhauser Allee; nella zona ovest di Berlino c´è il Gesundbrunnen-Center alla stazione S-Bahn Gesundbrunnen e a Berlino centro (quartiere Mitte) le Arkaden di Potsdamer Platz.

  • boxoffberlin (a/k/a bob), Zimmerstrasse 11 (U Kochstr.) [2]

Mangiare[Modifica sezione]

Mangiare a Berlino ha costi notevolmente inferiori a qualsiasi altra città tedesca e dell´Europa occidentale. Si trova di tutto, dai ristoranti italiani a quelli cinesi a quelli indiani. Ad ogni angolo di strada si trovano i localini turchi che vendono il Döner Kebap e le bibite. Il Döner Kebap, incredibile a credersi, è un piatto tipico berlinese, perché è stato inventato dagli immigrati turchi negli anni ´70 proprio a Berlino! Durante il giorno in ogni angolo di strada si trovano venditori di salsicce tedesche. La specialità di Berlino è la "Currywurst", la salsiccia al curry, ma si possono provare anche le varianti "Bratwurst" e la "Bockwurst". La "Wiener" è una salsiccia molto stretta e lunga, simile ai wurstel che si trovano in Italia. Viene servita appena sbollentata in acqua e offerta dentro un panino di pochi centimetri di diametro. A Berlino le salsicce sono sempre grandi e il pane piccolissimo, è normale! Per chi ama il pesce ed è di fretta, si può provare la catena di fast-food Nordsee, che vende solo prodotti a base di pesce. Alcuni panini sono molto buoni. Di solito a Berlino i ristoranti si pagano in contanti, specialmente quelli che costano poco. Se il ristorante è molto piccolo chiedete prima se si può pagare con la carta di credito. Non rischierete una brutta figura al momento di pagare il conto. I prezzi includono già le tasse. Di solito si lascia il 5 percento di mancia al cameriere, se è stato gentile e disponibile. La mancia non è un obbligo, ma la lasciano praticamente tutti.

Dove alloggiare[Modifica sezione]

Alberghi[Modifica sezione]

  • Holiday Inn Berlin Mitte am Alexanderplatz, Theanolte-Bähnisch-Str. 2, 10178 Berlin, 030 740 74740-0 (fax: +49 30 740 747 – 399), [3].  edit
  • Indigo Hotel Berlin Charlottenburg am Kurfürstendamm, Hardenbergstraße 15, 10623 Berlin, +49 30 860 909-0 (, fax: +49 30 860 909-999), [4].  edit

Appartamenti[Modifica sezione]

  • Appartamenti Berlino (Appartamenti Berlino), Togostrasse 5, +4930700173048 (), [6]. Offre appartamenti completamente attrezzati nei migliori luoghi di Berlin. Ideale per famiglie e gruppi di amici.  edit
  • Sistemazione in famiglia (Unterkunft in Berlin), Immanuelkirchstr. 34, Berlino D-10405 (Tram M2: a Knaackstr da Alexanderplatz), +49 30 48496466 (), [8]. Necessario pre-prenotazione, minimo due notti. camera singola €35, camera doppia €44, camera tripla €51.  edit
  • ariviGo Dircksenstrasse 45, Berlin 10178, +49 30 24 04 77 170 (), [9]. check-in: 14:00 ; check-out: 10:00. Appartamenti vacanze vicino a Alexanderplatz e la Porta di Brandeburgo nel centro di Berlino.

Ostelli[Modifica sezione]

  • Pegasus Hostel Berlin , Autentica atmosfera berlinese nell’ ostello Pegasus di Berlino. Un’oasi verde nel cortile, architettura berlinese con storia, belle camere, posizione centrale.[10]
  • U inn Berlin Hostel, 10247 Berlin, Finow Strasse 26 (U Samaritastrasse), +49 30 33024410 (, fax: +49 30 69088011), [11]. checkin: 15:00; checkout: 11:00. l tuo ostello a Berlino. Vi invitiamo a passare un po' di giorni in pieno relax all'ostello "U inn Berlin". Circondato da caffè, bar, locali, discoteche e negozi, -13€. (52.51122,13.46732) edit
  • one80° Hostel, 10178 Berlin, Otto-Braun-Straße 65 (S+U Alexanderplatz), +49 (0) 30 280 44 62-0 (, fax: +49 (0) 30 280 44 62 22), [12]. -9€. (52.52326,13.4180176) edit
  • Pangeapeople Hostel, 10178 Berlin, Karl-Liebknecht-Str.34 (S+U Alexanderplatz), +49 30 8 86 69 58 10 (, fax: +49 30-63 22 633 13), [13]. -13€. (52.52589,13.41511) edit
  • Smarthostel Hostel & Hotel, 13353 Berlin, Genter Straße 53 a/b (S+U Seestr.), + 49 (0) 30 454 86 454 (, fax: + 49 (0) 30 454 86 500), [14]. (52.54727,13.35242) edit
  • 2A Hostel Berlin, 12055 Berlin, Saalestr. 76 (S+U Neukölln), +4930-63 22 633 0 (, fax: +4930-63 22 633 13), [15]. -13€. (52.470041,13.4444514) edit

Sicurezza personale[Modifica sezione]

Fuori città[Modifica sezione]


Varianti

Azioni

Docenti dell'articolo

In altre lingue

Altri siti